Al via il reshuffle dei canali musicali a brand Mtv

Da martedì 1° agosto i canali musicali a brand Mtv, presenti in esclusiva su Sky nell’area dedicata alla musica, saranno protagonisti di un reshuffle: in particolare Mtv Music si sposterà al canale 704 di Sky, andando così a fare da apripista al bouquet dei canali musicali a brand Mtv, Mtv Hits si sposterà al canale 706 e Mtv Rocks al canale 708.  Il cambio di numerazione dei canali musicali di Viacom International Media Networks, azienda guidata dall’Ad Andrea Castellari, sarà, inoltre, accompagnato, sempre a partire da dal 1° agosto, da una campagna di rebrand, che interesserà tutti e tre i canali del bouquet musicale del brand Mtv, con un promo dedicato in onda su Sky per tutto il mese di agosto. La campagna di rebrand vede assegnare ai tre canali tre colori distintivi: il verde per Mtv Music, il rosa per Mtv Hits e il giallo per Mtv Rocks.

Mtv Music è da sempre il punto di riferimento per quanto riguarda la musica: dalle nuovissime produzioni alle hits conclamate, dalle star amate dai più giovani agli artisti che mettono d’accordo tutti. Mtv Music è il mondo delle classifiche. Ampio spazio nel palinsesto è infatti dedicato alle charts, che sono il termometro della musica in tutte le sue declinazioni, ma è anche musica dal vivo, con gli esclusivi concerti del ciclo Mtv World Stage , è new trend influencer con Mtv Push (nuovi video che vengono lanciati a livello globale contemporaneamente in tutto il mondo), Mtv New Generation (artisti emergenti italiani supportati sia web che in tv) e New Zone, la fascia di programmazione in cui trovano spazio le produzioni più ricercate e alternative.

L’offerta musicale di Mtv viene poi completata da Mtv Hits , il canale con il meglio della musica contemporanea, e da Mtv Rocks, dedicato a tutti i fan della musica rock e alternativa. La musica, da sempre nel dna di Mtv, vive in tv e online su mtv.it con aggiornamenti, approfondimenti e news su musica, star, classifiche, playlist oltre a quiz e gallery fotografiche.

O-I firma il pack per Vigna Dogarina

O-I (Owens-Illinois), leader mondiale nella produzione di packaging in vetro, ha sviluppato una nuova bottiglia personalizzata per Vigna Dogarina, il top di gamma dell’azienda agricola trevigiana, parte del Gruppo Vi.V.O. Cantine da agosto 2016.

Il restyling della bottiglia rientra in un piano di integrazione e di rilancio di Vigna Dogarina, al fine di permettere al brand di differenziarsi non solo per la qualità del prodotto, ma anche nel packaging.

O-I ha creato una bottiglia personalizzata per rafforzare il posizionamento premium del brand. La bottiglia di O-I è infatti più leggera, elegante e slanciata rispetto al modello precedente ed è inoltre stata arricchita con il logo di Vigna Dogarina sul collo della bottiglia. La nuova bottiglia sarà utilizzata per tutta la linea prosecchi, che include il Prosecco DOC Brut, il DOC Extra Dry ed il Prosecco DOCG Valdobbiadene Brut e una dedicata ad una delle principali realtà della GDO in Italia. Ogni variante vedrà l’utilizzo della stessa bottiglia per facilitare il riconoscimento del brand e si differenzierà nel design dell’etichetta.

Vigna Dogarina produce a pochi km dallo stabilimento O-I di San Polo di Piave, dove viene realizzata la bottiglia. La collaborazione tra le due aziende rappresenta dunque un vero e proprio progetto a km 0, attraverso il quale O-I rinsalda ulteriormente il forte legame con il territorio del Prosecco e la sua cultura vinicola.

