Tv2000, vola la raccolta nei primi 9 mesi: +65%. Chiusura 2016 a 5 milioni di fatturato

21 settembre 2016

Lorenzo Serra, Nunzio Galantino e Paolo Ruffini

di Valeria Zonca


Una televisione ‘vera’, che diffonda i valori cattolici e il messaggio di Papa Francesco, un luogo dove far transitare contenuti mai banali, uno spazio di condivisione: prosegue su questi asset TV2000, l’emittente della Cei che ha ottenuto ottimi risultati nel corso dell’ultimo anno.

“La share si è stabilizzata sullo 0,8%, con punte oltre l’1% per i programmi del mattino, e una raccolta pubblicitaria, affidata a PRS, che nei primi 9 mesi ha segnato +65% con una previsione di fine 2016 a 5 milioni di euro. Maggiore raccolta significa maggiori investimenti e qualità. Siamo in regime di stabilità tra i ricavi e il contenimento dei costi e sull’offerta pubblicitaria cerchiamo di diversificare i prodotti con spazi che rappresentino al meglio le aziende, grazie anche ai nostri mezzi di produzione. Una strada che stiamo iniziando a percorrere è l’implementazione del branded content per essere più autonomi e finanziare i nostri programmi, con proposte su tutti e quattro i segmenti: tv, radio, mezzo che viene raccolto internamente e che pesa il 10% del fatturato totale, web e social, che però hanno per ora ricavi contenuti. Abbiamo inoltre aumentato la nostra visibilità e da giugno Tv2000 è presente in Nord e Sud America e in Oceania”, ha spiegato il dg Lorenzo Serra durante la presentazione, ieri a Milano, della prossima stagione di palinsesti.

“Da gennaio ad agosto la raccolta tv ha quasi raddoppiato il fatturato con +91% – ha precisato a margine Federico Silvestri, ad della concessionaria PRS (vedi notizia) -: abbiamo portato 60 nuovi clienti che hanno generato il 40% del totale”. Dopo l’addio dell’ex direttore artistico Alessandro Sortino, atteso a Rai 3, per la prossima stagione sono previste oltre 70 produzioni, tra cui alcune conferme, 140 film e nuovi programmi. L’informazione, uno dei cardini della rete, si amplia con la terza edizione del Tg2000 alle ore 20.30, che si aggiunge alle altre due delle 12 e 18.30.

“Il bello della tv generalista è quello di costruire percorsi e ambienti in base a un pensiero o a un gusto. E’ un’offerta inconfondibile per oltre 3 milioni di italiani che ci vedono ogni giorno, collocando Tv2000 tra le prime 10 televisioni italiane per permanenza media. Il target di Tv2000 è adulto e femminile, impossibile pensare di competere su tutti i target. Consideriamo la radio altrettanto importante e il network InBlu non ha nulla da invidiare a nessun altro”, ha dichiarato il direttore di rete Paolo Ruffini.

“Cresce però la percentuale di giovani che ci guarda: il 10% è di età compresa tra i 18 e i 25 anni e il 21% tra i 25 e i 34 anni mentre su YouTube, canale su cui contiamo oltre 50 milioni di visualizzazioni, l’età si abbassa sulla media dei 35 anni – ha aggiunto Serra -. La crescita degli accessi sui siti nel 2016 è di 7 milioni di pagine sfogliate, 3 milioni di utenti unici, oltre 580 mila utenti contemporaneamente collegati allo streaming. Oltre 200 mila sono i ‘like’ di Facebook e più di 22 mila i follower di Twitter”.

Per i palinsesti completi clicca qui