Cairo Communication, nel 1° semestre 2016 cresce la raccolta adv della tv (+2%) e dei periodici (+5,6%)

3 agosto 2016

Ricavi invariati sul 1° semestre 2015. La società di Urbano Cairo (nella foto) al 59,69% del capitale sociale di Rcs. Il pagamento del corrispettivo alle ultime adesioni, pari a 14,2 milioni, sarà effettuato domani

 

Il cda di Cairo Communication ha esaminato e approvato oggi la relazione semestrale al 30 giugno 2016. I ricavi consolidati lordi, pari a euro 133,5 milioni, hanno confermato i valori del primo semestre 2015 (euro 133 milioni); il margine operativo lordo (EBITDA) e il risultato operativo (EBIT) consolidati, sono stati pari a euro 7,9 milioni ed euro 3,1 milioni (rispettivamente euro 8,1 milioni ed euro 4,5 milioni). Il risultato netto consolidato è stato pari a euro 4 milioni (euro 5,5 milioni nel 2015). La posizione finanziaria netta consolidata risulta positiva per circa euro 96,5 milioni (circa euro 105,8 milioni al 31 dicembre 2015).

Il gruppo ha proseguito la propria strategia di crescita con i lanci del quindicinale Nuovo e Nuovo Tv Cucina (circa 122 mila copie medie nei primi 12 numeri) nel mese di gennaio e del settimanale di giochi e passatempi Enigmistica Più (circa 179 mila copie medie nei primi 11 numeri) nel mese di aprile.

Il settore editoria periodici, pur sostenendo nel semestre costi di lancio per complessivi euro 1,2 milioni, ha continuato a conseguire risultati positivi realizzando un margine operativo lordo (EBITDA) e un risultato operativo (EBIT) rispettivamente pari a euro 6,3 milioni ed euro 5,7 milioni (euro 7,7 milioni ed euro 7,2 milioni nel primo semestre 2015), confermando gli elevati livelli diffusionali delle testate pubblicate e continuando a perseguire il miglioramento dei livelli di efficienza raggiunti nel contenimento dei costi (produzione, editoriali e di distribuzione). Con riferimento ai settimanali, il gruppo con circa 1,6 milioni di copie medie vendute (dati Ads) nei cinque mesi gennaio-maggio 2016 si conferma il primo editore per copie di settimanali vendute in edicola, con una quota di mercato di circa il 29%. Considerando anche il venduto medio delle testate non ancora rilevate da ADS, ossia Nuovo  e Nuovo Tv Cucina ed Enigmistica Più le copie medie vendute aumentano a circa 2 milioni.

Nel settore editoriale televisivo (La7) il gruppo continuato a impegnarsi con l’obiettivo di consolidare i risultati degli interventi di razionalizzazione e riduzione dei costi del settore editoriale televisivo (La7) realizzati nel 2013-2015, conseguendo anche nel primo semestre 2016 un margine operativo lordo positivo di circa euro 47 mila (-1,5 milioni la perdita del primo semestre 2015). Il risultato operativo (EBIT) è stato pari a circa negativi euro 4,1 milioni e ha beneficiato in bilancio consolidato di minori ammortamenti per euro 3,1 milioni per effetto delle svalutazioni delle attività materiali e immateriali effettuate nel 2013 nell’ambito della allocazione del prezzo di acquisto della partecipazione in La7. Nel primo semestre 2015 il margine operativo lordo (EBITDA) e il risultato operativo (EBIT) erano stati negativi e rispettivamente pari a circa euro 1,5 milioni ed euro 4,3 milioni e il risultato operativo (EBIT) aveva beneficiato in bilancio consolidato di minori ammortamenti per euro 6,1 milioni.

Per il settore concessionarie, il margine operativo lordo (EBITDA) e il risultato operativo (EBIT) sono stati pari a rispettivamente euro 1,6 milioni ed euro 1,5 milioni (rispettivamente euro 1,9 milioni ed euro 1,6 milioni nel primo semestre 2015). Nel primo semestre 2016 la raccolta pubblicitaria lorda sui canali La7 e La7d è stata pari a complessivi euro 75,5 milioni, in crescita di circa il 2% rispetto al primo semestre 2015 (euro 74,2 milioni). Anche la raccolta pubblicitaria sulle testate del gruppo ha registrato un andamento positivo raggiungendo euro 13,3 milioni, in crescita del 5,6% rispetto al semestre analogo dell’esercizio precedente (euro 12,6 milioni).

