Anche per P&G sale la spesa in adv ma occorrono nuovi modelli di crescita

24 maggio 2016

Sami Kahale

di Laura Buraschi


L’attuale modello di business basato sulla quantità (più referenze più promozione più metri quadri) non funziona più: occorre un cambiamento verso la qualità. Così Sami Kahale, presidente e general manager di Procter and Gamble per il Sud Europa, ha illustrato alla platea de Linkontro la sua idea ‘disruptive’ per il futuro.

“Mettere sul mercato più referenze non significa innovare – ha aggiunto – si genera confusione nel consumatore. Il nuovo modello di crescita deve mettere il consumatore al centro, riducendo la dipendenza dalle promozioni e delle referenze, sviluppando piani di comunicazione omnichannel e riservando grande attenzione anche agli over 50”.

Kahale ha poi aggiunto che l’innovazione è fondamentale per guidare la crescita, così come stabilire nuovi livelli di partnership. Nel complesso, a proposito del mercato, il manager ha evidenziato che “Gli investimenti in comunicazione stanno riprendendo in generale e anche per noi. Al momento il digitale rappresenta circa il 25%”. In questo periodo una fetta importante del budget di P&G è rivolta alla campagna per le Olimpiadi con protagoniste le mamme che ha già ottenuto 30 milioni di views.