Rai, ascolti boom per ‘I Medici’ che sfiora il 30% di share

20 ottobre 2016

Ascolti boom per I Medici, la serie kolossal della Rai sulla storia della famiglia de’ Medici con un cast internazionale. La prima puntata, in onda ieri sera su Rai1, ha realizzato 7 milioni 562 mila spettatori, pari al 29,9% di share. In particolare il primo episodio ha ottenuto 8.037 mila spettatori con un picco di 8 milioni 753 mila e lo share dell’intero episodio al 28.90.

Il secondo episodio ha ottenuto il 31.10 di share con un picco del 38.00 e l’ascolto dell’episodio di 7 milioni e 143 mila. Eccezionale risultato tra i laureati che hanno registrato il 42.60% di share nei due episodi.

Il pubblico della Toscana, particolarmente sensibile all’ambientazione, ha risposto in massa: più di un toscano su due davanti alla tv ha guardato la fiction con uno share pari al 52.30%.

Molto incuriosito anche il pubblico giovane: gli ascoltatori tra i 15 e i 24 anni di età hanno registrato uno share del 29.70%, inferiore solo a quello del pubblico over 55.

Ottimo risultato anche sui social: con 206.500 interazioni I Medici è stato ieri il primo programma della giornata. Con quasi 100 mila ricorrenze l’hashtag ufficiale #imedici è stato invece primo nella classifica dei TT Italia per tutta la durata della puntata e in vetta tra il primo e secondo posto nella classifica dei TT Mondo.

I Medici ha registrato il dato più alto mai ottenuto per una serie Tv da quando è stato lanciato Social Content Ratings in Italia, risultando la serie più twittata del 2016.

“Il successo de I Medici dimostra che sono i cittadini a volere una Rai sempre più ambiziosa, contemporanea e internazionale – ha commentato il dg Rai Antonio Campo Dall’Orto -. L’unione di chiarezza di visione, volontà di investimento, capacità di aggregazione di talenti nazionali e internazionali, accordi di partnership con le eccellenze del panorama produttivo nazionale e la capacità di promuovere e comunicare i prodotti in modo efficace e pervasivo portano Rai a giocare un ruolo chiave nel panorama dei media globali anche attraverso il racconto dell’Italia, in una logica che supera i confini del nostro Paese”.