Louise Benson: “eurobest, opportunità per l’industry creativa italiana”

7 novembre 2016

Louise Benson

L’Italia nella top 10 per numero di iscrizioni al premio. I Paesi più performanti restano Germania, Francia e  UK

di Cinzia Pizzo


Si avvicina il debutto romano di eurobest, il Festival della creatività europea che per la prima volta avrà luogo nella capitale italiana dal 30 novembre al 2 dicembre. Senso, Identità e Diversità sono le tre aree che verranno esplorate dal programma in agenda, tra workshop interattivi, momenti di discussione, seminari ed eventi di networking. Sul palco, nella storica cornice di Palazzo Barberini, saliranno alcune delle più significative voci della creatività internazionale in attesa del gran finale al Teatro di Roma con la cerimonia di premiazione degli eurobest awards, che eleggeranno i migliori progetti creativi in 20 categorie. Per celebrare l’evoluzione del panorama della branded communication questa edizione del premio vedrà l’ingresso di tre nuove categorie: Digital Craft, Creative Data e Music (sezione della categoria Entertainment). Today Pubblicità Italia ha intervistato Louise Benson, Festival Director di eurobest, sull’edizione 2016 della manifestazione  ormai alle porte.

In base alle entries, è possibile individuare una tendenza emergente nelle creatività europea?

È troppo presto per dare un quadro totale prima della fine delle valutazioni, ma fino a ora stiamo notando un’impennata delle entries dai settori dell’Entertainment e dell’Healthcare.

Perché sono state introdotte le nuove categorie Digital Craft, Creative Data e Music? 

In realtà stati introdotti due nuovi award, Digital Craft e Creative Data, e una nuova sezione, Musica, nella già esistente categoria Entertainment. I nuovi award – Digital Craft e Creative Data – e la sezione Musica all’interno della categoria Entertainment sono stati introdotti in risposta all’industry, per garantire il fatto che eurobest riconosca e premi il lavoro fatto in questi settori. Ogni aggiunta è stata pensata e supportata da specialisti del settore.

Quali sono i mercati più vivaci?

L’Italia si è comportata in modo estremamente costruttivo riguardo all’ospitare il Festival ed è nella  top 10 dei Paesi per numero di iscrizioni al premio. I Paesi più performanti restano però Germania, Francia e Inghilterra. Abbiamo notato, inoltre, un aumento delle entries dall’Austria e dalla Danimarca rispetto ai due anni passati.

Qual è il livello della creatività europea?

Lo standard della creatività europea è davvero alto, e si posiziona tra i migliori al mondo. L’Europa rappresenta un ambiente creativo variegato sia a livello di panoramica generale che nei settori di specializzazione. È interessante poter spronare la comunità creativa europea a connettersi, condividere e imparare in un dibattito aperto a tutti.

Cosa può rappresentare per l’Italia, e Roma, un evento come eurobest?

Siamo felici di portare eurobest per la prima volta in Italia, e vogliamo che lo stile e la vitalità della creatività italiana si trasmettano anche nell’evento. eurobest è una splendida opportunità per mettere in risalto l’Italia e la sua industry creativa, per mostrare l’unicità e la cultura ricca di storia del Paese e della sua capitale al resto d’Europa.

Come è stato accolto l’evento dalla community dei creativi italiani? Avete trovato supporto da parte dell’industria locale e delle istituzioni?

Il governo italiano ha dato grande supporto a eurobest e ha messo disposizione alcune suggestive location per il festival. Abbiamo già due founding partners, Gruppo Roncaglia e Publicis Italia. ADCI, Assocom, PR Hub e MY PR ci stanno supportando nel trovare e mantenere le giuste connessioni con la comunità creativa italiana, elemento essenziale per il successo di eurobest. Desideriamo stringere il più possibile i rapporti con la comunità creativa italiana offrendo la possibilità di sperimentare quale sia l’offerta e la proposta di eurobest.

Che cosa vi aspettate da questa edizione italiana?

La cultura italiana è un’inebriante combinazione di sapori, aromi, paesaggi e suoni e questo ci fornisce uno dei temi per l’evento di quest’anno: i sensi. Abbiamo preso ispirazione dallo scenario creativo italiano con un programma nutrito di contenuti,  fatto di workshop interattivi e di stimolanti talk. Non vediamo l’ora di aprire le porte di Palazzo Barberini alla comunità di eurobest. Il palazzo barocco del 17esimo secolo, sede delle Gallerie Nazionali di Arte Antica di Roma, verrà trasformato in un hub contemporaneo di creatività, mentre feste ed eventi popoleranno altri luoghi magici della città.