Fatture in Cloud si affida a Kube Libre per la nuova campagna integrata

A Mec la pianificazione che prevede stampa quotidiana, radio, affissione e web 

di Andrea Crocioni

Fatture in Cloud, dal 2015 parte del Gruppo TeamSystem, ha scelto Kube Libre per la nuova campagna di comunicazione. Azienda giovane e dinamica, nata dall’intuizione di Daniele Ratti, punta su un software di fatturazione online che permette di elaborare ed inviare fatture, gestendo i propri affari ovunque ci si trovi, grazie appunto al ‘cloud’.

“Fatture in Cloud nasce con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo delle Partite Iva e delle micro imprese Italiane che perdono troppo tempo nella gestione della fatturazione (documenti sparsi, fatture fatte con office o addirittura cartacee)”, ha raccontato a Today Pubblicità Italia lo stesso Ratti che poi ha anticipato i piani di crescita della startup italiana.

“Siamo ambiziosi e abbiamo dei grossi piani in termini di sviluppo e di comunicazione – ha detto -. L’azienda è passata da 2 a 6 persone in pochi mesi e ora stiamo cercando nuovi sviluppatori per sviluppare con più rapidità Fatture in Cloud e delle spin-off ad alto valore tecnologico”.

Ratti ha poi parlato della scelta di lavorare con Kube Libre: “Questa collaborazione nasce da una call last-minute con Luciano Nardi, il fondatore dell’agenzia. Era gennaio e non avevamo ancora un piano di comunicazione da fare nelle settimane successive. La proposta di Kube Libre ci ha colpiti particolarmente in quanto era differente da tutte le altre in termini di originalità e ci ha dato l’impressione di poter ‘bucare lo schermo’”.

La comunicazione parte dal concetto “con Fatture in Cloud puoi farlo dove vuoi” e ci racconta i vantaggi del servizio attraverso una serie di annunci, che mostrano questa infinita potenzialità all’opera sia in situazioni classiche da ‘attesa’, che in momenti più dinamici.

A spiegarci gli asset della strategia pubblicitaria lo stesso Ratti: “Abbiamo fatto il rebranding di Fatture in Cloud in coordinazione con la grafica e i colori del Gruppo TeamSystem e sviluppato delle nuove creatività da utilizzare sia offline che su web, oltre a due divertentissimi spot radio che non vediamo l’ora di mettere in onda! L’obiettivo è quello di rendere il brand ‘Fatture in Cloud’ riconoscibile dal nostro target d’interesse tramite queste pubblicità accattivanti. In parallelo, abbiamo sfruttato queste creatività anche per il nuovo sito web che è appena stato pubblicato in occasione dell’imminente lancio della campagna”.

Per quanto riguarda la pianificazione la startup si è appoggiata a Mec Italy. La campagna sarà on air in radio, su Disco Radio e Radio 105, su quotidiani di ampia diffusione (Gazzetta dello Sport), con maxi-affissioni nella metropolitana di Milano, online con advertising mirato (Sole 24 Ore) e native advertising. Al progetto hanno lavorato Luciano Nardi, in qualità di direttore creativo, il copywriter Piero Lo Faro, l’art Mirco Bompignano e l’Head of strategy Myriam Goin. Gli scatti sono di Lorenzo Scaccini, mentre la produzione dei radiocomunicati è di Circle.

“Il tema principale che vogliamo trasmettere è il fatto che Fatture in Cloud permette a chiunque di gestire la propria azienda, ovunque, anche nei tempi morti. La noiosa gestione della fatturazione diventa divertente, oltre che un potente aiuto nella gestione dell’impresa”, ha sottolineato Ratti.

E ha aggiunto: “Abbiamo quintuplicato gli investimenti in marketing con l’obiettivo di conquistare la leadership di mercato nel settore della fatturazione per piccole imprese. Al momento non abbiamo ancora un piano internazionale perché il nostro focus è al 100% sul mercato italiano, dove c’è ancora molto da fare per innovare”, ha concluso.

