The Big Now celebra 3 anni di crescita in Africa

14 marzo 2016

Emanuele Nenna

La controllata Now Available Africa chiude il 2015 con un fatturato oltre il milione di dollari e raggiunge l’utile 

di Andrea Crocioni

Musica, fotografia, moda, cibo e creatività. Saranno questi i temi principali dell’evento ‘Akwaaba Milano’ (‘Benvenuti a Milano’ in lingua ghanese), la serata organizzata dall’agenzia pubblicitaria The Big Now nel capoluogo lombardo, presso la propria sede di via Masera. Un appuntamento, quello di domani, che il Gruppo specializzato in servizi di comunicazione – con uffici, oltre che a Milano, a Roma e nella capitale ghanese Accra – ha promosso con l’intento di celebrare i suoi primi tre anni di attività in Africa Centro-Occidentale.

“Now Available Africa è oggi una realtà consolidata e affermata all’interno dell’emergente mercato africano, radicata e con un’ottima reputazione”, ha raccontato Emanuele Nenna, ceo di The Big Now e co-fondatore della sigla.

“L’agenzia afro-italiana – ha continuato l’imprenditore – conta attualmente su un team di 22 persone e ha chiuso il bilancio 2015 con 4,5 milioni di GHC, superando il milione di dollari. Al suo terzo esercizio la struttura non solo ha raggiunto come da piani il break even, ma ha pure ottenuto un utile significativo”.

Now Available Africa, controllata al 51% dai soci fondatori di The Big Now, è cresciuta diventando punto di riferimento nella Regione per grandi multinazionale, ma anche grazie alla capacità di conquistare brand leader nell’area come la telefonica Tigo, le nigeriane Access Bank e So Klin e la ghanese Kasapreko. Nel portfolio dell’agenzia sono presenti campagne per marchi internazionali come Nestlé (Nescafé e Nido), PZ Cussons, Nespresso e Citröen, questi ultimi due seguiti addirittura nella fase di lancio sul mercato ghanese.

“Da Accra ci muoviamo come hub per l’Africa Centro-Occidentale, forti del nostro approccio neutrale e di un posizionamento Afropean – ha dichiarato Nenna -. Per noi è una grande soddisfazione accompagnare la crescita delle aziende. Ci muoviamo in un mercato che ha le sue regole, la sua senbilità culturale, i suoi media. Sul territorio sono presenti anche le agenzie multinazionali, con i loro avamposti, ma molto spesso si limitano a realizzare adattamenti. Un’agenzia imprenditoriale come la nostra ha un piglio decisamente diverso. L’intuizione era giusta: dopo tre anni abbiamo iniziato a raccogliere i frutti economici del nostro investimento, e ora possiamo pensare al passo successivo: è portando le logiche di pianificazione media più evolute (e ancora da scoprire nella Regione) che contiamo di accelerare in modo importante la nostra crescita. Un’area che, trainata dalla Nigeria, si evolve moltissimo, con una classe media sempre più numerosa e un modello di consumo sempre più occidentale”.

logo Akwaaba-Milano_subiancoNella serata di domani un po’ di Africa sbarcherà dunque a Milano. Tra i contenuti principali dell’evento il reportage fotografico ‘Now in Accra’ del fotografo Thomas Pololi (thomaspololi.com) che propone un inedito viaggio nella capitale del boom africano.

Tradizione e lifestyle, in un perfetto culture mix ‘afropean’, saranno al centro dell’area fashion, curata dalla unit LOW e realizzata in collaborazione con alcuni dei più affermati fashion designer ghanesi. E con la partecipazione di Nana Brenu, direttore creativo del brand 1981 (studio1981.com), marchio ghanese moderno e contemporaneo con sede a Milano, che nel 2014 è stato nominato miglior stilista emergente dell’anno per l’Africa Fashion Awards.

La startup di design afroitaliano Manukafashion (manukafashion.com) allestirà l’ambiente con i suoi tessuti. Fra i protagonisti dell’evento anche la neonata Associazione The Small Now Onlus (thesmallnow.org), organizzazione non-profit specializzata in progetti di comunicazione per la CSR, ideata da Enrico Tamiazzo, art director cresciuto in Now Available Africa e Michele Bianchi, cooperante internazionale.L’evento è a inviti, per informazioni: tbn@thebignow.it.