Rai Pubblicità, capacità crossmediale per massimizzare la copertura sul target

9 giugno 2016

Francesco Barbarani

Crossmedialità, qualità e massima copertura. Sono questi i valori aggiunti che Rai Pubblicità ha portato sul palco del convegno ‘Il dato è tratto’ organizzato dall’Osservatorio Internet Media del Politecnico di Milano (vedi notizia) durante il quale sono stati presentati ai principali attori della filiera dei Media e agli investitori pubblicitari i dati emersi dall’ultima ricerca sul mercato dell’Internet Advertising.

“Rai Pubblicità ha una posizione di rilievo nel mercato digital, grazie anche al crescente sviluppo di progetti crossmediali studiati dalla concessionaria e basati su una forte sinergia con l’editore Rai. I nostri dati di raccolta dell’online dei primi 5 mesi del 2016 sono incoraggianti e sottolineano una continua crescita del formato video. Risultati positivi determinati principalmente da due driver d’eccellenza: contenuti di qualità e KPI pubblicitari di valore. Se guardiamo a Sanremo, The Voice, il Giro D’Italia e agli Europei 2016, l’offerta digital di Rai Pubblicità è sempre andata in sold out. Il nostro sforzo è di garantire un prodotto pubblicitario in linea con il livello qualitativo dei nostri contenuti editoriali al fine di consegnare al mercato un risultato che soddisfi inserzionisti e utenti”, ha commentato Francesco Barbarani, direttore web e radio di Rai Pubblicità.

Tre portali digitali come rai.it, rai.tv e rainews.it; 1,2 milioni di browser unici in media al giorno; 14 milioni di download nell’universo app e 35 milioni di video visualizzati al mese (Fonte Adserver Rai Pubblicità, marzo 2016): l’esperienza digital di Rai Pubblicità, in costante crescita ed evoluzione, è in grado di garantire un’ampia copertura e un target di qualità, alto spendente e culturalmente elevato. Un’opportunità digitale che rende la proposta commerciale della concessionaria più trasversale, multimediale e completa per gli investitori.

Attraverso i 13 canali Tv, le 3 emittenti radio, le 425 sale cinematografiche, i 3 portali e altrettante app, gli sponsor hanno la possibilità di presidiare la propria audience di riferimento ovunque si trovi e in qualsiasi momento della giornata.