 

 

Nuovo sito per l’agenzia di stampa Agi

È online agi.it rinnovato nella sostanza e nella forma. Il restyling del sito è soltanto il primo passo per un rinnovamento complessivo dei servizi dell’agenzia, “la prima tappa di un progetto più ampio che ci accompagnerà nei prossimi mesi e che coinvolgerà i nostri clienti media (giornali, radio e tv), i lettori e i partner che hanno accettato di condividere con noi questo viaggio che è un po’ anche una scommessa: reinventare l’agenzia di stampa (ma già questo è un termine riduttivo, retaggio del XIX e XX secolo) del terzo millennio” si legge nella nota firmata dal vicedirettore dell’Agi Marco Pratellesi, che prosegue: “È questo il mandato che l’editore ci ha affidato dieci mesi fa quando ci ha scelti per dirigere l’agenzia. Ed è esattamente questo il motivo che, più di ogni altro, ha convinto me e Riccardo Luna ad accettare con entusiasmo la sfida: la possibilità di sperimentare, innovare, di cambiare le cose. Di provarci almeno. Era l’ottobre 2016. Da allora, con Riccardo Luna e tutti i colleghi dell’agenzia, ci siamo messi a pedalare, come furie, ma senza mai abbassare la testa che c’era da guardare lontano, oltre l’orizzonte definito. Se devi provare a svecchiare un settore rimasto ancorato alle logiche del vecchio mondo, se devi disegnare nuovi modelli di business che ritrovino una sostenibilità perduta, non puoi lavorare sul breve accontentandoti di risultati immediati quanto fugaci. Devi pensare a come sarà il mondo fra dieci anni e fare in modo di farti trovare pronto già da ora per allora”.

Il percorso verso l’innovazione di Agi parte da ‘La verità conta’, il nuovo pay off presente sotto la testata del sito e in tutte le campagne di comunicazione. La linea editoriale del nuovo sito si sostanzia in tre macro aree: Breaking News: uno spazio sotto la testata nel quale appariranno nel corso della giornata le notizie più importanti, che saranno poi raccolte nella sezione AgiLive, che si trova nella parte più bassa dello schermo; Diretta: tutte le volte che ci sarà l’opportunità e la possibilità verranno seguiti gli eventi in diretta video o, grazie all’accordo di partnership con l’Agenzia Vista, on demand; I fatti spiegati bene: altro compito del sito è spiegare i fatti, analizzarli, trovare chiavi di lettura originali utilizzando al meglio le risorse della rete, da Facebook a Twitter, ma soprattutto rilanciando il lavoro dei vari siti nazionali e internazionali.

Il sito, benché rappresenti il primo rifacimento organico e sistematico di una parte importante dell’agenzia, “non è la sola cosa fatta in questi primi 300 giorni. È stato messo mano al notiziario, il vero, grande motore di ogni agenzia di informazione. Rispetto a dieci mesi fa il notiziario si è arricchito di servizi che riteniamo importanti per affrontare l’informazione del terzo millennio. Così sono nati: Il Punto, articoli completi e chiusi con i quali, più volte al giorno, viene offerta agli abbonati una ricostruzione completa, ordinata e ben scritta dei principali fatti della giornata; Scheda: approfondimenti, ricostruzioni, spigolature, curiosità sui fatti in primo piano, ma anche profili di personaggi di cui si parla e che saranno al centro dei media nella giornata e sui quotidiani del giorno dopo; Fact Checking: ogni giorno, insieme ai partner di Pagella Politica, viene individuato un argomento o la dichiarazione di un politico che decidiamo di sottoporre al controllo dei fatti e dei dati; Supermedia, il servizio settimanale messo a punto con You Trend che tutti i giovedì fornisce il quadro dell’andamento delle intenzioni di voto degli italiani rispetto ai partiti politici e ai principali leader; Data Journalism: analisi di dati, visualizzazioni e mappature che, insieme al partner Formicablu, trasformano numeri complessi in notizie verificate e verificabili; Le storie, serie che propone, il venerdì e il sabato, storie e letture di approfondimento. Il nuovo sistema editoriale, una versione aggiornata di Kolumbus, avrà una serie di controlli automatici che dovrebbe contribuire ad aiutare i giornalisti a pubblicare testi il più puliti possibile. Il sistema editoriale che debutta con il sito sarà inoltre esteso a partire dall’autunno a tutta la redazione: grazie alla collaborazione con D-Share, Agi potrà così contare su un sistema unico che garantirà multimedialità e integrazione tra tutti i settori dell’agenzia. In autunno lanceremo una serie di iniziative che pure sono parte del progetto Agi 4.0: dal mobile first, che permetterà ai colleghi di lavorare con velocità digitale, a tutta una serie di nuovi servizi e prodotti pensati per aiutare media e aziende a essere padrone e attrici della propria comunicazione”.

