Pubmatic lancia PMP-G: il meglio del direct deal e del programmatic insieme

20 giugno 2016

PubMatic, azienda leader nella marketing automation destinata a editori e publisher, ha annunciato il lancio della propria soluzione di Private Marketplace Guaranteed (PMP-G), che abbina la sicurezza e le audience ‘premium’ dell’acquisto diretto con le più avanzate capacità di targeting del programmatic.

Inoltre, gli investitori che già sfruttano le potenzialità della soluzione PubMatic Curated Audiences, potranno ora segmentare e targetizzare le platee muovendosi all’interno del medesimo ambiente ‘garantito’ e spaziando attraverso un nutrito portfolio di molteplici Private Marketplace (PMP), offerti da differenti editori, sempre in maniera semplificata operando tramite un solo e un unico identificativo multi-publisher, valido per siglare le transazioni con ognuno di essi.

Come già accennato, il PMP-G di Pubmatic abbina le garanzie offerte dagli spazi venduti direttamente dai publisher con le capacità di targeting basato sui dati e l’efficienza propria del Real Time Biding, permettendo agli investitori di acquistare in programmatic con totale fiducia. In questo modo, publisher e advertiser possono ‘sicronizzare’ domanda e offerta in anticipo rispetto al lancio della campagna, il che garantisce agli investori la certezza della disponibilità degli spazi richiesti, che gli acquisti sui Private Marketplace non possono dare.

Per i publisher, invece, questo significa poter fare stime più affidabili dei propri ricavi futuri. In più, eliminando la necessità di gestire separatamente la diverse transazioni per le varie campagne, PubMatic Curated Audiences garantisce ai media buyer un flusso di lavoro interno significativamente più svello ed efficiente.

Usando una intuitiva console, infatti, gli investitori possono identificare facilmente PMP ‘costruiti’ attorno alle propri specifiche esigenze, quali ad esempio categorie di audience o di contenuto, profili socio-demo o KPI, come la viewability. Tra i pacchetti di inventory che gli advertiser possono acquistare in questa modalità, per citarne solo alcuni, ve ne sono di quelli basati sugli aspetti demografici (Ispanici, Mamme, Millennials) e sugli ‘appuntamenti’: Super Bowl, Euro 2016, Olimpiadi, Festa del Papà, San Valentino, Thanksgiving, Halloween.