Fininvest, Danilo Pellegrino è il nuovo ad. Fatturato 2015 a 4,7 miliardi

28 giugno 2016

È stata resa nota ieri la nomina di Danilo Pellegrino come nuovo amministratore delegato di Fininvest, la holding della famiglia Berlusconi che ha tra i propri asset Mediaset, Mondadori, Mediolanum oltre al Milan, al Teatro Manzoni e partecipazioni in Mediobanca(2% circa) e Molmed (25%).

Il manager milanese, che ricopriva il ruolo di direttore generale, è uno dei più stretti collaboratori del presidente della società Marina Berlusconi e sostituisce Pasquale Cannatelli, che dopo 13 anni passa al ruolo di vicepresidente, in una linea di continuità aziendale. Nell’assemblea degli azionisti di ieri è stato approvato il bilancio della capogruppo ed esaminato quello consolidato sull’esercizio chiuso il 31 dicembre 2015. I ricavi consolidati dell’esercizio 2015 del gruppo sono stati pari a 4.736,4 milioni di euro, in crescita rispetto ai 4.687,5 milioni del 2014. Il margine operativo lordo a livello consolidato risulta pari a 1.403 milioni di euro, rispetto ai 1.377 milioni dell’esercizio 2014.

Il risultato operativo è pari a 226,3 milioni di euro (242,9 milioni di euro nel 2014). Il risultato pre imposte e minoritari segna una crescita del 53,8%, passando dai 155,4 milioni di euro dell’esercizio precedente a 238,9 milioni di euro. L’esercizio 2015 si è chiuso per la holding con un risultato netto in sostanziale pareggio a -0,1 milioni, rispetto ai 9,9 milioni di utile 2014, e con un indebitamento sceso a 789,1 milioni da 1,055 miliardi di fine 2014.

Il patrimonio netto consolidato sfiora i 5 miliardi di euro, in crescita rispetto ai 4.799,4 milioni di euro al 31 dicembre 2014. Il risultato netto civilistico della capogruppo Fininvest per l’esercizio 2015 evidenzia un utile di 221,4 milioni di euro rispetto ai 52,1 milioni di euro dell’esercizio 2014. La posizione finanziaria netta presenta un saldo di liquidità pari a 330,6 milioni di euro (liquidità di 162 milioni di euro al 31 dicembre 2014).