Glebb & Metzger guarda ‘oltre’ le pr. Per il 2016 punta a una crescita a doppia cifra

18 maggio 2016

Luca Glebb Miroglio e Paolo Dorna Metzger

di Andrea Crocioni


Una mostra d’arte, protagoniste le opere dell’acquarellista Nicola Magrin, uno show cooking dello chef  Giancarlo Morelli e l’inedita esperienza gastronomica de ‘Il mare in un panino’ in compagnia di Andrea Bartolini, l’architetto del Gusto de La Buca di Cesenatico: l’agenzia Glebb & Metzger ha organizzato una ‘giornata evento’ per inaugurare, ieri, la nuova sede milanese di Largo La Foppa 1. Con un team che ha superato ormai le 20 unità e un nome che ricorda più uno studio di consulenza anglosassone piuttosto che una sigla italiana del settore pr questa impresa di comunicazione – come recita il pay off che affianca i cognomi dei due soci fondatori – sta vivendo un momento importante della propria storia.

“Nel 2016 festeggiamo i 18 anni di vita, diventiamo maggiorenni”, scherzano Luca Glebb Miroglio e Paolo Dorna Metzger.

E continuano: “La nostra agenzia sin dalla sua nascita ha avuto due sedi, una nella nostra città, Torino, che una realtà che mantiene una certa caratterizzazione industriale, e l’altra qui a Milano, la piazza della comunicazione italiana. Il trasferimento in questa nuova sede nasce da un’esigenza pratica, l’aumento dell’organico e il conseguente bisogno di più spazio, ma  allo stesso tempo ci garantisce una maggiore centralità che ben si sposa con la domanda dei nostri clienti di avere a disposizione location per eventi”.

Glebb & Metzger può contare su un portfolio clienti importante, fra questi, solo per citarne alcuni, figurano Ferrero, PepsiCo, DiaSorin e, fra le ultime acquisizioni, Dottor Ciccarelli.

“Abbiamo scelto di non focalizzarci su un singolo settore merceologico e allo stesso tempo di proporci con una visione della comunicazione ad ampio raggio – spiegano i due soci -. Una strada che abbiamo imboccato dall’inizio, creando un reparto creativo interno. Il nostro intento è quello di fornire ai nostri clienti prima di tutto strategia, garantendo un servizio completo. Un posizionamento chiaro che trae ispirazione da quello che sta succendendo a livello internazionale. Lo stiamo portando avanti con convinzione perché rispecchia la nostra visione di un mercato della comunicazione profondamente mutato”.

E precisa  Paolo Dorna: “Non è casuale la nostra scelta di aderire a una realtà associativa come PR Hub, una piattaforma che  favorisce la condivisione proprio per affrontare al meglio queste nuove sfide”.

Un posizionamento, quello scelto dalla  Glebb & Metzger, che sta dando buoni riscontri anche in termini di fatturato, come confermano i due imprenditori: “Abbiamo archiviato il 2015 con una crescita dell’11%. Il 2016 è partito bene, tanto che ci aspettiamo di mettere a segno un incremento altrettanto consistente. Possiamo contare su un gruppo di lavoro giovane, l’età media è di poco superiore ai 30 anni, e sull’affiatamento dei team di Torino e Milano, che lavorano in modo perfettamente integrato. Abbiamo anche rafforzato la squadra: a dicembre (da Mediamond, ndr) è arrivato Ruggero della Valle, il nostro nuovo direttore sviluppo. Inoltre, a breve, potremo dare un annuncio importante che testimonia ulteriormente la nostra vocazione al servizio completo. Stiamo finalizzando un accordo per entrare, con una rilevante quota di partecipazione, in un’agenzia di marketing non convenzionale”, hanno concluso Paolo Dorna e Luca Glebb.