Mark Zuckerberg: “Facebook non è una Media Company”

30 agosto 2016

Giornata ricca di appuntamenti, quella di ieri a Roma per il fondatore e ceo di Facebook. Mark Zuckerberg (facebook.com/zuck), dopo aver fatto jogging dal Circo Massimo fino al Colosseo, ha fatto visita al Papa per parlare di come usare le tecnologie di comunicazione per alleviare la povertà e nel pomeriggio Zuckerberg ha incontrato Matteo Renzi a Palazzo Chigi dove hanno affrontato il tema del terremoto della scorsa settimana e di come la tecnologia aiuti a creare posti di lavoro e supporti la crescita dell’economia italiana.

Clicca qui per vedere il video

Clicca qui per vedere il video


Nel pomeriggio il padre del social network più usato nel mondo ha risposto alle domande degli studenti  presso l’Università Luiss di Roma. Zuckerberg, dopo aver espresso di nuovo la sua vicinanza ai terremotati, ha sottolineato l’importanza dell’azione di Fb in questo contesto, capace di informare e connettere le persone. Zuckerberg alla domanda sulla mania di Pokemon Go ha sottolineato di essere convinto che realtà virtuale e aumentata saranno tutte alla nostra portata.

“Potremmo in un breve futuro sentirci in un altro posto pur non stando fisicamente lì. Questa realtà arriverà sugli smartphone”.

Alla domanda di uno studente ‘Voi siete dei media’, Mark ha risposto che “Facebook non è una media company, ma è una compagnia tecnologica. Noi costruiamo degli strumenti tecnologici, non creiamo contenuti. Gli utenti scelgono che imprese seguire, con chi stringere amicizia, noi gli diamo gli strumenti. Il mondo ha bisogno dei media, ma anche di social network come Facebook.  La tecnologia serve per unire e per far in modo che tutti possano accedere a dei servizi”.