L’eCommerce B2c nel 2015 raggiunge 16,6 miliardi di euro (+16%)

26 aprile 2016

L’eCommerce B2c in Italia, ossia il valore dei prodotti e dei servizi acquistati online da e-Shopper italiani, vale nel 2015 16,6 miliardi di euro. A trainare la crescita, un +16% rispetto al 2014, sono il Turismo, l’Informatica ed elettronica di consumo e l’Abbigliamento. Tale incremento, che corrisponde a una cifra pari a oltre 2,2 miliardi di euro, ha portato il commercio elettronico a raggiungere una penetrazione del 4% sulle vendite retail. A circa un mese dalla presentazione dei nuovi dati 2016, in occasione dell’eCommerce Netcomm Forum (18-19 maggio 2016), ecco il punto dell’Osservatorio eCommerce B2c Netcomm-School of Management del Politecnico di Milano sul settore.

La metodologia di ricerca ha previsto la raccolta di dati attraverso interviste dirette ai primi 300 operatori dell’eCommerce B2c attivi nel nostro Paese. Il perimetro di analisi, coerentemente con quello adottato dalle principali società di ricerca internazionali, ha previsto la quantificazione degli acquisti online di prodotti (Abbigliamento, Editoria, Informatica ed elettronica, Food&Grocery etc) e di servizi (Turismo, Assciurazioni e Ticketing per eventi). Vengono esclusi home banking e gioco online (betting e gambling), per via di meccanismi di acquisto e fruizione dei servizi totalmente avulsi rispetto a quelli tipici del commercio elettronico retail. Guardando ai singoli comparti il Turismo cresce del 14%, Informatica ed elettronica di consumo registra un +21%, l’Abbigliamento un +19%, mentre  l’Editoria ha addirittura una crescita del 31%.

Nell’ambito dei servizi, il Turismo, con 7.762 milioni di euro, vale il 47% del mercato, le Assicurazioni, con 1.235 milioni di euro, il 7,5%, e gli altri servizi (Ticketing per eventi, Ricariche telefoniche, ecc.), con 893 milioni di euro, il 5,5%. Tra i comparti di prodotto spiccano invece l’Informatica ed elettronica, che, con 2.212 milioni, vale il 13% del mercato e l’Abbigliamento che, con 1.512 milioni di euro, pesa per il 9%. Troviamo poi l’Editoria (4% del mercato, pari a 593 milioni di euro).  Rilevante anche l’apporto di alcuni settori emergenti, quali Food&Grocery (2% del mercato, pari a 377 milioni di euro), Arredamento e Home living (2% del mercato, pari a 370 milioni di euro), Beauty (cosmetica e profumeria, 1% del mercato, pari a 190 milioni di euro) e Giocattoli che insieme arrivano a superare la quota 1 miliardo di euro.

Gli italiani che acquistano online sono 17,7 milioni , di cui 11,1 milioni sono e-Shopper abituali (ossia che effettuano almeno 1 acquisto al mese). Con una spesa media annua di circa 1.300 euro – a fronte di una spesa media di 950 euro l’anno –  gli e-Shopper abituali generano il 90% del mercato eCommerce complessivo.