Facebook: in arrivo i chatbot per Messenger

13 aprile 2016

Mark Zuckerberg

Le novità annunciate da Mark Zuckerberg all’F8 a San Francisco

Facebook prepara il mondo a dialogare con anche con i bot, assistenti virtuali per supportare le imprese nella comunicazione con il cliente e in grado di rispondere ai 900 milioni di persone che usano Messenger. “Ogni giorno tra Messenger e WhatsApp vengono condivisi oltre 60 miliardi di messaggi – ha dichiarato Mark Zuckerberg, ceo di Facebbok, inaugurando a San Francisco l’F8, la conferenza dedicata agli sviluppatori del social network. “Crediamo che dovreste essere in grado di scambiarvi messaggi con le aziende così come lo fate con gli amici” ha esordito il padre del social network annunciando la possibilità per gli sviluppatori di creare i chatbot, ovvero computer capaci di rispondere alle nostre richieste. “Serviranno ad avere aggiornamenti direttamente in chat: dal meteo al traffico, sino a ordinare prodotti o servizi. Chiederemo a Messenger e un chatbot ci risponderà. Le aziende potranno a iniziare a interagire, con il servizio clienti o con un piccolo test di messaggi sponsorizzati” ha dichiarato Zuckerberg, sottolineando che gli utenti saranno comunque in grado di silenziare e bloccare le comunicazioni indesiderate.

Ad accogliere a braccia parte i chatbot aziende come Bank of America, Burger King, Fandango, eBay, Expedia. I chatbot, che sfruttano l’intelligenza artificiale sono uno degli obiettivi del colosso del web che mette sul tavolo anche l’accesso a internet per tutti e la realtà virtuale che ha le potenzialità per diventare “la piattaforma più sociale di tutte – ha ribadito Zuckerberg -. Stiamo costruendo una tecnologia che cambierà il modo in cui noi tutti vediamo il mondo. Stiamo lavorando ad una roadmap tecnologica decennale per realizzare questa missione. Il lavoro che tutti noi facciamo per avvicinare le persone non è mai stato così importante. Costruiamo ponti non muri – ha puntualizzato Zuckerberg. Abbiamo la possibilità di connettere le persone, e dare a tutti una voce. Lo faremo connettendo tutti un po’ per volta, e innovando costantemente”. Il tutto visto in una logica mobile per far crescere e monetizzare le App.

All’F8 Facebook ha confermato che la propria offerta di Instant Articles è aperta a tutti gli editori, consentendo a qualsiasi publisher di importare i propri contenuti sul social network per consentire agli utenti di leggerli senza mai uscire dal social. Secondo Facebook sarebbero oltre 1000 i publisher che avrebbero adottato gli Instant Articles.

Ufficializzato anche una serie di nuove partnerhip e strumenti, incluse integrazioni con WordPress, Medium, RebelMouse, ShareThis, Sovrn, Tempest, Adobe Analytics, Chartbeast, Parsely, SimpleReachNielsen. Nel mirino di  Zuckerberg anche e sopratutto i video per trasmettere in diretta su Facebook. La compagnia consentirà agli sviluppatori di creare strumenti che permettano di trasmettere i video live non più solo dallo smartphone ma da tutti i dispositivi, ad esempio videocamere e droni.