Mediaset, l’assemblea degli azionisti approva il bilancio 2015

27 aprile 2016

L’assemblea degli azionisti di Mediaset, riunitasi oggi sotto la presidenza di Fedele Confalonieri, ha approvato il bilancio d’esercizio di Mediaset S.p.A. al 31 dicembre 2015, il bilancio consolidato e le relazioni degli amministratori così come deliberato dal Consiglio di amministrazione del 22 marzo 2016.

Nell’esercizio 2015 sono stati registrati ricavi consolidati netti pari a 3.524,8 milioni di euro (3.414,4 milioni di euro nell’esercizio 2014). L’Ebit è positivo per 231,4 milioni di euro rispetto ai 248,7 milioni di euro del 2014. Il risultato netto di gruppo ammonta a 4,0 milioni di euro (adjusted: 28,9 milioni di euro) rispetto ai 23,7 milioni di euro dell’anno precedente.

L’assemblea degli azionisti ha approvato la distribuzione dell’utile d’esercizio di euro 50.368.405,61 come segue:
-distribuzione agli azionisti, quale dividendo, di euro 22.728.041,28 in ragione di euro 0,02 per ciascuna delle n. 1.136.402.064 azioni ordinarie costituenti il capitale sociale;
-destinazione a riserva straordinaria dell’importo residuo di utile di esercizio non distribuito di euro 27.640.364,33.

RELAZIONE SULLA REMUNERAZIONE

L’assemblea ha approvato la prima sezione della Relazione sulla remunerazione, illustrativa della politica della società in materia di remunerazioni degli amministratori e dei dirigenti con responsabilità strategiche, in attuazione di quanto previsto dall’art. 123-ter del Testo Unico della Finanza.

ACQUISTO AZIONI PROPRIE

L’assemblea degli azionisti ha rinnovato l’autorizzazione al Consiglio di Amministrazione per l’acquisto di azioni proprie per perseguire, nell’interesse della società, le finalità consentite dalla normativa applicabile in vigore, fra le quali:
a) disporre di azioni da cedere in attuazione di piani di compensi con assegnazione, a titolo oneroso o gratuito, di azioni della società (quali piani di stock grant, di stock option e, più in generale, piani azionari e piani in strumenti finanziari scambiabili con azioni della Società) in favore di esponenti aziendali, dipendenti e/o collaboratori del gruppo; b) effettuare operazioni di negoziazione e copertura; c) effettuare operazioni d’investimento di liquidità.

Le operazioni d’acquisto saranno effettuate in osservanza degli articoli 2357 e seguenti del codice civile, dell’articolo 132 del D. Lgs. 58/98, dell’articolo 144-bis del Regolamento Consob di attuazione del decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58, concernente la disciplina degli emittenti (“Regolamento Emittenti”) e di ogni altra norma applicabile, ivi incluse le norme di cui alla Direttiva 2003/6 e le relative norme di esecuzione, comunitarie e nazionali. A oggi il capitale sociale è pari a euro 614.238.333,28, suddiviso in n. 1.181.227.564 azioni ordinarie e alla data del 22 marzo 2016 la società possiede n. 44.825.500 azioni proprie, pari al 3,795% del capitale sociale; le società controllate da Mediaset non possiedono azioni della controllante.

L’assemblea ha quindi attribuito al Consiglio d’amministrazione la facoltà di acquistare, anche mediante negoziazione di opzioni o strumenti finanziari anche derivati sul titolo Mediaset, fino a un massimo di n.  118.122.756 azioni ordinarie proprie del valore nominale di euro 0,52 cadauna – corrispondenti al 10% del capitale sociale – in una o più volte, fino all’approvazione del bilancio al 31 dicembre 2016 e comunque per un periodo non superiore a 18 mesi dalla data della deliberazione assembleare. L’importo
sopra indicato trova copertura nelle riserve disponibili risultanti dall’ultimo bilancio regolarmente approvato.

Gli acquisti dovranno essere realizzati nella Borsa di quotazione con le modalità operative di cui all’articolo 144-bis lettere b) e c) del Regolamento Emittenti a un prezzo non superiore al prezzo più elevato tra il prezzo dell’ultima operazione indipendente e il prezzo dell’offerta indipendente più elevata corrente sul mercato telematico azionario gestito da Borsa Italiana.
L’assemblea ha inoltre autorizzato il Consiglio di Amministrazione, ai sensi dell’art. 2357 ter cod. civ., affinché, nel rispetto delle disposizioni di legge e di regolamento di volta in volta applicabili e dei regolamenti emanati da Borsa Italiana e in osservanza delle disposizioni comunitarie in materia, possa:
a) alienare le azioni proprie acquistate in base alla delibera o comunque già in portafoglio della società ai partecipanti ai piani di compensi, a titolo oneroso o gratuito, ai termini e alle condizioni – ivi incluso il prezzo, ove previsto – stabiliti dai piani stessi e dai relativi regolamenti. L’autorizzazione di cui al presente punto è accordata nei limiti temporali fissati dai piani di compensi; b) alienare le azioni acquistate in base alla delibera o comunque già in portafoglio della società con le seguenti modalità alternative: i) mediante operazioni in denaro; in tal caso, le vendite saranno effettuate nella Borsa di quotazione e/o fuori Borsa, a un prezzo non inferiore al 90% del prezzo di riferimento registrato dal titolo nella seduta di Borsa precedente ogni singola operazione; ii) mediante operazioni di scambio, permuta, conferimento o altro atto di disposizione, nell’ambito di progetti industriali o operazioni di finanza straordinaria. In tal caso i termini economici dell’operazione di alienazione, ivi inclusa la valutazione delle azioni oggetto di scambio, saranno determinati, con l’ausilio di esperti indipendenti, in ragione della natura e delle caratteristiche
dell’operazione, anche tenendo conto dell’andamento di mercato delle azioni Mediaset.

L’autorizzazione di cui al presente punto b) è accordata per un periodo non superiore a 18 mesi dalla data della delibera.

Il dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari di Mediaset, Luca Marconcini, dichiara, ai sensi del comma 2 art. 154-bis, del Testo Unico della Finanza, che l’informativa contabile contenuta nel presente comunicato corrisponde alle risultanze documentali, ai libri e alle scritture contabili.