Rai Pubblicità, primi 6 mesi a +5,5% sul 2015. Per gli Europei raccolti 58,6 milioni

10 giugno 2016

Fabrizio Piscopo

Il fischio di inizio di Uefa Euro 2016 è programmato questa sera alle 21.00 con Francia-Romania, che sarà trasmessa in diretta su Rai1. La tv di Stato si è aggiudicata la messa in onda di 27 partite in chiaro, a fronte di una spesa di circa 70 milioni di euro per i diritti tv.

Come già delineato a inizio anno, lo sport è uno degli asset su cui punta la strategia di Rai Pubblicità nel 2016: oltre agli Europei di calcio, sono stati acquistati anche i diritti per le Olimpiadi di Rio, in programma dal 5 al 25 agosto, che verranno trasmesse in chiaro su Rai2.

La concessionaria della tv di Stato “registrerà un risultato del +5,5% nei primi sei mesi del 2016, senza gli Europei che valgono una raccolta di 58,6 milioni di euro”, ha dichiarato l’ad Fabrizio Piscopo a Today Pubblicità Italia. Per la competizione sportiva più importante dell’anno il sold out è quasi completato. “Sono rimasti solo pochi spot qua e là”, ha precisato l’ad, che ha inoltre anticipato che “il primo semestre chiuderà sopra budget del 2%”.

Le previsioni per fine anno sono state invece rivelate dal dg Rai Antonio Campo Dall’Orto durante l’ultimo Cda dell’8 giugno: “L’aumento di budget previsto per quest’anno dovrebbe salire al 6%, una percentuale pari a 3 volte la crescita complessiva del mercato pubblicitario”. Il dg ha inoltre affrontato un’analisi degli ascolti del gruppo.

“La stagione televisiva 2015/2016 – spiega la nota ufficiale – ha registrato uno share medio complessivo del 37,6%: Rai1 resta di gran lunga la rete con i maggiori ascolti con il 17,7% mentre Rai3 e Rai2 si confermano come terzo e quarto canale più seguiti in Italia, rispettivamente con il 6,8 e il 6,7%. Anche l’offerta specializzata del gruppo si conferma tra le più apprezzate in assoluto con il 6,5%. In prima serata lo share medio complessivo è del 38,6%, con Rai1 che si conferma primo canale nazionale con il 19,1%”. Positivi i risultati di Rai Fiction.

“Da settembre 2015 a maggio 2016 le serate di fiction in prima visione su Rai 1 sono state 121 e hanno totalizzato un ascolto medio pari a 5,3 milioni con uno share del 21% – ha dichiarato il direttore Eleonora Andreatta -. La graduatoria dei primi venti titoli della stagione comprende solo prodotti Rai con Rai 1 che ancora una volta si conferma rete leader del settore”.

Al Cda è stata inoltre illustrata la nuova strategia complessiva della fiction e le nuove produzioni che andranno a interessare anche Rai2, Rai3 e Rai4 con prodotti coerenti con le identità dei singoli canali. Il Cda ha inoltre discusso le linee guida di sviluppo elaborate da Carlo Verdelli riguardo la trasformazione dell’offerta informativa Rai in una chiave più coerente con le esigenze contemporanee. Il Cda si è quindi concluso con la presentazione delle novità della Direzione Digital di Gian Paolo Tagliavia che verranno proposte al pubblico nei prossimi mesi. (V.Z.)