Pro e contro del web al Festival della Comunicazione 2016 nel segno di Umberto Eco

3 maggio 2016

di Valeria Zonca


Ruota attorno al world wide web, nelle opportunità e nei limiti, la terza edizione del Festival della Comunicazione che si terrà a Camogli dall’8 all’11 settembre. ‘Pro e contro il web’, titolo dell’edizione 2016, vuole essere uno spunto di riflessione per analizzare la rivoluzione digitale che ha trasformato la società con implicazioni sociali, culturali, politiche, scientifiche, educative.

Il tema nasce dalla lectio ‘Pro e contro il web’ che Umberto Eco, ideatore della manifestazione lanciata nel 2014, aveva proposto prima della sua scomparsa. Rosangela Bonsignorio e Danco Singer, ideatori e direttori del Festival che ieri a Milano hanno presentato l’evento alla stampa, hanno disegnato il programma di quattro giornate ricche di incontri, laboratori e workshop, spettacoli, mostre ed escursioni con 122 relatori. Main media partner per il terzo anno la Rai che, con Rai Cultura, Rai News 24 e TgR, dedicherà ampio spazio al Festival con servizi di lancio e copertura.

“Il ‘come’ delle cose cambia, il mondo è da pensare diversamente nelle relazioni e nella modalità dei contatti – ha detto la presidente Monica Maggioni -. Rai sta cercando di capire come collegarsi a questo mondo: ripartire pensando all’eredità di Eco è il punto di partenza più alto che si possa immaginare”. Altri media partner sono Repubblica, La Stampa, Il Secolo XIX, Twitter Italia, Facebook Italia, Wired, IlLibraio.it.

Il Festival della Comunicazione si tiene sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica e con l’organizzazione del Comune di Camogli e Frame, in collaborazione con la Regione Liguria. “I costi dell’evento, considerando le varie voci tra cui l’ospitalità ai relatori, gli spettacoli e le location, si aggirano tra i 220 e i 250 milioni di euro; gli sponsor sono quindi indispensabili e sottolineo che alcuni hanno sostenuto la prima edizione e poi le successive, riconfermandoci la loro fiducia: questo è un segnale importante – ha dichiarato Danco Singer, ideatore e direttore del Festival della Comunicazione (www.festivalcomunicazione.it) -. Nella prima edizione abbiamo registrato 20 mila visitatori e nel 2015 30 mila, speriamo di migliorare il risultato”.

Main partner è Costa, main sponsor sono Serravalle Outlet, Banca Passadore &C, Erg e Unicredit; gold sponsor sono Ferrovie dello Stato, Generali, Iren e Lottomatica; il ventaglio di sponsor comprende Google, Acquario di Genova, Lavazza, Finmeccanica, Wingage, GSO, Edison, Canon, Fox, Coop, Studio legale RC. Per quanto riguarda la comunicazione dell’evento, “è partita ieri una campagna adv su Facebook e Twitter curata da Arteprima – ha spiegato Singer -. A ridosso dell’evento pianificheremo tre pagine sui quotidiani la Repubblica, La Stampa e Il Secolo XIX e su Wired. La creatività è stata sviluppata da Luigi Berio, art director del Festival. The Kitchen Production ci ha invece coadiuvati sulla realizzazione del video di lancio”.

L’agenzia Delos è incaricata delle pr e delle relazioni con i media. Durante l’edizione 2016, per la prima volta sarà istituito il premio Comunicazione, consegnato a Roberto Benigni. Verrà anche inaugurata la mostra ‘Quanti ritratti, caro Umberto’ di Tullio Pericoli, composta da disegni, schizzi, ritratti e scambi di lettere che hanno segnato la lunga amicizia tra l’artista e il professor Eco. Gli incontri si articoleranno in settemacro aree intorno al web: scrittura, scienze, arte e spettacolo, comunicazione, imprese, cultura digitale e diritti.

Tra gli ospiti, per citarne alcuni, Gherardo Colombo, Roberto Cotroneo, Severino Salvemini, Claudio Magris, Piero Angela, Samantha Cristoforetti, Claudio Bisio, Gad Lerner, Massimiliano Fuksas, Mario Calabresi, Furio Colombo, Ferruccio de Bortoli, Massimo Russo, Aldo Grasso, Pierluigi Pardo, Michele Serra, Beppe Severgnini, Marco Travaglio, Carlo Verdelli, Luca Casaura, Evelina Christillin, Oscar Farinetti, Gabriele Galateri di Genola, Federico Ghizzoni, Luigi Gubitosi. Un dialogo costante tra pubblico presente e pubblico del web sarà possibile attraverso i social network e il sito della manifestazione, dove saranno disponibili contenuti e interviste, grazie all’apporto di 8 studenti della Scuola Holden di Torino. Novità di quest’anno è il contest su Twitter ‘Dall’aforisma al tweet’. Tutte le iniziative del Festival sono gratuite e aperte al pubblico fino a esaurimento posti con la prenotazione online a partire dalla fine di agosto.

Festival-della-Comunicazione_9