Al via Tim MyNews, la nuova App ricca di notizie a firma di GEDI Gruppo Editoriale

 

Al via Tim MyNews , la nuova App che consente di accedere alle principali notizie della giornata in modo semplice e personalizzato, scegliendole tra le categorie di interesse. Grazie infatti all’accordo siglato con GEDI Gruppo Editoriale, Tim rende disponibili i migliori contenuti delle testate de La Repubblica, D, Limes, l’Espresso, National Geographic, My Movies, Deejay, TVzap, raccolte per la prima volta in un’unica vetrina per un’immediata lettura in streaming. L’App Tim MyNews comprende contenuti testuali e multimediali, distinti in due sezioni. In quella principale lo spazio in ‘primo piano’ con le principali informazioni della giornata è affiancato da un’altra vetrina personalizzabile con ulteriori notizie selezionate tra le categorie disponibili sulla base degli interessi del cliente: dalla cronaca alla cultura, dallo sport alla salute fino al cinema, alla moda e al tempo libero. Particolare focus anche alle notizie locali dei quotidiani del Gruppo GEDI. I lettori potranno selezionare direttamente la testata giornalistica locale d’interesse. Il servizio TimMyNews , è proposto gratuitamente a tutti i clienti Tim mobili che potranno accedere alla lettura completa di tutti i contenuti, inclusi quelli premium de La Repubblica e l’Espresso, fino al 30 settembre 2017. Da ottobre si potrà attivare, per la sezione premium, un abbonamento a 5,99 euro/mese. L’App TIM MyNews è disponibile per Android, a breve anche su iOS, ed è scaricabile gratuitamente dagli store.

Discovery acquisisce Scripps: operazione da 14,6 miliardi di dollari

Discovery Communications e Scripps Networks Interactive, annunciano di aver siglato un accordo definitivo in seguito al quale Discovery acquisirà Scripps con una transazione dal valore di 14,6 miliardi di dollari tra denaro e azioni (90 dollari per azione, il 34% in più rispetto alla chiusura del 18 luglio, prima che circolassero indiscrezioni sull’operazione).

La transazione si chiuderà all’inizio del 2018 e al termine gli azionisti di Scripps controlleranno circa il 20% della nuova società, mentre quelli di Discovery circa l’80 per cento. Insieme, le due realtà produrranno approssimativamente 8mila ore di programmi originali all’anno e avranno una library di 300.000 ore di contenuti, con circa il 20% di share nella pay tv statunitense. Il portafoglio combinato di brand include brand come Discovery Channel, Animal Planet, Eurosport, Food Network, Travel Channel, Fine Living Network. In Italia, Scripps è presente con due canali Fine Living e Food Network mentre Discovery ha 14 canali distribuiti su varie piattaforme, Real Time, Dmax, Nove, Focus, Giallo, K2, Frisbee, Discovery Channel, Discovery Science, Discovery Travel & Living, Animal Planet, Investigation Discovery, Eurosport, Dplay. Con questa acquisizione, Discovery punta a rafforzare la propria posizione in particolare sul pubblico femminile e in alcuni paesi chiave nei quali Scripps ha una posizione forte, come UK e Polonia.

Vizeum vince la gara media BMW

Si è conclusa con la vittoria di Vizeum la gara media della casa automobilistica tedesca BMW, che ha visto un testa a testa tra la sigla di Dentsu Aegis Network e Mec, struttura di GroupM. BMW ha quindi deciso di confermare il budget di circa 30 milioni all’agenzia che ha partecipato al pitch come incumbent, che è guidata nel nostro paese dal ceo Paolo Stucchi.

