Doxa e Connexia lanciano #ReThink

15 giugno 2016

Vilma Scarpino

Il servizio articolato in quattro moduli: Innovation Workshop, Business Hack, Business Competition e Transformation Experience

Dove c’è richiesta di cambiamento e clienti davvero consapevoli dell’importanza di innovare, lì c’è #ReThink, l’offerta di digital transformation a firma Doxa & Connexia per promuovere il cambio di mindset nelle aziende.

#ReThink è un servizio articolato in quattro moduli – Innovation Workshop, Business Hack, Business Competition e Transformation Experience – interamente pensato per le figure manageriali aziendali, per accompagnarle ma anche spronarle a un profondo cambiamento di approccio al mercato e di mentalità rispetto ai criteri di gestione del business.

Doxa e Connexia hanno l’esperienza e le competenze digitali, la capacità di interpretare dati e contesti, la flessibilità di team di lavoro interdisciplinari, tutti pilastri del Gruppo Doxa ed elementi – chiave di ogni sfida che vada nella direzione del cambiamento che le aziende sono inevitabilmente chiamate ad affrontare per restare con successo sul mercato. P

er questo nasce #ReThink, un invito a ripensare business model, customer experience e comunicazione aziendale. L’offerta in quattro moduli, indipendenti l’uno dall’altro, tutti in grado di guidare il management aziendale attraverso quelle trasformazioni di pensiero e processo che da sempre necessitano di estreme capacità di analisi e di grande visione.

“#ReThink è una nuova offerta di servizi basata su casi di successo già realizzati con Welcome Travel, illycaffè e Yamaha, che arricchisce ulteriormente l’offerta del Gruppo e rappresenta un veicolo importante per approcciare le più importanti realtà industriali del Paese” spiega Vilma Scarpino, ceo di Doxa.

“Le nuove tecnologie stanno trasformando lo scenario di business delle imprese a una velocità incredibile – prosegue Virma Scarpino, ceo di Doxa – e nei prossimi anni assisteremo a una rivoluzione nei modelli industriali così come nella vita sociale. Le aziende sono chiamate a riflettere e a comprendere quali aree di business sono destinate a crescere e a svilupparsi e quali invece raggiungeranno i loro obiettivi nel medio termine. Con questo programma intendiamo rispondere alla crescente necessità di innovare da parte delle realtà del Paese che si trovano a competere in un mercato profondamente diverso da quello di qualche decennio fa,  spingendo soprattutto i reparti marketing e comunicazione verso la sperimentazione, con la consapevolezza che oggi le aziende devono saper scommettere sull’innovazione come motore per originare nuovo business”.

Paolo D'Ammassa

Paolo D’Ammassa

“I processi di trasformazione digitale impattano su ogni tipologia di business – aggiunge Paolo D’Ammassa, ceo di Connexia -. La sfida è cominciata e i cambiamenti sono in atto. Noi abbiamo esperienza e competenze per aiutare le organizzazioni aziendali e i loro manager a cogliere tutte le opportunità e a calcolare i rischi connessi all’innovazione, come è successo recentemente con la innovation competition realizzata in partnership con Welcome Travel e tradottasi in una proposta innovativa per la industry del Travel e per i network delle agenzie di viaggio. 100 persone divise in 20 team messi in gara tra loro per 45 giorni, il più brillante premiato con un soggiorno di quattro giorni a New York.

Abbiamo famigliarità con la digital disruption, contatti quotidiani con player come Google, Facebook, Instagram, capacità di analisi dei dati per sostenere e motivare l’evidenza del cambiamento, continuità di confronto e opportunità di commistione con ambienti stimolanti come la Singularity University, grazie alle frequenti trasferte negli Usa. Crediamo che sia il momento giusto per le aziende di aprirsi alla sperimentazione, in particolar modo per i comparti di marketing e comunicazione dove è possibile operare simulazioni e misurarne i risultati”.