Doxa Kids studia le abitudini di bambini e ragazzi con Junior 5-13

15 luglio 2016

Vilma Scarpino

Bambini e ragazzi rappresentano in Italia un mercato di grande rilievo, non solo per la numerosità del target, ma soprattutto per la loro capacità di influenzare lo stile di vita di tutta la famiglia, incluse le scelte di prodotti e servizi che un tempo erano esclusivo appannaggio degli adulti. Doxa, con la propria business unit Doxa Kids, supporta con consulenza di marketing e ricerche di mercato le aziende che si rivolgono a bambini, ragazzi e famiglie.

Doxa Kids traccia da anni i comportamenti del target e, in occasione del lancio dell’edizione 2016 della ricerca Junior sul target 5-13 anni, propone alcuni moduli innovativi per offrire una visione ancora più ricca di un “pianeta bambino” che è sempre più intriso di digitale, ma con forti radicamenti nel gioco, nei libri e nella televisione. “I mercati delle industrie dedicate a giovani e giovanissimi hanno retto, meglio di altri, gli anni di crisi; addirittura, in alcuni casi, in controtendenza, abbiamo assistito a fenomeni di crescita davvero importanti. Mercati e settori sempre più complessi e tra loro interconnessi” commenta Vilma Scarpino, amministratore delegato di Doxa.

“La nostra business unit è nata un paio di anni fa, dall’esperienza pluriennale di Doxa, per rispondere con un servizio mirato alle esigenze delle aziende attive in questi mercati – prosegue Fabrizio Savorani, senior advisor di Doxa Kids -. Negli ultimi due anni il numero dei nostri clienti è triplicato e tra loro oggi annoveriamo multinazionali dell’entertainment e del giocattolo come Walt Disney, Lego, Mattel o SpinMaster, nonché le principali aziende del publishing, come DeAgostini, Atlantyca, Feltrinelli, Panini, Mondadori, Salani, RCS”.

Junior 5-13 è la ricerca multiclient che esplora e dimensiona tutto il mondo delle abitudini e dei consumi di bambini e ragazzi, e delle loro famiglie. Descrive i comportamenti dei più giovani in relazione ai consumi digital, all’uso di smartphone e tablet, alla fruizione di televisione, cinema ed entertainment, alla lettura di libri e periodici, a collezioni, giochi e videogame, alla pratica di attività sportive, ai consumi alimentari, alle attività creative e al gradimento di oltre 350 personaggi del mondo della fantasia, dello spettacolo, della musica, dello sport e anche di YouTube.

“L’edizione 2016 di Junior verrà realizzata nel prossimo autunno ma il progetto, già disponibile, permette di apprezzarne alcune consistenti novità – dichiara Cristina Liverani, Quantitative Research Manager di Doxa Kids -. Alla solida e storica ricerca di base, che prevede 1.500 interviste personali a un campione rappresentativo della popolazione di bambini e ragazzi di 5-13 anni, si affiancano quattro moduli speciali”.