Sec si quota all’Aim UK per sostenere il processo di internazionalizzazione

21 giugno 2016

Fiorenzo Tagliabue

Con il road-show organizzato ieri in contemporanea a Londra e Milano, Sec, fondata nel 1989 a Milano e oggi fra le principali società indipendenti nel mercato italiano dei servizi di advocacy, pr e comunicazione integrata, avvia il processo di quotazione all’Aim UK, sistema multilaterale di negoziazione gestito dal London Stock Exchange.

Il collocamento privato sarà riservato a investitori professionali e avverrà attraverso un aumento del capitale sociale a pagamento in via scindibile, con esclusione del diritto di opzione, per complessivi massimi 4,1 milioni di euro nominali, mediante emissione di massime n. 4.166.000 azioni, senza valore nominale. E’ previsto inoltre un aumento di capitale, in via gratuita e scindibile, per un importo pari a massimi 675.000 euro nominali, mediante l’emissione di n. 675.000 azioni ordinarie, prive di valore nominale, aventi le medesime caratteristiche di quelle in circolazione, da assegnare quale piano di stock grant riservato a tutti i dipendenti (esclusi dirigenti e amministratori).

L’Ipo è finalizzata prioritariamente alla raccolta di risorse finanziarie (tra i 4,5 e i 6,5 milioni di Euro) per sostenere e potenziare la crescita della Società a partire dal mercato europeo, dove è oggi presente con le proprie controllate Cambre (Bruxelles), ACH Cambre (Madrid e Barcellona) e Kohl PR (Berlino).

“In questi ultimi anni – sottolinea Fiorenzo Tagliabue, presidente e fondatore della Società -. Sec ha conosciuto uno sviluppo importante nel mercato domestico, che l’ha portata ai vertici, e ha intrapreso un significativo processo di crescita internazionale con acquisizioni a Bruxelles, Madrid e Berlino. Ora vogliamo proseguire proprio su questa strada, che ci pare un percorso obbligato per chi, come noi, opera in una ‘industry’ che si configura come naturalmente globale. In particolare la prima acquisizione subito dopo l’Ipo sarà proprio a Londra, in Uk, dove siamo in una fase molto avanzata nella trattativa con una società con un fatturato superiore ai 3 milioni di sterline, focalizzata su Corporate e Public Affairs”.

Ha aggiunto il ceo Cesare Valli: “La scelta di quotare Sec a Londra nasce da due considerazioni fondamentali: da una parte l’obiettivo di rafforzare il posizionamento internazionale del Gruppo, dall’altra la consolidata, esperienza dell’AIM londinese nell’ospitare e gestire titoli della nostra industry (media company)”.

Nel 2015, Sec ha realizzato un fatturato consolidato di 21,2 milioni di Euro (16,4 nel 2014); un Ebitda positivo per 3,4 milioni di Euro (2,1 nel 2014) e un utile netto pari a 2 milioni (1,1 nel 2014). La Società – che finora ha finanziato con risorse proprie le acquisizioni – anche nel 2015 presenta una cassa netta di 3,2 milioni e un patrimonio netto di 6,6 milioni.

Contestualmente all’avvio dell’IPO, è stato messo online il nuovo sito di Gruppo (secglobalnetwork.com) e l’Assemblea della Società ha nominato il nuovo Consiglio di Amministrazione per il triennio 2016 – 2018 che entrerà in vigore dopo la quotazione: ne fanno parte Luigi Roth, indipendente, che assume la carica di Presidente; Fiorenzo Tagliabue, ceo; Nigel Payne, David Mathewson, consiglieri indipendenti; Tom Parker e Cesare Valli, managing director, Anna Milito, ceo.