Poste, al via la gara media. Per la creatività Y&R e McCann verso la riconferma

28 giugno 2016

di Andrea Crocioni


Estate ‘calda’ per la comunicazione di Poste Italiane. È alle battute conclusive, infatti, il pitch per cercare i partner che si occuperanno delle prossime campagne del Gruppo. Manca ancora un esito ufficiale, ma secondo quanto risulta a Today Pubblicità Italia, la gara dovrebbe sancire una riconferma degli incarichi alle due agenzie uscenti, ovvero Y&R e McCann.

Ricordiamo che il processo di selezione avviato da Poste lo scorso gennaio prevedeva due lotti. Il primo è  focalizzato sulle campagne per i servizi finanziari e sul risparmio postale (compreso tutto il ‘mondo’ Bancoposta), e vedeva Young & Rubicam correre come incumbent (contro Ogilvy & Mather, Leo Burnett e McCann). Il secondo lotto, invece, era su ‘altri servizi’ e istituzionale del Gruppo Poste Italiane. In questo caso a difendere l’incarico era McCann – gli avversari Y&R, Tbwa, Saatchi & Saatchi – che aveva seguito la società anche nella delicata fase della quotazione in Borsa.

La durata dell’accordo sarà di 36 mesi, per un valore complessivo stimato pari a 29,3 milioni di euro. Il valore del primo lotto è di 16 milioni di euro, mentre quello del secondo è di 13,3 milioni di euro (cifre che tengono conto dell’accordo quadro e dell’eventuale rinnovo di 12 mesi). Ormai praticamente archiviata la questione dei partner creativi, Poste ha lanciato la tanto attesa gara per il servizio di pianificazione, acquisto e controllo degli spazi media per le campagne pubblicitarie del Gruppo. In questo caso a difendere l’incarico è Carat che ha gestito il budget negli ultimi anni.

Il valore complessivo massimo stimato dell’appalto, comprensivo del rinnovo, è pari a 4.933.333 euro  corrispondente alla fee di agenzia, comprensivo dei costi tecnici e di tracciamento e al netto dell’acquisto degli spazi media, degli oneri fiscali e di altri oneri e/o spese comunque connessi al servizio. Tale valore complessivo massimo  comprende: l’importo stimato dell’accordo quadro 3,7 milioni, di cui  2,6 per la fee di agenzia; 1,1 milioni per i costi tecnici e di tracciamento, e l’eventuale rinnovo per un massimo di 12 mesi da 1,233 milioni.

L’importo stimato dell’accordo quadro per la fee di agenzia sarà ricalcolato/rimodulato applicando lo sconto medio ponderato delle percentuali di fee di agenzia offerte sugli investimenti media nettissimi off line (peso ponderale 67%) e on line (peso ponderale 33%) rispetto al valore di fee a base di gara (3%). La  documentazione  richiesta  ai  fini della  partecipazione, nonché l’offerta  tecnica  ed  economica, dovranno pervenire  telematicamente,  all’interno  del  portale  posteprocurement.it,  nelle aree e nelle sezioni di  competenza entro  e  non  oltre  le ore  13  del  giorno 15 luglio 2016.