GTB Roma e Ford presentano il primo Human Car Configurator al mondo

3 ottobre 2016

Il processo di acquisto delle automobili sta cambiando radicalmente. Un tempo c’era solo l’autosalone. Oggi Internet dà la possibilità all’utente di conoscere in anteprima l’auto, configurarla online e andare dal dealer solo per la finalizzazione del contratto. Un sistema che, per quanto comodo, toglie all’utente il valore del contatto umano e della consulenza del venditore professionista.

Ford negli ultimi anni ha messo in atto un processo di rinnovamento dei propri Ford Store, cambiando radicalmente l’experience di acquisto on site per far vivere ai clienti un’esperienza totalmente nuova, che supera il concetto del semplice showroom, ed è incentrata su uno spazio di comunicazione tecnologico in cui vivere le emozioni dei prodotti Ford.

Per questo Ford Europa e GTB Europe, in collaborazione con YouTube, hanno indetto un pitch europeo tra le agenzie big five del Gruppo (UK, Italia, Germania, Francia e Spagna) per sviluppare un video che comunicasse l’importanza del ruolo dei Ford Store all’interno del processo di acquisto di un’auto. Mandatories: il video doveva essere sviluppato in sole 48 ore con un budget di soli 10 mila sterline.

GTB Roma, l’agenzia del Gruppo Wpp dedicata alla comunicazione del cliente Ford Italia, ha presentato un’idea innovativa per comunicare alle persone un concetto semplice ma quanto mai vero: un’auto non si può solo guardare o cliccare online, ma va vista dal vivo, toccata e annusata. È nato così il primo Human Car Configurator.

Nel video un dealer permette all’utente da casa di interagire con lui e configurare insieme l’automobile preferita in base ai suoi tap e clic. L’uomo si sostituisce alla macchina, dimostrando di sapere eseguire meglio e con molta più simpatia il processo di configurazione dell’auto.

La line finale spiega l’idea: “Toccare è meglio che guardare. Vivi l’esperienza di un Dealer Ford. Dal vivo”.

“È stata una sfida ai limiti dell’impossibile sia per i tempi che per le risorse a disposizione – commenta Federico Russo, direttore creativo GTB Roma – e ci ha costretto a pensare il video in modo diametralmente diverso rispetto al classico commercial. Fare una configurazione live di un’auto è un’impresa. Ci piaceva l’idea, volevamo realizzarla a tutti i costi e abbiamo dovuto trovare il modo più semplice per farla diventare realtà: usare dei trick visivi e creare un configuratore analogico fatto di cardboard. L’interazione con un fantomatico utente da casa che con un dito decideva come indirizzare la configurazione ci ha aiutato a creare degli ulteriori effetti visivi, che abbiamo realizzato in linea con il layout della piattaforma per cui è nato il progetto: YouTube. Un particolare ringraziamento va alla casa di produzione WhyWorry, nella persona di Diego Panadisi, e al regista Mauro Mancini che hanno creduto fortemente nel progetto e fatto un lavoro straordinario”.

Il video italiano tra tutte le proposte è quello che ha registrato la migliore retention sull’intera durata nonostante fosse lungo 2 minuti, dimostrando una grande memorabilità e un consistente uplift nella consideration del brand e confermando che la durata non costituisce un elemento determinante nella viewability quando il prodotto creativo è interessante per il target.