Alla notizia, pubblicata su primacomunicazione. it lo scorso venerdì, non ha fatto seguito l’ufficializzazione.

 

 

Reply, nel secondo trimestre il fatturato a +16,5% pari a 233,2 milioni di euro

Il Consiglio di Amministrazione di Reply ha approvato i risultati al 30 giugno 2017. Da inizio anno, il Gruppo registra un fatturato consolidato pari a 441,6 milioni di euro, in incremento del 14,3% rispetto al corrispondente dato 2016. Nel primo semestre 2017, si registra, inoltre, un incremento dei margini, con un EBITDA consolidato pari a 61,7 milioni di euro (+20,3%) e un EBIT di periodo di 57,0 milioni di euro (+18,7%). L’utile ante imposte, pari a 53,5 milioni di euro, è in crescita del 13,1% rispetto al 2016.

Per quanto riguarda il secondo trimestre dell’anno, l’andamento del Gruppo è risultato altrettanto positivo, con un fatturato consolidato di periodo pari a 233,2 milioni di euro, in incremento del 16,5% rispetto al dato 2016. L’EBITDA, da aprile a giugno 2017, è stato pari a 33,7 milioni di euro, con un EBIT di 31,8 milioni di euro e un utile ante imposte di 28,1 milioni di euro. Al 30 giugno 2017 la posizione finanziaria netta del Gruppo è positiva per 35,3 milioni di euro (80,6 milioni di euro al 31 marzo 2017). Al 30 giugno 2016 la posizione finanziaria risultava essere positiva per 23,3 milioni di euro.

“Reply – ha dichiarato Mario Rizzante, Presidente di Reply, al termine del CdA – nei primi sei mesi del 2017 è stata in grado di raggiungere risultati estremamente positivi, sia in termini di fatturato che di marginalità. Il secondo trimestre, in particolare, è stato caratterizzato da una sostanziale crescita e, questo, ci consente di guardare con ottimismo ai mesi futuri, continuando nel percorso di sviluppo del nostro Gruppo.”

“Il punto di forza di Reply – continua Mario Rizzante – è la capacità di interpretare l’innovazione rendendola funzionale alle esigenze delle aziende. Siamo stati tra i primi, ad esempio, a lavorare sui paradigmi del Big Data, del Cloud Computing, dell’Internet degli Oggetti e dell’Augmented e Virtual Reality.”

“Oggi – conclude Mario Rizzante – la nuova frontiera è rappresentata dall’Artificial Intelligence e dal Machine Learning, tecnologie che tutti i settori industriali stanno introducendo e su cui Reply sta investendo significativamente, in soluzioni e competenze specifiche, per affiancare le aziende in quella che sarà la più profonda trasformazione dei prossimi anni.”

 

FCP Stampa, fatturato in calo del 9,3% nel periodo gennaio-giugno 2017

L’Osservatorio Stampa FCP ha diffuso i dati relativi al periodo Gennaio-Giugno 2017 raffrontati con i corrispettivi 2016.
Il fatturato pubblicitario del mezzo stampa in generale registra un calo del -9,3%.

In particolare i quotidiani nel loro complesso registrano un andamento negativo sia a fatturato -10,6% che a spazio -4,5%.

Le singole tipologie segnano rispettivamente:

La tipologia Commerciale nazionale ha evidenziato -13,6% a fatturato e -11,5% a spazio.
La pubblicità Commerciale locale -6,3% a fatturato e – 2,1% a spazio.
La tipologia Legale ha segnato -13,0% a fatturato e -11,9% a spazio.
La tipologia Finanziaria ha segnato -16,8% a fatturato e -13,1% a spazio
La tipologia Classified ha segnato -3,9% a fatturato e -3,9% a spazio.