A RED Robiglio&Dematteis la gara per i deodoranti Sauber

Sauber, brand premium del mercato italiano dei deodoranti, ha scelto RED Robiglio&Dematteis per lo studio e lo sviluppo della nuova comunicazione che includerà una nuova campagna televisiva. La consultazione, indetta da Italsilva Commerciale proprietaria del marchio Sauber,  si è svolta nei primi mesi del 2016 e ha coinvolto diverse strutture. La partnership con RED, la sigla guidata da Riccardo Robiglio e Paolo Dematteis, riguarderà anche il lancio di nuove referenze che andranno ad arricchire la presenza dell’azienda nella grande distribuzione.

PittaRosso, al via il primo spot firmato Leo Burnett: Simona Ventura ancora protagonista

Dopo essersi aggiudicata la gara creativa lo scorso novembre (vedi notizia), Leo Burnett firma la nuova campagna per PittaRosso: il brand  accompagna ogni passo che facciamo, con le scarpe giuste per ogni momento e per ogni situazione. È questa l’idea creativa alla base del nuovo spot, online da ieri sui canali social dell’azienda e in onda dal 3 al 16 aprile sulle reti Mediaset, Rai, Discovery e Sky, per un totale di 900 grp’s e oltre 1800 spot.

La pianificazione media è curata da Casiraghi Greco &. Protagonista dello spot PittaRosso è ancora una volta Simona Ventura, la cui immagine è presente su tutto il territorio nazionale, nei punti vendita e nella nuova campagna affissioni. Simona è anche su tutti i canali social del retailer, dove sono già pubblicate le mini clip del backstage.

La regia dello spot è affidata a Fausto Brizzi che dichiara: “Sono particolarmente felice di collaborare con PittaRosso e di aver avuto l’occasione di raccontare un piccolo frammento della storia di successo del brand. È stata un’opportunità interessante per raccontare, in maniera inconsueta per me, la stessa Italia e le stesse persone che vivono nelle mie commedie. Un’esperienza resa ancora più entusiasmante dalla collaborazione con Simona Ventura e con tutto il team PittaRosso”.

“Simona e Fausto hanno interpretato in maniera convincente e originale il messaggio dello spot – ha dichiarato Francesco Bozza, direttore creativo esecutivo di Leo Burnett -. Ne sono nati uno scambio di idee e un dialogo ricco di spunti divertenti. È stato bello vedere come tutto quello che avevamo pensato si sia realizzato in maniera fluida e costruttiva, sul set l’atmosfera era allegra e creativa, c’era una bella energia che ha dato vita a un film divertente, ma con un messaggio più profondo reso in modo perfetto da una testimonial che si è messa in gioco bene, ironizzando su se stessa in modo intelligente”.

Lo spot arriva al termine di un percorso di posizionamento lungo e molto articolato, i cui risultati più visibili sono la crescita dei volumi e la capacità di interpretare in maniera sempre più precisa le esigenze dei propri clienti.

“Si tratta di un percorso – ha dichiarato l’amministratore delegato di PittaRosso Andrea Cipolloni – che si inserisce perfettamente nella nostra strategia di sviluppo. In PittaRosso, con la collaborazione dell’agenzia Leo Burnett e quella ormai storica con Simona Ventura, intendiamo impegnarci costantemente in un dialogo sempre più profondo con le persone e con le famiglie che ogni giorno ci scelgono”.  Con la direzione creativa esecutiva di Francesco Bozza e Alessandro Antonini hanno lavorato il direttore creativo Anna Meneguzzo, il senior art  Alessia Casini e il senior copy Vincenzina Cirillo. La casa di produzione è Enormous Film, post produzione video di EDI effetti digitali italiani e Edi Disc to Disc.

Telecom, Flavio Cattaneo nuovo amministratore delegato

Il consiglio di amministrazione di Telecom Italia si è riunito ieri sotto la presidenza di Giuseppe Recchi e ha nominato Flavio Cattaneo nuovo amministratore delegato, conferendogli deleghe esecutive. Nato nel 1963, Cattaneo è laureato in Architettura presso il Politecnico di Milano e ha una formazione specialistica in materia di gestione aziendale.

