Rai Pubblicità, definita l’offerta commerciale crossmediale per Rio 2016

4 maggio 2016

Dal 5 al 21 agosto 2016 Rio de Janeiro ospiterà la 31esima edizione dei Giochi Olimpici e Rai, dopo gli Europei di calcio, si prepara al più grande evento sportivo del pianeta con una messa in onda senza precedenti, perché ‘lo sport è di tutti’. La televisione pubblica diventa official broadcaster anche dello spettacolo degli Olympic Games di Rio con 16 ore di diretta giornaliera per 17 giorni di puro sport.

Tre canali televisivi in HD full time riservati all’evento, Rai2, Rai Sport1 e Rai Sport2, un’ampia copertura radiofonica su Rai Radio1 e la massima fruizione su web e mobile grazie a canali streaming digital, simulcast delle dirette tv, news, statistiche e un’app dedicata alla competizione sportiva. Questa l’offerta editoriale di Rai che, considerato il successo dell’edizione 2012 di Londra con 39 milioni di contatti netti, pari al 67% della popolazione con picchi di ascolti di 6,5 milioni e la conquista del 24% della share uomini (Fonte Auditel/Nielsen TAM – Ascolti Olimpiadi 2012), non può che aspettarsi un’ulteriore conferma di alto livello.

Anche la concessionaria Rai Pubblicità si prepara all’evento sportivo più importante dell’anno con un’offerta commerciale declinata su tutte le piattaforme e assolutamente multimediale per tutti gli investitori che non perderanno l’occasione di essere presenti all’appuntamento più caldo dell’estate 2016 a livello mondiale. Sul fronte televisivo si prevede una duplice proposta commerciale.

Oltre al modulo giornaliero a sostegno delle pianificazioni nel daily time con un buon presidio della giornata olimpica e con soglie d’accesso contenute e differenziate, arriva infatti un’offerta più ricca e variegata che garantisce massima visibilità e frequenza alle 12 aziende sponsor che decideranno di abbinarsi a Rio 2016 attraverso 3 pacchetti, Large, Medium e Small.  Per la Radio invece vera partnership ed estrema duttilità con tabellare, adpoint e spot flash, mentre sul lato digital (web, mobile, smart tv e tablet) spazio alla flessibilità con 2 proposte diversificate in base alle soglie di accesso degli investimenti.