JCDecaux, nel terzo trimestre 2016 fatturato a +3,8%. Bene l’Arredo Urbano

8 novembre 2016

Jean-Charles Decaux

Sono stati pubblicati ieri i risultati relativi ai primi nove mesi 2016 dell’operatore di comunicazione esterna JCDecaux SA. Il fatturato rideterminato del gruppo nel terzo trimestre 2016 è aumentato del +3,8% raggiungendo i 792,7 milioni di euro, a fronte dei 764,0 milioni di euro del pari periodo 2015.

Escludendo l’impatto negativo correlato alla variazione dei tassi di cambio e l’effetto positivo correlato alle variazioni di perimetro, il fatturato rideterminato presenta un aumento del +1,5%. Il fatturato pubblicitario rideterminato, esclusa la voce relativa a vendite e locazione di materiali, e quella relativa ai contratti di manutenzione, presenta nel terzo trimestre 2016 un aumento del +1,3%.

Arredo Urbano: il fatturato rideterminato del terzo trimestre è aumentato del +12,5% raggiungendo i 341,2 milioni di euro (+6,0% in crescita organica). L’Europa (incluse Francia e Regno Unito) registra una buona crescita. L’Asia-Pacifico presenta una crescita a 2 cifre. Il Resto del mondo è in leggero aumento. L’America del Nord riporta una diminuzione. Il fatturato pubblicitario rideterminato del terzo trimestre, esclusa la voce relativa a vendite e locazioni di materiali, e quella relativa ai contratti di manutenzione, presenta una crescita organica del +5,7% rispetto al 3° trimestre 2015.

Trasporti: il fatturato rideterminato del terzo trimestre è diminuito del -4,4% avendo raggiunto 331,7 milioni di euro (-2,4% in crescita organica). L’Europa (ivi inclusa la Francia e il Regno Unito) resta globalmente stabile. Il Resto del Mondo realizza una buona performance a 2 cifre. L’Asia-Pacifico e l’America del Nord sono in diminuzione. Affissioni: il fatturato rideterminato del terzo trimestre cresce del +5,3% raggiungendo i 119,8 milioni di euro (+1,1% in crescita organica).

L’Europa (ivi incluse la Francia e il Regno Unito) è in aumento. Il Resto del mondo riporta una crescita negativa, dovuta principalmente a delle condizioni di mercato difficili nella maggior parte dei mercati dell’Africa subsahariana, malgrado la buona performance della Russia, che gode del consolidamento del proprio mercato a seguito del mancato pagamento delle royalties dovute a Mosca da parte di alcuni operatori locali.

“Mentre Francia e Regno Unito riportano una buona crescita, compensando l’atonia del Resto dell’Europa e dell’America del Nord, regioni entrambe colpite dalla perdita di importanti contratti (MUPI di Madrid, pensiline di Barcellona, aeroporti di Washington), la maggior parte dei nostri paesi a maggior crescita continua ad avere delle buone performance, nonostante il rallentamento significativo della Cina (ivi incluse Hong Kong e Macao) – dichiara Jean-Charles Decaux, presidente del Comitato esecutivo e co-direttore generale di JCDecaux -. Il nostro fatturato digitale, che rappresenta ormai il 12% del totale, inizia a beneficiare della crescita in potenza del nostro portafoglio di Arredo Urbano digitale premium con l’installazione di Londra (450 schermi a oggi), New York, che ha debuttato 2 settimane fa, e di varie altre capitali come Berlino o Stoccolma, creando le condizioni di un’accelerazione della crescita del nostro fatturato nell’Arredo Urbano l’anno prossimo. In un contesto di rallentamento economico mondiale, prevediamo una crescita organica del nostro fatturato del quarto trimestre in diminuzione attorno al -2%, e quindi una crescita organica, per l’anno 2016, leggermente inferiore al +3%”.