Rubicon Project e Veesible alleate per l’automatizzazione full stack

30 novembre 2016

Rubicon Project, marketplace di advertising, ha annunciato di aver siglato un accordo con Veesible, concessionarie digital italiana, per l’automatizzazione dell’advertising dell’adserver di Veesible DotAndMedia grazie all’interfaccia xAPI di Rubicon Project. Con oltre 22 siti, Veesible è uno dei principali player del settore e offre visibilità ed engagement agli advertiser.

Il suo adserver DotAndMedia è il numero 1 in Italia.

L’interfaccia Exchange Application Programming Interface (xAPI) di Rubion Project permette ai partner, alle imprese multimediali, ai proprietary ad serving technologies e agli sviluppatori di mobile app di creare un’asta unificata per tutte le loro fonti di domanda. Grazie all’integrazione xAPI, DotAndMedia beneficia dell’accesso a centinaia di piattaforme d’acquisto programmatic e decine di migliaia di advertiser in tutto il mondo per ‘guaranteed’, ‘open’ e ‘private marketplaces’ per l’offerta mobile, desktop, tablet, video e native.

Questa partnership tra Veesible and Rubicon Project permetterà a Veesible di sfruttare l’importante bacino di advertiser di Rubicon Project. Grazie a questa integrazione i publisher possono migliorare la loro monetizzazione in tempo reale facendo competere campagne acquistate in modalità diretta con campagne in programmatic per tutto l’inventario disponibile.

Sara Buluggiu, Italy country manager e sales director southern Europe e MENA di Rubicon Project ha dichiarato: “Rubicon Project è focalizzata sullo sviluppo di un marketplace scalabile, aperto e indipendente; un contesto in cui l’acquisto e la vendita automatizzati di advertising possano crescere. La flessibilità e la fluidità della nostra tecnologia xAPI consentirà a Veesible di creare un’unica asta tra tutte le parti. Abbiamo assistito a una rapida diffusione delle integrazioni xAPI con diversi partner in tutto il mondo e questo accordo con Veesible e DotAndMedia aggiungerà un’incredibile offerta a buyers e sellers nel mercato italiano”.