Brums si affida a K48 e Mindshare per la campagna #quandotisenti

12 settembre 2016

Brums, marchio italiano specializzato nell’abbigliamento bambino 0-16 anni dal 1955, si prepara al lancio della nuova campagna pubblicitaria #quandotisenti ideata e creata dalla casa di produzione K48 e dal regista Leone Balduzzi.

L’adv infatti mostra come il brand, presente sul mercato da oltre 60 anni, sia sempre accanto ai bambini, dalla nascita all’adolescenza, in ogni momento della giornata e con ogni stato d’animo. Sereno, coraggioso, timido, avventuroso e innamorato sono gli aggettivi che si accompagnano al claim e che trasmettono non solo le diverse ed emozionanti fasi della vita dei nostri piccoli, ma anche i quattro importanti valori di Brums: caloroso, raffinato, rassicurante e che accompagna nella vita.

La nuova strategia di comunicazione è multicanale e in grado di comprendere diversi circuiti: tv, stampa, web, social network e cinema. La campagna, on air da ieri, prevede complessivamente oltre 7 settimane di copertura di mirati media dedicati a donne e famiglie. Sono previsti cento spot tv al giorno nel formato 30”, 20 pagine stampa, oltre 18.800 spot da 55” trasmessi nelle sale cinematografiche The Space. Questi sono solo alcuni numeri di questa importante pianificazione firmata da Mindshare, la global media agency a cui Preca Brummel, azienda proprietaria dei marchi childrenswear Brums, Bimbus e Mek, ha affidato i propri investimenti pubblicitari.

“Dopo tanto tempo torniamo in tv e lo facciamo con un emozionale spot di brand che punta a comunicare quelli che sono i nostri principi ispiratori e i tratti distintivi delle nostre collezioni – dichiara Carola Prevosti, direttore generale di Preca Brummel-. Dal 1955 siamo accanto alle mamme cercando di soddisfare le esigenze dei propri figli con capi di qualità e stile che rappresentano la soluzione ideale in ogni momento della giornata e in ogni esperienza. Abbiamo appositamente scelto una creatività basata sulle emozioni per far capire ancora di più quanta passione mettiamo nel nostro lavoro per essere sempre più vicini ai nostri bambini. Nonostante ci fossero in lizza altre case di produzione, siamo stati conquistati dalla filosofia di Leone Balduzzi e di K48 che già con la prima idea avevano colto le nostre intenzioni facendo così scattare il giusto feeling”.