I periodici segnano un calo sia a fatturato del -7,0% che a spazio del -5,1%.
I Settimanali registrano un andamento negativo sia a fatturato del -5,4% che a spazio del -5,3%.
I Mensili segnano un calo a fatturato – 7,6% e a spazio -4,1%.
Le Altre Periodicità registrano -21,5% a fatturato e -10,5% a spazio.

Per vedere i dati completi: www.pubblicitaitalia.it/channel/datacenter

Pubblicità Progresso: al via l’esperimento sociale contro il fenomeno Blue Whale

Social Whale: è il nome dell’esperimento sociale condotto da Pubblicità Progresso per dimostrare che i social network possono diventare, se adeguatamente utilizzati, vettori di valori positivi.

Il riferimento a Blue Whale, gioco dell’orrore che spinge giovani users dei social network a superare una serie di prove estreme, è evidente, ma il fine è completamente opposto: il progetto costituisce una risposta alla macabra sfida al suicidio, si propone di trasmettere difatti valori positivi, farli condividere ai più giovani tramite il meccanismo della gamification e far riscoprire l’importanza di messaggi sociali e di piccoli gesti che ognuno di noi può compiere per rendere il mondo un posto migliore, anche attraverso un semplice sorriso.

L’iniziativa, riproponendo il funzionamento del gioco estremo Blue Whale, prevede che, a partire da oggi 31 luglio e per tutto il mese di agosto 2017 sulla pagina Facebook di Pubblicità Progresso, verranno proposte 31 azioni con una card, una al giorno, che inviterà i partecipanti a svolgere la prova durante la giornata e a condividerla sul proprio profilo Facebook o Instagram, impostando l’opzione privacy pubblica così da rendere visibile il post sulla propria bacheca utilizzando l’hashtag #SocialWhale, obbligatorio per partecipare al contest quotidiano.

Pubblicità Progresso intende coinvolgere nell’esperimento sociale il numero più alto possibile di users dei social network al di sopra dei 14 anni di età, che ogni giorno potranno partecipavi volontariamente svolgendo semplici azioni che hanno un’utilità sociale o che sono atte a procurare a se stessi e al proprio prossimo un sorriso diventando così Smiler, coloro che diffondendo un sorriso lanceranno un messaggio di coesione. Già dal primo giorno si chiederà ai partecipanti di farsi portatori di sorriso, scattandosi un selfie sorridente o buffo e condividendolo, diventando protagonista della Social Whale.  Altri esempio di azioni proposte saranno per esempio disegnare uno smile su un post-it e attaccarlo nel primo posto che viene in mente o comportarsi in maniera sostenibile, preferire la doccia al bagno in vasca risparmiando acqua e cronometrandosi.

Al termine di ogni giornata e in seguito ad un’accurata selezione a cura di un team dedicato, sulla pagina Facebook di Pubblicità Progresso verrà pubblicato il post più rappresentativo della giornata. La ricerca del contenuto più rappresentativo del giorno avverrà tramite il filtraggio dell’hashtag #SocialWhale, all’interno dei canali Facebook e Instagram.

Al fine di promuovere il progetto, parteciperà attivamente anche un gruppo di influencer che aiuteranno Pubblicità Progresso nella diffusione dell’iniziativa sociale e faranno parte della giuria che individuerà i 5 contenuti più meritevoli che verranno esposti in occasione dell’annuale Festival della Comunicazione Sociale la cui giornata conclusiva si svolgerà il 28 novembre del 2017 presso il Salone d’Onore della Triennale di Milano.

Iperceramica si fa in tre con Jack Blutharsky

Il gatto di Iperceramica ha trovato tre giovani eredi, protagonisti insieme alle loro padrone della nuova campagna ideata dall’agenzia bolognese Jack Blutharsky. Da domenica 30 luglio tre nuovi spot tv sono on air su tutte le principali reti nazionali. I film descrivono momenti di piacere e relax a contatto diretto con alcuni nuovi pavimenti dell’azienda modenese, retailer numero uno del settore in Italia. Prosegue così il racconto – iniziato nel 2015 con la prima campagna di Iperceramica a firma Jack Blutharsky – che vede il gatto nei panni di tester e testimone della qualità del prodotto.