Da febbraio 2015 è amministratore delegato di NTV, da marzo 2015 è presidente di Domus Italia. Da novembre 2005 a maggio 2014 Cattaneo è stato amministratore delegato di Terna. Da aprile 2003 ad agosto 2005 è stato direttore generale della tv pubblica Rai, curando anche la fusione con Rai Holding e la separazione contabile.

Al presidente esecutivo Giuseppe Recchi risultano attribuiti i seguenti incarichi: l’identificazione delle linee guida di sviluppo del Gruppo, di intesa con l’amministratore delegato; la supervisione dell’elaborazione dei piani strategici, industriali e finanziari, della loro realizzazione e del loro sviluppo; la supervisione della definizione degli assetti organizzativi, nonché la supervisione in materia di Security e sulla società Telecom Italia Sparkle; la rappresentanza della società e del Gruppo nei rapporti esterni con le Autorità, le Istituzioni italiane e internazionali e gli investitori; la responsabilità organizzativa delle funzioni Brand Strategy and Media, Institutional Communication, Legal Affairs, Public Affairs, e Corporate Shared Value.

All’amministratore delegato Flavio Cattaneo sono conferite quindi le responsabilità del governo complessivo della Società e del Gruppo, ivi inclusa la responsabilità di definire, proporre al consiglio di amministrazione e quindi attuare e sviluppare i piani strategici, industriali e finanziari e tutte le responsabilità organizzative per garantire la gestione e lo sviluppo del business in Italia e in Sud America.

Le pratiche di consumo delle audience connesse, gli editori tv in prima linea

Luca Rochira (Fox): “I fandom sono un’opportunità di interazione ma anche una grande responsabilità”

Sono stati presentati ieri presso il MAXXI di Roma, i risultati dell’indagine ‘La nuova centralità televisiva. Schermi, contenuti, pratiche delle audience connesse’, condotta dall’Osservatorio Social Tv per riflettere sulle pratiche di consumo che stanno ridefinendo l’ecosistema televisivo. Partner sono i principali editori tv tra cui Rai, Mediaset, Sky, Fox Networks Group Italy, Discovery Italia, Viacom International Media Networks, Laeffe, Sony Pictures Television Networks. Oggi le audience televisive connesse rappresentano il 60% della popolazione italiana: l’Osservatorio ha fatto ricorso a strumenti quantitativi (CAWI su un panel di audience connesse – 1.162 soggetti tra i 12 e i 65 anni) e qualitativi (web diary e forum online) gestiti in partnership con la società di ricerche di mercato SWG.

La ricerca ha rivelato che la moltiplicazione degli schermi introduce due elementi di innovazione: l’aumento del tempo complessivo dedicato alla visione di tv attraverso diversi device e la diversificazione delle pratiche di multiscrening. Quasi metà del campione utilizza laptop (45%) e smartphone (43%) per guardare contenuti televisivi e lo smartphone si afferma come lo schermo emergente preferito dalla GenZ che, per il 73% sceglie cosa vedere sulla base dei suggerimenti letti on line prima dell’inizio del programma e per il 60% quando il programma è già in onda o sta per cominciare (le discussioni su Facebook, Twitter o Instagram motivano la visione o il cambio di canale).

Il 53% del campione cerca informazioni su temi, personaggi e storie televisive; il 48% va a cercare siti menzionati dal programma e più del 50% verifica se le informazioni fornite dai programmi siano vere. I device personali, in funzione di second screen, consentono anche di giocare con gli elementi del programma, partecipando a quiz, o a concorsi, votando i propri personaggi preferiti di uno show (circa il 30% del campione). O ancora, le audience più attive amano condividere video e immagini dei loro personaggi preferiti, seguire le celebrity sui social media, sostenere i propri programmi preferiti e interagire con altri appassionati. In questo modo i contenuti tv diventano effettivamente parte della vita quotidiana e delle relazioni sociali.

