PROcommerce cresce nel 2016 e punta a un +30% con oltre 30 brand in portfolio

18 gennaio 2017

Giovanni Pola

PROcommerce, nell’anno appena trascorso ha puntato su consolidamento e qualità dell’organico e degli output, e questa scelta è stata premiata anche in termini di business: il fatturato è rimasto sostanzialmente stabile, mentre gli utili hanno subito una decisa impennata, a +120%. Attualmente la società sta lavorando per oltre 30 brand e vuole crescere almeno di un 30% in più, grazie ad aziende di prima fascia.

Sono diversi i progetti di rilievo portati efficacemente a termine da PROcommerce nel 2016: “Abbiamo lavorato per Fratelli Branca (Carpano.com), realizzato il restyling di Mediashopping.it, disegnato la campagna Valtellina per Regione Lombardia (Explora) e messo a punto circa 80.000 schede prodotto per oltre 10 ecommerce – sottolinea il ceo Giovanni Pola -. E ancora, abbiamo collaborato con Mapp, azienda leader in ambito Email Marketing, Campaign Management e Customer Engagement, attivato la partnership con POLI.design nell’insegnamento delle tecniche di CRO e lanciato la campagna Savetheclick.it”.

Centrale, inoltre, l’impegno a supporto del mondo delle startup grazie al modello Startup Thinking, applicato a interessanti realtà come Delizialy.com e Lorofuturo.it.

“Infine – continua Pola – continua la collaborazione con Fastweb sul fronte dell’ottimizzazione del processo di acquisizione clienti”.

A quattro anni dalla nascita, la sfida principale di PROcommerce rimane la crescita. A questo proposito, in programma con i Fratelli Branca c’è lo sviluppo strategico di due progetti di marketing digitale con il rilancio di altrettanti nuovi touch point, che si inseriscono all’interno di attività di consulenza digitale. Da qualche settimana, infine, PROcommerce lavora con Il Sole 24 Ore sviluppando il tema CRO, in attesa del lancio di Euclidea, nuovo player del panorama fintech italiano.

“Il prossimo sarà un anno di sempre maggiore articolazione della filiera in cui le aziende dovranno adattarsi internamente senza sfruttare solo l’outsourcing. PROcommerce porterà la sua capacità di lavorare creando team integrati col cliente per migliorare le performance e i fatturati dei suoi clienti con un’efficace ed emozionante User Experience”, conclude il ceo.

Il 2017 si prospetta, dunque, come un anno strategico per l’affermazione del modello di business targato PROcommerce basato sui principi della Digital Execution Agility e che ha già ottenuto buoni risultati sul mercato. In un equilibrato mix di creatività e analytics, la società è in grado di offrire servizi di User Centered Design e Conversion Rate Optimization a tutto il mondo del digitale, con un’attenzione particolare riservata alle startup innovative, a cui si riservano progetti ad hoc.