I tre video da 15” in rotazione presentano i nuovi prodotti di punta dell’assortimento Iperceramica: il pavimento ‘Total White’, il ‘Total Black’ e la’Pietra del deserto’ testati da gatti e padrone dalla pelliccia e dai capelli del colore intonato.
La direzione creativa e il copy sono di Andrea Ruggeri e l’art direction è Zeus Ferrari. La produzione, come per il precedente spot, è di The Family con la regia di Bosi e Sironi. La pianificazione è a cura di Flag Media.

JCDecaux, il fatturato segna un +1,5%. Dall’Arredo Urbano le migliori prestazioni

JCDecaux ha presentato i suoi risultati finanziari semestrali 2017.

In seguito all’adozione dell’IFRS 11 dal 1 gennaio 2014, i dati operativi presentati sono rideterminati per includere la quota proporzionale delle società in controllo congiunto.

Il fatturato rideterminato per i sei mesi conclusi il 30 giugno 2017 è aumentato dell’+1,5% per assestarsi a 1.641,4 milioni di euro da 1.617,3 milioni di euro nello stesso periodo dell’esercizio precedente. Su base organica (cioè escludendo l’impatto positivo delle variazioni del cambio estero e l’impatto positivo di cambiamenti del perimetro), il fatturato rideterminato è aumentato dello + 0,4%.

Il fatturato pubblicitario rideterminato, escludendo il fatturato relativo a vendita, locazione e manutenzione, è aumentato dello +0,5% su base organica nel corso del primo semestre 2017.

Nel primo semestre 2017, il margine operativo rideterminato è diminuito del -3,6% per assestarsi a 255,0 milioni di euro dai 264,5 milioni di euro nel primo semestre 2016.

Nel primo semestre 2017, l’EBIT rideterminato prima dell’impairment è diminuito del -4,5% per assestarsi a 115,1 milioni di euro rispetto ai 120,5 milioni di euro nel primo semestre 2016.

Nel primo semestre 2017, il profitto finanziario netto si è assestato a -15,3 milioni di euro rispetto a -13,2 milioni di euro nel corso del primo semestre 2016.

Nel primo semestre 2017, la percentuale di profitto netto da società consolidate con il metodo del patrimonio netto è stata di 46,5 milioni di euro, superiore rispetto allo stesso periodo dell’esercizio precedente (45,7 milioni di euro).

Tenendo conto dell’impatto dell’impairment, la quota del Gruppo sul fatturato netto è diminuita del 7,8% per assestarsi a 74,1 milioni di euro rispetto agli 80,4 milioni di euro nel corso del primo semestre 2016.

Nel primo semestre 2017, il flusso di cassa libero rideterminato si è assestato a 30,1 milioni di euro rispetto a 98,3 milioni di euro nel corso dello stesso periodo del precedente esercizio. Il debito netto al 30 giugno 2017 ammontava a 551,4 milioni di euro rispetto ad una posizione di debito netto pari a 547,0 milioni di euro al 30 giugno 2016.

