Clear Channel Italia acquisisce gli aeroporti di Puglia e chiude il primo trimestre a +7%

7 aprile 2016

“Clear Channel Italia, sempre più determinata nel suo percorso di trasformazione del business, continua a collezionare successi straordinari”. Così, un comunicato della società di OOH di cui è presidente e ad Paolo Dosi apre il bilancio dei primi tre mesi dell’anno, chiusi con un +7%. “Reduce da un 2015 estremamente performante – continua la nota – la business unit italiana chiude il primo trimestre 2016 in crescita, un risultato destinato a ripetersi nei prossimi quarter grazie ad alcuni progetti importanti di imminente ‘messa a terra’ come il primo network nazionale digitale aeroportuale (oltre 62 milioni di passeggeri) per un totale di  7 aeroporti italiani: Fiumicino, Venezia, Bologna, Ciampino, Treviso, cui si aggiungono gli Aeroporti di Puglia”.

A Clear Channel Italia, infatti, è stata affidata lo scorso marzo la commercializzazione pubblicitaria in esclusiva dei tre scali aeroportuali Bari, Brindisi e Grottaglie, gestiti in regime di concessione da Aeroporti di Puglia.

Attività di commercializzazione che rientra in un progetto nato da un’ATI la cui azienda capogruppo è Imecon, partner tecnologico di Clear Channel. Per la società guidata da Dosi, inoltre, è arrivata la fase conclusiva delle installazioni del primo circuito digitale in esterna, nel cuore di Milano (i digitotem sono arrivati a quasi 110 facce); mentre nei prossimi 4 mesi ci sarà l’attivazione di ulteriori 18 Premium Mall, di cui 12 vinti in una gara realizzata da Klepierre, per  realizzare, anche in questo caso, il primo circuito digitale nazionale nei Centri Commerciali Premium.

Clear Channel Italia, sempre in questo primo trimestre del 2016, ha continuato a investire per offrire un servizio sempre più innovativo e di qualità ai propri clienti, segnalano dal gruppo, con tre esempi su tutti: l’accensione continua per tutto il trimestre, non solo durante le ore serali, degli impianti backlit di Milano per rendere la comunicazione più visibile e dare maggiore impatto alle campagne adv on air nelle giornate invernali; la realizzazione di stampe ‘ecologiche’ di alta qualità per soddisfare le richieste di un importante brand; il primo live streaming su impianti digitali in Outdoor: novità a livello mondiale di cui si è stata protagonista Clear Channel Italia il primo aprile.

“Abbiamo realizzato il primo live streaming su impianti digitali in Outdoor trasmettendo in diretta l’evento di apertura della XXI Mostra Internazionale della Triennale di Milano – spiega Dosi -. E’ stata una sfida che abbiamo voluto cogliere perché Milano dopo l’Expo continui a essere al centro d’Europa. Gli schermi LCD 72 pollici, 15 nel cuore di Milano, hanno trasmesso in diretta audio/video l’evento, visibile anche su cellulari e tablet tramite un engagement via QRCODE. E’ stato possibile realizzare tutto questo in soli 10 giorni grazie a una forte collaborazione tra il nostro team digital, i nostri partner tecnologici, Imecon e Fabbrica Digitale e la Triennale. Quanto realizzato, non vale tanto in sé, ma fornisce un esempio tangibile delle potenzialità, della flessibilità e dell’immediatezza del digitale. Sono orgoglioso di questo successo, anche come italiano, perché non ci risultano altri esempi a livello mondiale”.