Nel corso del primo semestre 2016, Cairo Communication ha promosso un’offerta pubblica di acquisto e scambio volontaria (l’Offerta) avente a oggetto la totalità delle azioni ordinarie di Rcs MediaGroup nell’ambito della quale ha riconosciuto un corrispettivo costituito da n. 0,18 azioni Cairo Communication di nuova emissione, oltre a euro 0,25 da versarsi in denaro, per ciascuna azione Rcs portata in adesione. Al termine del periodo di adesione, il 15 luglio 2016, erano state apportate all’Offerta n. 254,8 milioni di azioni Rcs, rappresentative del 48,82% del capitale sociale di Rcs, per un controvalore complessivo pari a n. 45,9 milioni di azioni Cairo Communication ed euro 63,7 milioni da pagarsi in contanti. Il pagamento del corrispettivo è stato effettuato in data 22 luglio 2016. Inoltre, nei giorni compresi tra il 22 e il 28 luglio 2016, secondo quanto consentito dalla normativa vigente, sono state apportate all’Offerta ulteriori n. 56,7 milioni di azioni Rcs, rappresentative del 10,87% del capitale sociale di Rcs, per un controvalore complessivo pari a n. 10,2 milioni di azioni Cairo Communication ed euro 14,2 milioni da pagarsi in contanti. Il pagamento del corrispettivo a tali ulteriori aderenti sarà effettuato domani. Per effetto di tali ulteriori adesioni, complessivamente sono state portate in adesione all’Offerta n. 311,5 milioni di azioni Rcs, rappresentative del 59,69% del capitale sociale di Rcs, per un controvalore complessivo pari a n. 56 milioni di azioni Cairo Communication ed euro 77,9 milioni versati e/o da versarsi in contanti.

Con l’acquisizione del controllo di Rcs, Cairo Communication si presenta come un grande gruppo editoriale multimediale, dotato di una leadership stabile e indipendente, che facendo leva sull’elevata qualità e diversificazione dei prodotti nel settore dei quotidiani, periodici, televisione, web ed eventi sportivi, può posizionarsi come operatore di riferimento nel mercato italiano, con una forte presenza internazionale in Spagna, e sfruttare al meglio le opportunità derivanti dalla convergenza dei media tradizionali sulle piattaforme digitali. Rcs entrerà a far parte del perimetro di consolidamento del Gruppo Cairo Communication.

Nonostante, l’evoluzione della situazione generale dell’economia potrebbe condizionare il pieno raggiungimento degli obiettivi, nel secondo semestre dell’anno il gruppo continuerà a perseguire lo sviluppo dei suoi tradizionali settori di attività (editoria periodica e raccolta pubblicitaria), per il settore editoriale anche continuando nella strategia volta a cogliere i segmenti di mercato con maggiore potenziale, consolidando e sviluppando i risultati della nuova testata Enigmistica Più: per tali settori, nonostante il contesto economico e competitivo, in considerazione della qualità delle testate edite e dei mezzi in concessione, considera realizzabile l’obiettivo di continuare a conseguire risultati gestionali positivi.

Per il settore televisivo, l’obiettivo è di consolidare i risultati degli interventi realizzati nel 2013-2015 di razionalizzazione e riduzione dei costi e sviluppare la propria attività in tale settore, per il quale si prevede il conseguimento anche nell’anno 2016 di un margine operativo lordo (EBITDA) positivo.

Con riferimento a Rcs, il gruppo si impegnerà nell’implementazione del proprio progetto di integrazione, con l’obiettivo di accelerare la ristrutturazione operativa di Rcs, sfruttando anche le possibili sinergie, e perseguirne il turnaround, attraverso il raggiungimento della massima efficienza e della realizzazione del pieno potenziale dei ricavi.