E.ON sceglie M&C Saatchi per il nuovo posizionamento #odiamoglisprechi

22 novembre 2016

di Valeria Zonca


Dopo l’uscita dalle attività convenzionali dell’energia e la focalizzazione sulle fonti rinnovabili, E.ON Italia ha lanciato la campagna per comunicare il nuovo posizionamento con un investimento di oltre 4 milioni di euro.

Il concept #odiamoglisprechi è stato sviluppato da M&C Saatchi. Si tratta di un news business entrato in portfolio senza una gara: dal momento che M&C Saatchi UK ha curato il riposizionamento del gruppo oltre Manica, la filiale italiana ha deciso di contattare l’agenzia milanese.

“Vogliamo assumere, di fronte ai consumatori, il ruolo di partner affidabile in grado di aiutare i clienti a ottimizzare i loro consumi. E.ON conta in Italia oltre 700 mila clienti, di cui 500 mila residenziali e altri 200 mila piccole e medie imprese. L’obiettivo è quello di raggiungere il milione nei prossimi anni”, ha dichiarato Marcello Donini, Marketing Communication, Web and Loyalty.

“L’hashtag e il manifesto mettono le persone di fronte a un ragionamento: non è una demonizzazione ma un invito al consumo intelligente. L’obiettivo dell’azienda è di portare il cliente a fare il proprio chek up energetico sul sito web eon-energia.com per individuare gli sprechi”, ha spiegato Luca Scotto di Carlo, creative partner e direttore creativo esecutivo di M&C Saatchi.

E.ON muove proprio dall’ascolto dei progetti e delle necessità delle persone per attuare un percorso di collaborazione reciproca, in cui i servizi e le tecnologie innovative diventano risorse per una maggiore consapevolezza e capacità di ottimizzazione e risparmio. La strategia di comunicazione nasce dalla vita quotidiana, dalle abitudini delle persone, in cui in misure e modi diversi, tutti sprechiamo energia: queste abitudini non portano alcun vantaggio, anzi risultano dannose, per l’ambiente ma anche per se stessi.

“Nei video abbiamo esasperato 4 situazioni di spreco facendo un parallelismo tra l’energia intesa come luce e gas e la propria energia personale ovvero lo spreco di tempo, passione, talento e fantasia”, ha aggiunto Vincenzo Gasbarro, creative partner, direttore creativo esecutivo  e regista della campagna. La casa di produzione è Utopia.

La pianificazione curata da Starcom punta sull’integrazione tra i vari mezzi: in Tv, radio e sul digital dal 20 novembre, su stampa quotidiana nazionale e locale da ieri con 4 soggetti, e out of home da metà dicembre. Gli spot video raggiungeranno una molteplicità di piattaforme: dai canali web delle principali emittenti al ‘secondo schermo’ dei canali social e dei motori di ricerca, oltre ai comparatori on line. La pianificazione online è stata ottimizzata anche attraverso l’erogazione in programmatic adv di diversi formati. Parte di questa pianificazione è stata studiata per andare in sincronia con gli spot televisivi, massimizzando la reach sul target che fruisce entrambi i mezzi in simultanea. Anche lo spot radio, in onda sulle emittenti nazionali sarà integrato con i digital media tramite Spotify in programmatic.

“Diamo poi un appuntamento al 10 dicembre, giorno in cui l’agenzia lancerà per il cliente un evento speciale di grande impatto, ancora top secret”, ha concluso Carlo Noseda, managing partner di M&C Saatchi.

Per M&C Saatchi hanno lavorato l’Head of Content & Innovation Andrei Kaigorodov, l’art director Fabio Lettieri, il copywriter Davide Pasquale, il digital production director Stefania Sabbatini il digital art director Fabio Furnari e il digital designer Riccardo Palazzo. Le fotografie sono di Carioca.Studio.


M&C Saatchi, un 2016 “fantastico” con crescita a 15% e la nuova cdp Utopia 

“Il 2016 è stato un anno fantastico, con un fatturato finale ci proietterà oltre il +15%, con un trend di crescita continuativo. Abbiamo: fatto new business, consolidato il rapporto con clienti esistenti e centellinato la nostra presenza alle gare”.

Queste sono state le parole di Carlo Noseda, managing partner di M&C Saatchi, a margine della presentazione della nuova campagna istituzionale di E.ON (vedi notizia).

“A inizio anno il nostro obiettivo è stato, però, anche quello di ‘reinventare’ il nostro modo di fare comunicazione, da agenzia ‘contemporanea’ quale siamo”.

Un obiettivo che ha contraddistinto l’agenzia milanese sin da quando è approdata in Italia nel 2010.

“Siamo andati oltre l’adv tradizionale, unendola al contenuto, e abbiamo prodotto nel 2016 circa 80 video – ha proseguito Noseda -, creando la casa di produzione Utopia che, con statuto legale e sede propri, lavora con noi e per altri clienti. Due gli esempi su tutti: gli spot ‘Le serie tv sono parte di noi’ per Sky e ‘Hundred to go’, la serie tv per i 100 anni di BMW in onda sul canale Fox. Le previsioni di Nielsen sul mercato parlano di una ripresa; quello che non sta ripartendo è ciò che funzionava 10 anni fa, ora c’è spazio solo per chi sa guardare avanti”. (V.Z.)