Commentando i risultati del primo semestre 2017, Jean-François Decaux, presidente del Direttorio esecutivo e Co-Direttore di JCDecaux, ha affermato: “Il fatturato dell’azienda nel primo semestre 2017 pari a 1.641,4 milioni di euro, con un aumento pari all’1,5% su base riferita e pari a +0,4% su base organica, è dipeso da un secondo trimestre ben superiore alle aspettative con una percentuale di crescita organica pari all’1,5% che riflette un giugno solido grazie al miglioramento della nostra attività in Cina. Le buone prestazioni di Arredo Urbano sono dipese essenzialmente da un considerevole aumento del fatturato digitale grazie alla corrente digitalizzazione degli asset Premium di Arredo Urbano in tutto il mondo, comprese Londra e New York, mentre il segmento Trasporti è risultato virtualmente piatto con un impatto negativo sulla riduzione del fatturato sia in Cina (comprese Hong Kong e Macao) sia nel Resto del mondo. Il segmento Affissioni ha subito una battuta d’arresto malgrado le buone prestazioni della affissione digitale, riflettendo la mancanza di consolidamento del mercato Large Format in Europa. Il nostro fatturato digitale che rappresenta oggi il 15,6% del fatturato totale, ha continuato a crescere solidamente con aumenti delle quote di mercato nel Regno Unito e negli Stati Uniti. Come anticipato, il margine operativo di Arredo Urbano è aumento di +100 punti base (pb) al 23,4% grazie ad un solido aumento del fatturato digitale nel contratto per le pensiline degli autobus a Londra dove attualmente controlliamo quasi 700 schermi da 84” e grazie all’impatto positivo del turnaround in corso di CEMUSA. Tuttavia il margine operativo generale è diminuito di -90pb, al 15,5%, in seguito all’impatto negativo della riduzione dei margini per i settori Trasporti e Affissioni. Per quanto riguarda la crescita organica, ci siamo aggiudicati alcuni significativi contratti pubblicitari sui mercati a importante crescita, quali l’aeroporto internazionale Guangzhou Baiyun (Terminal 2), l’aeroporto internazionale São Paulo-Guarulhos, la metropolitana di São Paulo, l’aeroporto internazionale Tocumen a Panama e Arredo Urbano a Dubai a anche alla franchise globale per le pensiline degli autobus, bus, tram e metropolitane a Rotterdam.In seguito alla fusione con Top Media nel dicembre 2016, in America Centrale, abbiamo continuato a consolidare il mercato OOH, altamente frammentato in America Latina, con la fusione dell’attività OOH in una joint venture con América Móvil in Messico per rafforzare la nostra posizione sul secondo maggiore mercato pubblicitario nella regione. La chiusura di questa transazione è soggetta al soddisfacimento di talune condizioni, tra cui l’approvazione da parte della Mexican Federal Competition Commission. Tenuto conto della ridotta visibilità, ci aspettiamo una crescita del fatturato organico rideterminato per il terzo trimestre in aumento in modo da poterci attestare al + 3%, che dovrebbe riflettere un ritorno alla crescita in Cina e il buon slancio negli Stati Uniti ed in Europa, con la Francia che rimane ancora competitiva e con il Regno Unito che rallenta”.

Casta Diva Group debutta nei video a 360° (3D) stereoscopici full body

Casta Diva Group prosegue nel suo progetto di crescita annunciato qualche mese fa nel piano strategico 2017-2019.

Ai numerosi servizi che l’azienda offre ai propri clienti, si aggiunge anche la produzione di video 360° (3D) stereoscopici in persona (full body) grazie a un accordo di collaborazione commerciale con Impersive, giovane società con sede a Milano distintasi nel panorama nazionale e internazionale per le proprie peculiari competenze nel campo, che ne fanno una realtà di riferimento nel settore.

“Il nostro obiettivo è offrire ai clienti un servizio sempre più a 360° nel mondo della comunicazione a livello internazionale e utilizzare le tecnologie più all’avanguardia” affermano Andrea De Micheli e Luca Oddo, rispettivamente amministratore delegato e presidente di Casta Diva Group.

“Questo accordo ci permette di avere a disposizione uno strumento che potrà essere utile non solo nella comunicazione corporate, ma anche per iniziative didattiche, formative, culturali, museali in tutti i territori dove siamo presenti”.

“La realtà virtuale è uno strumento ideale per eventi e campagne di marketing e comunicazione a patto di padroneggiare il linguaggio e la tecnica che oggi si ottiene solo con l’esperienza sul campo e infiniti test” dichiara Guido Geminiani, amministratore delegato di Impersive.

“La tecnologia Impersive garantisce un vantaggio competitivo di linguaggio ma sono comunque e sempre le idee a fare la differenza. La ricerca tecnologica e di linguaggio sviluppata con Impersive in questi anni nel mondo della realtà virtuale in Italia trova nella partnership con Casta Diva Group il naturale sviluppo nel panorama internazionale, creando sinergie non solo commerciali ma anche creative e produttive”, conclude Geminiani.

