Con RaiPlay Viale Mazzini rivoluziona l’offerta on demand. Al via anche il nuovo sito

15 settembre 2016

Streaming in diretta ampliato, quattordici canali visibili, nuove funzioni replay estese a RaiMovie e presto a Rai4 e RaiStoria, oltre a un catalogo di contenuti fruibili gratuitamente online e offline, via app e browser

Settembre di grandi novità per la Rai sul fronte digital. Come annunciato lo scorso giugno dal direttore generale Antonio Campo Dall’Orto (vedi notizia), è stata lanciata la nuova piattaforma RaiPlay che va a sostituire la vecchia app RaiTv e il sito RaiReplay.

Quali le caratteristiche? “Streaming in diretta ampliato, quattordici canali Rai visibili, nuove funzioni replay estese a RaiMovie e presto anche a Rai4 e RaiStoria, un catalogo costantemente aggiornato e personalizzato di programmi, serie, fiction, film, documentari e concerti. Il tutto fruibile, gratuitamente, su tablet, smartphone e pc, online e offline”.

Così il RadiocorriereTv descrive il nuovo servizio multimediale della Rai che ha debuttato su mobile all’inizio di settembre ed è ora attivo anche con la versione browser. Da oggi, inoltre, prenderà il via una campagna promozionale di “grande impatto” che presenterà al pubblico proprio l’offerta di RaiPlay e il nuovo sito Rai.it, anch’esso totalmente rinnovato. Tra le novità più interessanti di RaiPlay, le funzioni ‘guarda dopo’ e ‘ultimi visti’ (per riprendere la visione di un video iniziato o per conservare lo storico dei contenuti visualizzati), oltre alla possibilità di accedere a servizi pluridevice personalizzati.

L’offerta on demand del servizio pubblico, dunque, si avvicina sempre più a quella delle grandi piattaforme in streaming come Netflix ed è sempre più disegnata sui gusti degli utenti che, a differenza del passato, dovranno appunto registrarsi gratuitamente al servizio per poter accedere ai contenuti (anche tramite Facebook o Twitter).

Intanto sui social, sotto l’hashtag #RaiPlay, gli utenti hanno già iniziato a commentare il nuovo servizio: a colpire, in positivo, sono la bellezza e la pulizia della grafica, mentre tra le critiche più ricorrenti c’è la mancanza della funzione ‘cerca’ fondamentale per recuperare facilmente il titolo di un film o un programma che si vuole rivedere. Ma lo staff social di Viale Mazzini rassicura: la funzione ‘cerca’ verrà rilasciata presto, intanto si possono scorrere i contenuti attraverso un indice alfabetico.

A sovrintendere al lancio di RaiPlay, Gian Paolo Tagliavia, Chief Digital Officer della Rai, e Antonella Di Lazzaro, vice direttore Digital e responsabile Social Media & Digital Marketing Strategy. Sempre sul fronte digital, infine, c’è attesa per le novità che saranno presentate oggi pomeriggio a Roma dal dg Campo dall’Orto e da Stephen Nuttall, senior director YouTube Emea, in una conferenza stampa dal titolo #YouTubeConRAI. (C.C.)