Fieg: apprezzamento per operazione contro illecita diffusione on line di quotidiani

29 gennaio 2016

Maurizio Costa

“Esprimo profondo apprezzamento per l’ulteriore segnale di attenzione al settore dell’editoria e di impegno concreto nella difficile attività di protezione del diritto d’autore dimostrato dal Nucleo speciale per la radiodiffusione e l’editoria della Guardia di Finanza e dalla Procura della Repubblica di Roma”. Così il Presidente della Fieg, Maurizio Costa, ha commentato l’operazione, “Fenice”, coordinata dalla Procura di Roma e condotta dal Nucleo speciale per la radiodiffusione e l’editoria della Guardia di Finanza, che ha portato al sequestro di dieci siti web illegali, all’oscuramento di cinque altri siti e alla denuncia di cinque persone per illecita diffusione di copie digitali di quotidiani nazionali.

L’operazione è stata possibile grazie a un innovativo metodo di tracciatura delle copie digitali, adottato dalle principali imprese editoriali, che ha consentito l’individuazione dei soggetti della diffusione sul web dei contenuti editoriali tutelati. Questa iniziativa segue un’altra analoga dell’aprile scorso, che portò al sequestro e oscuramento di 19 siti/edicola che si appropriavano della copia digitale del giornale non ancora mandato in stampa per caricarla su siti illegali.

“Da tempo – ha continuato Costa – gli editori italiani denunciano le continue violazioni del diritto d’autore e il saccheggio sistematico dei contenuti editoriali,  attuati sia con azioni di vera e propria pirateria – come quelle oggetto delle operazioni che hanno portato alla complessiva chiusura di 34 siti – sia attraverso utilizzazioni ‘clandestine’ di contenuti altrui, come le rassegne stampa realizzate senza autorizzazione dei titolari del diritto di sfruttamento delle opere riprodotte, fino a giungere all’utilizzo illegittimo dei contenuti da parte degli Over the top. Tutti i fenomeni di pirateria, riproducendo senza alcun riconoscimento economico un’informazione sulla quale gli editori investono invece ingenti risorse, condizionano in maniera significativa i modelli di business delle imprese editrici. Per tutelare il prodotto informativo realizzato dalle nostre imprese – conclude Costa – è necessaria una strategia complessiva di difesa del diritto d’autore che si basi su azioni efficaci di contrasto all’illegalità e sulle opportune modifiche normative”.