Balocco on air in autunno con una nuova creatività firmata Sunny Milano

Partiranno in questi giorni le riperse della nuova campagna televisiva di Balocco firmata da Sunny Milano, partner creativo del brand.

A riportare la notizia il quotidiano La Stampa in un’intervista al presidente e ad dell’azienda Alberto Balocco. Una parte delle riprese in esterna si svolgeranno a Fossano e nella zona della pianura attorno alla città degli Acaja.

“Nel suo novantesimo anno d’attività – spiegano in una nota dall’azienda -, questo è un modo per rendere omaggio al territorio che ha visto nascere nel 1927 l’azienda di Fossano, oggi tra i principali player nazionali del settore dolciario e, dopo tre generazioni, tuttora profondamente legata alle sue origini”.

Dietro la macchina da ripesa il regista Daniele Luchetti, vincitore di David di Donatello e regista di numerosi film come Il portaborse, Mio fratello è figlio unico e La nostra vita.

Accanto a lui Paki Meduri, scenografo di molte pellicole di successo, come Gomorra. La nuova campagna che debutterà in tv in autunno vedrà come protagonisti i frollini per la prima colazione e i dolci da ricorrenza firmati Balocco.

LaF, in arrivo da settembre serie tv e produzioni originali in prima visione

LaF (Sky 139) punta su un autunno di prime tv assolute, con grandi serie tv internazionali tratte dal meglio della letteratura internazionale e inedite produzioni originali che esplorano la cultura e la società nel nostro Paese, per un’offerta di intrattenimento culturale sempre più ricca e pregiata.

Dalla prova d’attore di Rowan Atkinson nel ruolo di Maigret nel recente e acclamato adattamento per ITV (in programma a novembre), alla Cuba affascinante e misteriosa di Havana Noir – Le indagini di Mario Conde (dal 19 settembre), dalla serie thriller che ha stregato gli inglesi Apple Tree Yard con Emily Watson e Ben Chaplin (4 puntate da 60 minuti, in onda il 21 e il 28 novembre) alla miniserie francese I colori del crimine tratti dai gialli di Gilda Piersanti (dal 17 ottobre), fino alle nuove stagioni di Poldark (dall’8 settembre) e Victoria (prevista per fine anno).

Accanto alle grandi serie internazionali, la tv di Feltrinelli aggiunge al suo palinsesto anche nuove produzioni originali: dal progetto editoriale Nessuno può volare di Simonetta Agnello Hornby, un viaggio d’autore realizzato da Pesci Combattenti tra disabilità, arte e storia (in libreria dal 28 settembre e in tv dal 25 ottobre) a Noi siamo cultura (a novembre), percorso nell’Italia delle imprese culturali e creative indipendenti, fino ai nuovi episodi di Un libro per due, format che ha riscritto la modalità di parlare di libri e lettura in tv (dal 2 ottobre dal lunedì al venerdì nuovi 15 episodi in access prime time).

 

Justine Bellavita nominata Editor-in-Chief di Vogue International

Justine Bellavita è stata nominata Editor-in-Chief di Vogue International, un ruolo di nuova creazione.

Lo ha annunciato Jonathan Newhouse, Presidente e Chief Executive di Condé Nast International, lo scorso 28 luglio.

Con sede a Londra, Bellavita guiderà da ottobre il nuovo team editoriale centrale di Vogue International, con l’obiettivo di creare giornalismo digitale di alta qualità che copra tutti gli aspetti internazionali della moda.

Il team di Vogue International include redattori, giornalisti, video-giornalisti e interactive, un gruppo dedicato allo sviluppo delle audience e dei social media, nonché un team dedicato a Snapchat.

Bellavita proviene da Condé Nast Italia dove è stata Digital Editor di Vogue Italia, sotto la direzione della ‘leggendaria’ Franca Sozzani, e Web Editor di VanityFair.it.