Attraverso queste pratiche, fandom-like, il contenuto tv continua a vivere tra le audience negli ambienti online, producendo occasioni di consumo espanso e le engaged audience hanno la possibilità di costruire legami sempre più forti con i propri contenuti televisivi preferiti. Crescente è l’interesse mostrato dalle audience nei confronti dei brand posizionati nei testi televisivi: le audience cercano on line oggetti che hanno visto in tv e allo stesso tempo sono spinte a condividere il loro interesse con altri nei social media e motivate a trasformare un interesse in acquisto e consumo di prodotti presenti sullo schermo. Le strategie di product placement avanzato e di branded entertainment agiscono da potenti attivatori per le audience e consentono di espandere il piacere del consumo oltre gli schermi.

“Il rapporto con i propri fan rappresenta un’opportunità ma anche una grande responsabilità per i canali televisivi – ha dichiarato Luca Rochira, Programming Director Entertainment Channels di Fox Networks Group Italy durante l’incontro -. The Walking Dead è un perfetto esempio di tutto ciò: è una serie di culto e al contempo un prodotto transmediale, con una sua declinazione tv, web e fumetto, che riesce a coinvolgere i fandom. Un rapporto, quello con gli utenti, su cui Fox punta molto, come dimostra il progetto Fox Crew. Un gruppo social che permette di coinvolgere e rendere attivi i fandom del canale, stimolando feedback e ascoltando le loro proposte”.

Disko è la nuova agenzia digitale di Vahiné (Gruppo McCormick)

A seguito di un pitch internazionale, Disko è stata scelta dal Gruppo McCormick come agenzia di consulenza per la comunicazione digitale di Vahiné, brand dolciario presente in 135 mercati che offre dolci creativi provenienti da tutto il mondo: frutta secca, Vaniglia del Madagascar, pepite di cioccolato, zucchero vanigliato, lievito. A Disko il compito di ripensare l’ecosistema digitale di Vahiné e il progetto di una nuova piattaforma digitale emozionale, direttamente connessa al suo pubblico.

Brand content e storytelling sono messi in primo piano, comprese tutte le piattaforme social del brand (Facebook, Twitter, Instagram, Pinterest, YouTube), così come i siti delle operazioni speciali creati dall’agenzia. Disko supporta Vahiné anche nel suo programma relazionale così come su tematiche più tecniche.

L’agenzia indipendente di consulenza in comunicazione digitale, nata nel 2010, tra i clienti annovera Nespresso, Dodo, Pomellato, Roger&Gallet, Diesel, L’Oréal, Carrefour, Ferrero, Speedo, Sephora, Warner, Lenovo. Ha uffici a Parigi, Montpellier, Milano e Barcellona.

FCP-Assointernet: a febbraio fatturato in crescita del 4,1%

L’Osservatorio FCP-Assointernet ha reso noti i dati relativi al mese di febbraio, raffrontati allo stesso periodo del 2015, dai quali emergono i seguenti dati di fatturato: Web -1,7% , Mobile +200,2%, Tablet +39,5%,  Smart TV/Console +117,8%, Totale +4,1%.

Giorgio Galantis, presidente di  FCP-Assointernet, commenta: “Dopo il risultato sostanzialmente flat di gennaio, il fatturato del mezzo Internet monitorato dall’Osservatorio FCP-Assointernet registra a febbraio una decisa crescita facendo segnare +4,1%. Coerente con quello degli ultimi mesi l’andamento dei diversi device: flessione contenuta del Web e progresso consistente del Mobile che triplica il proprio fatturato rispetto allo scorso anno incidendo per il 7,6% sul fatturato totale del mese contro il 2,6% del 2015. Anche il dato del fatturato progressivo è in terreno positivo a +2,2%”.

