La fine dell’advertising secondo Mindshare

2 dicembre 2016

Verner Bager

di Andrea Crocioni


Nel 2018 avremo un mondo senza annunci pubblicitari. È questo lo scenario provocatorio immaginato da Mindshare protagonista ieri a eurobest con l’intervento ‘Afterad: The end of advertising’.

“Dal 2010 al 2016, in soli sei anni l’attenzione verso l’adv è scesa dal 14% al 6%, mentre in parallelo l’irritazione per la pubblicità è cresciuta dal 22% al 36%. Per questo non devono stupire fenomeni come la fuga dalla tv, per nuove forme di fruizione dei contenuti, e l’ad blocking”, ha detto Verner Bager, strategic director della centrale media.

“Dagli ormai classici Earned, Owned e Paid Media – ha continuato – siamo passati al trovato, usato, tenuto e condiviso”.

Il consumatore oggi non vuole più essere bombardato, ma ha bisogno di essere indotto a ‘scoprire’ autonomamente. Ci troviamo di fronte a paradigmi della comunicazione completamente rivoluzionati.

“Per questo è necessario lavorare a idee in grado di funzionare anche senza pianificazione pubblicitaria”, ha aggiunto il manager che ha citato l’instant adv ‘Brad is single’ (dedicato alla rottura fra Pitt e Jolie) realizzato da Norwegian come caso esemplare in questo senso. Addio alle interruzioni, la sfida è quella di essere abili a inserirsi nelle conversazioni online.

“E’ fondamentale ispirarsi all’attualità, intercettare i trend”, ha affermato Bager. Altro spazio per i brand destinato a crescere è quello degli eventi che secondo il manager possono diventare sempre di più un’efficace cassa di risonanza. Ma la nuova comunicazione potrà contare anche sulle promozioni che sfruttano la tecnologia (significativo il caso di Kentucky Fried Chicken che ha puntato sul mondo dei patiti dei videogiochi inserendo un in-game delivery service). “La gente non compra quello che fai, ma il perché lo fai”, ha ricordato lo strategic director.

A chiudere una case history targata Mindshare che, con Vodafone, ha affrontato il problema della violenza sulle donne in Turchia. Per l’occasione è stata creata una App in grando di azionare una rete di soccorso semplicemente agitando tre volte il telefono. Un’operazione che ha riscosso grandissimo successo come confermano i numeri: l’applicazione è stata scaricata dal 24% delle donne turche in possesso di uno smartphone.