Flurry svela le app più usate nel 2015

8 gennaio 2016

Nell’ultimo anno l’utilizzo complessivo è cresciuto del 58% 

Flurry rende noti i risultati sull’uso delle app rispetto ai diversi device mobile (smartphone, tablet, phablet) nel periodo natalizio e in tutto il 2015, sulla base delle 780,000 applicazioni tracciate dalla sua piattaforma. Anche questa volta il giorno di Natale è stato il più importante dell”anno per i download di app: il giorno di Natale nel 2015 il download è stato di 2,2 volte rispetto a un giorno medio di dicembre.

Nei sette anni in cui Flurry ha monitorato l’utilizzo delle app mobili è stata registrata una crescita continua, il cui trend è stato confermato anche nel  2015 con una crescita complessiva del 58%. Prendendo in considerazione le singole categorie, quattro sono cresciute in misura superiore alla media: App di  personalizzazione, che vanno dai lock-screen di Android alle tastiere Emoji, con sessioni cresciute di oltre il 344% nel 2015; App di News e Magazine, cresciute del 141% nel 2015; App di Produttività, per accedere alla posta e ad altre app di produttività come Google Docs, Quip, Slack e la suite di produttività di Microsoft, con il 119% delle sessioni in più nel 2015; App di Lifestyle and Shopping, cresciute dell’80% nel 2015, dopo essere cresciute del 174% nel 2014.

Confrontando i tassi di crescita anno su anno di News & Magazine, Sport, e Musica, Media & Entertainment su phablet e altri device, i tassi di crescita di queste tre categorie risultano particolarmente alti sui phablet rispetto a quelli registrati da tutti gli altri device. La crescita delle app News & Magazine su phablet è di 4,8 volte superiore a tutti gli altri dispositivi, rivelando la preferenza degli utenti a utilizzare le app di notizie e riviste da phablet piuttosto che da smartphone o tablet.

Un risultato simile è emerso per le app di Sport e Music, Media & Entertainment che da phablet sono utilizzate rispettivamente 4,6  e 4 volte in più rispetto agli altri device. Il quadro risulta ancora più chiaro quando confrontiamo la crescita del tempo speso sui diversi device anno su anno. Il tempo speso su phablet è cresciuto ben del 334% anno su anno ( 2,9 volte di più rispetto alla media del 117 % registrato complessivamente dagli altri device).

Che i phablet giochino oggi un ruolo rivelante, lo conferma anche il Flurry Christmas Report che rivela come quest’anno il 27% di tutti i nuovi dispositivi attivati per il Natale siano stati phablet e il 50% di casino tutti i dispositivi Android attivati nello stesso periodo siano phablet. Una tendenza che, se confermata, affermerà il phablet il device dominante entro l”ottobre del prossimo anno. Emerge, infatti, che sempre di più i consumatori scelgono i phablet, la cui attivazione è passata dal 13% nel 2014 al 27% nel 2015, mentre nel 2013 era solo del 4%.

Se inizialmente poteva sembrare che i phablet prendessero le quote di mercato dai tablet, la cui percentuale è scesa dal 17% nel 2013 all’11% nel 2014, per la prima volta quest’anno notiamo che i consumatori scelgono in realtà il phablet non come alternativa ai tablet ma piuttosto agli smartphone di media dimensione che sono scesi dal 63% del 2014 al 54% del Natale appena trascorso. Nel frattempo, i piccoli telefoni con una dimensione dello schermo inferiore a 3,5 “sono quasi estinti”.

Esaminando i marchi che hanno vinto la battaglia dello shopping natalizio, Apple è di nuovo al primo posto con il 49,1% di tutti i nuovi dispositivi con un calo però di 2,2 punti percentuali rispetto al 51,3% dello scorso anno. Samsung ha registrato il 19,8% , in crescita del 2,1% rispetto al 17,7 % del 2014, trainata dal nuovo Galaxy Grand Prime, Core Prime e l’S6  Nokia di Microsoft ha perso molto dal 2014, passando dal 5,8 % al 2 %. Sony è sparito dai top five, mentre Xiaomi ne è entrato per la prima volta con l”1,5% di tutte le nuove attivazioni durante la settimana di Natale.

 

TAGS