Per i dati completi clicca qui

Reale Mutua, testa a testa tra Mec e Simple Agency per l’incarico media

Secondo quanto risulta a Today Pubblicità Italia, la gara indetta da Reale Mutua per la ricerca di un partner media per la gestione del budget specifico per il digital (vedi notizia) sarebbe in corso tra Mec, sigla di GroupM, e Simple Agency, struttura di Denstsu Aegis Network. L’azienda, come aveva dichiarato a Today Pubblicità Italia il responsabile distribuzione marketing e brand di gruppo di Reale Group Marco Mazzucco, ha stanziato un investimento di circa 1 milione di euro, legato alla nascita di nuovi prodotti che saranno disponibili on line.

La nuova campagna adv ‘Alzi la mano chi’, partita lo scorso 20 marzo, è presente sulle principali emittenti televisive nazionali, sulla stampa e, in maniera integrata e complementare, anche sui media digital e mobile. Il nuovo concept veicolato ‘Together More’ esprime il senso di condivisione e compartecipazione, che è l’essenza stessa di Reale Mutua. L’attenzione ai new media da parte della compagnia assicurativa italiana è aumentata negli ultimi anni.

Nel mese di marzo 2016, da un’analisi di Blogmeter/NinjaMarketing dedicata al settore insurance, Reale Mutua è emersa, insieme a Generali Italia, come protagonista assoluta su Facebook.

Lo scorso gennaio era, inoltre, in vetta alla classifica dei Top Brand con la campagna web ‘Realmente Protetti’. Sul sito www.realemutua.it negli ultimi 30 giorni ci sono stati 122.478 accessi, di cui il 9,6% da mobile e il 6,1% da tablet, 92.938 visitatori unici, di cui il 67% nuovi, 319.307 pagine visitate con una durata media di 2 minuti e 33 secondi. (V.Z.)

A+E Networks Italy, storia e crime trainano la raccolta commerciale a +34%

In arrivo su History ‘Ostaggi delle SS sulle Alpi’, ‘Roma: La settimana imperiale’ e il ritorno del reality ‘Alone’. Su Crime+Investigation: ‘I miei 60 giorni all’inferno’, ‘Camorriste2’ e ‘Profondo Nero’

di Valeria Zonca

Un’offerta televisiva sempre più diversificata ma chiara, intrigante e capace di affezionare pubblici diversi ma tutti socialmente e culturalmente elevati, proponendo il meglio della produzione factual presente a livello internazionale. E’ questa la strategia editoriale cavalcata da A+E Networks Italy, che ha definito i palinsesti per i prossimi mesi.

“Storia e storie italiane, dai grandi eventi agli anniversari, fino al racconto del lato oscuro della nostra società; produzioni originali; drama; reality estremi e esperimenti sociali: su queste linee si muoverà la programmazione futura dei nostri due canali, Crime+Investigation e History – spiega a Today Pubblicità Italia la general manager Sherin Salvetti -. Abbiamo arricchito la nostra offerta con la fiction che si sposa perfettamente con l’identità dei nostri due brand. Sperimentiamo costantemente nuovi generi per trovare modi sempre nuovi di portare in tv la storia e il crime. Continuiamo a parlare italiano. E rafforziamo la nostra presenza sul web. Nei prossimi mesi lanceremo l’app di History, che fornirà informazioni sulla programmazione e sul mondo del canale 407 di Sky. Una proposta editoriale che ha l’obiettivo di consolidare il posizionamento anche in termini commerciali. Visto in modo particolare dalla una classe socio-economica medio-alta e alta, History è il primo canale factual per tempo medio di visione sul pubblico maschile dai 4 anni in su, è il secondo in termini di ascolti nel totale giorno sia in prime time ed è il più seguito dai laureati – prosegue la manager -. Crime+Investigation, invece, è molto amato dal pubblico femminile: nel 2015, rispetto al target, è infatti il 2° canale della piattaforma Sky in termini di tempo medio di visione tra le 7 e le 21 (49 minuti nel giorno medio). Dal punto di vista commerciale intendiamo rendere ancor più stretto e solido il rapporto con le aziende investitrici. Come dimostra il successo della raccolta pubblicitaria (+34% nel 2015), che viene gestita da Sky Media, le aziende puntano sui nostri brand perché sono riconoscibili, hanno pubblici ben definiti e altamente profilati, capaci di dare effettivamente un valore aggiunto ai loro investimenti. Vogliamo essere un partner su cui è possibile sperimentare nuove forme di promozione televisiva, che coniughino innovazione di linguaggio e analisi strategica dei target, incrementando il lavoro sulle iniziative speciali”.

