Mosaicoon presenta allo IAB Seminar la soluzione CPVplus

18 ottobre 2016

Il video non è più soltanto un formato pubblicitario, ma costituisce il nuovo linguaggio naturale del digital, che i brand devono saper usare se vogliono intrattenere relazioni qualificate con i propri pubblici. La difficoltà produttiva di un video rende tuttavia difficile realizzare una strategia differenziata per mezzo, creando un gap che allontana le aziende dal raggiungimento del proprio potenziale comunicativo.

Mosaicoon propone allo IAB Seminar la prima soluzione per colmare questo gap durante l’incontro ‘ll contenuto diventa media: nasce il CPVplus’, in programma oggi alle 11.25 al MiCo.

Attraverso la propria tecnologia Mosaicoon promette una vera e propria rivoluzione di modello, fornendo ai brand rapido accesso a una quantità illimitata di contenuti video essenziali per soddisfare le proprie esigenze di storytelling quotidiano, che l’azienda chiama infatti Essentials.

Il tutto supportato da un software proprietario che consente di sviluppare una video strategy a partire da una ‘ricognizione’ sugli item che il brand comunica, e che per questo Mosaicoon ha denominato Sonar.

Ma c’è di più: la vera innovazione non sta solo nella disponibilità del contenuto, ma nella valorizzazione del contenuto stesso. Un video che non viene visto è un video che non esiste, e al contrario ha tanto più valore quante sono le visualizzazioni che sviluppa. Mosaicoon crede infatti che il contenuto debba cominciare ad essere trattato come media e presenta allo IAB Seminar la propria novità: CPVplus, uno standard esclusivo che permette ai brand di acquistare il video in base alle sue views, un arricchimento del CPV con quella parte di contenuto che è connessa in modo imprescindibile alle performance della campagna.

“I brand possono imparare a parlare di nuovo attraverso il linguaggio video – commenta Ugo Parodi Giusino, ceo e fondatore di Mosaicoon, che presenterà il modello allo IAB Seminar -. Dopo oltre 6 anni di investimenti in ricerca e sviluppo siamo pronti per offrire la soluzione a questa sfida, incarnata non solo da Essentials e CPVplus ma da un accesso illimitato al talento creativo, reso possibile dal nostro modello di Sharing Entertainment. La tecnologia ci permette di rendere disponibili alle aziende le idee proposte da migliaia di Creators provenienti da ogni parte del mondo, che hanno così l’opportunità di mettere a reddito il loro talento partendo dall’ispirazione, all’interno di quella che abbiamo definito la nostra riserva naturale del creativo”.

Per illustrare la sua offerta l’azienda, premiata di recente agli International Business Awards come ‘Most Innovative Company of the Year in Europe’, rilancia anche il suo nuovo sito www.mosaicoon.com.