Il GrandPrix Relational Strategies e le nuove frontiere del marketing relazionale

3 ottobre 2016

Marzia Curone

Il Premio rappresenta un’occasione unica di riflessione sul mercato e sul rapporto agenzie/clienti. Intanto il settore crescerà tra il +6% e il +7% a fine 2016, grazie al traino di Mobile e Digital. Realtà virtuale, intelligenza artificiale e IOT i trend emergenti

di Claudia Cassino

Il GrandPrix Relational Strategies, organizzato da TVN Media Group con la partnership strategica di Assocom e PR Hub (vedi notizia), è dedicato a valorizzare le tecniche più innovative ed efficaci del marketing relazionale. Il Premio, giunto alla 23esima edizione, rappresenta uno degli appuntamenti più significativi e rilevanti per un settore in continua crescita.

“Le stime sull’andamento del marketing relazionale – sottolinea infatti Marzia Curone, membro del consiglio direttivo di Assocom nonché partner di Relata e Innexa – prevedono un incremento del settore a fine 2016 compreso tra il +6% e il +7%, all’interno di un mercato globale della comunicazione la cui forbice di crescita dovrebbe attestarsi tra poco meno del +2% e il +4%. Un andamento analogo è ipotizzabile anche per il 2017”.

A trainare il comparto sono il mobile e il digital. “Nel nostro Paese, infatti, per quanto riguarda il digital ci sono ancora ampi spazi di crescita. In generale il GrandPrix Relational Strategies è molto importante perché pone l’accento su discipline e tecniche di comunicazione innovative a cui purtroppo le aziende non sempre destinano grandi budget. Anche per questo il Premio può rappresentare un’occasione unica di riflessione sul mercato e sul rapporto tra agenzie e clienti”.

Ma quali tendenze stanno emergendo nel settore del relational e del connecting marketing? “Certamente – risponde la professionista – in un mercato dove comunque la tv continua a rappresentare oltre il 50% degli investimenti pubblicitari, il digital continua a crescere e si prevede che rappresenterà un quarto di tutti gli investimenti entro il prossimo anno. Tra i driver, ci sono certamente il mobile e il video la cui ultima frontiera è la realtà virtuale. L’esperienza ‘immersiva’ infatti sta decollando: lo stiamo vedendo non solo nel nostro settore, ma anche nel cinema e comunque nell’intrattenimento in senso lato. Ciò presuppone non soltanto l’utilizzo di nuova tecnologia, di nuovi strumenti, di specifiche tecniche di ripresa, ma di una nuova strategia d’approccio alla creatività, all’offerta e alla gestione dei contenuti, alla regia stessa e quindi alle competenze all’interno delle agenzie. Altri trend interessanti che avranno, a mio giudizio, sempre più un impatto anche sul nostro mestiere di comunicatori, saranno l’utilizzo dell’intelligenza artificiale per fornire servizi real time ai consumatori automatizzando i processi di customer service e gli IOT (Internet of Things), gli oggetti connessi che ci aiuteranno a prendere decisioni d’acquisto. Mi auguro di vedere qualche buon esempio di applicazione proprio tra le campagne partecipanti al Premio”.

Le iscrizioni al GrandPrix sono aperte, la scadenza per la registrazione è il 7 ottobre.