In primavera partirà la serie Il relitto da un milione di dollari, ovvero il  transatlantico Republic, che affondò nel 1909: dotato delle più costose tecnologie, il team di History va alla caccia di questo tesoro scomparso in fondo all’Oceano Atlantico. Il 25 aprile, in occasione della Giorno della Liberazione, verrà proposto lo speciale Ostaggi delle SS sulle Alpi, che racconta il destino di un centinaio di prigionieri, provenienti da diversi campi di concentramento e radunati dalle SS in un paesino dell’Alto Adige come merce di scambio per una resa onorevole. Tra questi un nipote di Giuseppe Garibaldi e il figlio del Maresciallo Badoglio. A maggio ci sarà Roma: La settimana imperiale.

“Sette giorni di programmazione sulla città eterna, tanti prodotti in prima visione che ne ricostruiscono, anche attraverso prospettive originali, la storia millenaria – precisa Salvetti -. Alcuni dei documentari sono targati BBC e presentati da una delle più importanti studiose internazionali dell’antica  Roma: la professoressa di Cambridge, Mary Beard. A luglio sarà la volta di Barbarians Rising, una docu-fiction in otto episodi che illustra in maniera non convenzionale la storia di Roma, basandosi sul punto di vista dei nemici, le popolazioni barbariche”.

In estate, dopo il successo della prima stagione, tornerà Alone. “E’ stato uno dei casi televisivi, a tutti gli effetti uno dei reality show ‘più estremi’ mai realizzati e uno dei uno dei programmi più visti di History: media di ascolto di circa 100 mila spettatori, 1,1% di share tv sul target commerciale maschile, 35-44 anni. I programmi di History hanno, inoltre, una presenza rilevante anche sulla piattaforma OTT di Sky, su Sky On Demand, su Sky Go e su Sky Box Sets e sono tra i più scaricati”, dichiara la general manager.

Ad aprile Crime+Investigation proporrà l’esperimento sociale e televisivo I miei 60 giorni all’inferno: sette cittadini modello, spinti da diverse motivazioni, decidono di vivere per due mesi all’interno di un carcere di massima sicurezza in Indiana (Usa). “A maggio, in concomitanza con la partenza di Gomorra 2, proporremo una nostra produzione originale, la mini-serie Camorriste: legando alla fiction il prodotto factual, rinnoviamo la partnership editoriale con Sky, che già in passato ha dato ottimi frutti – prosegue Salvetti -. A giugno ritornerà la seconda stagione di Profondo Nero, dedicata questa volta ai grandi omicidi d’Italia e alle passioni e alle pulsioni segrete che li hanno animati, con Carlo Lucarelli”.

Il fatturato pubblicitario della radio cresce del 5,9% a febbraio

L’Osservatorio FCP-Assoradio (FCP-Federazione Concessionarie Pubblicità) ha raccolto i dati relativi al fatturato pubblicitario del mese di febbraio 2016. I dati evidenziano un aumento del fatturato pubblicitario della pubblicità nazionale radiofonica pari al +5,9% nel mese di febbraio 2016 rispetto al corrispettivo 2015. Tale dato corrisponde a un fatturato totale di 25.684.000 euro.

“A fronte di un mercato che in questo inizio d’anno appare in ripresa, il mezzo Radio continua a crescere anche sotto il profilo della raccolta pubblicitaria – commenta Paolo Salvaderi, presidente di FCP-Assoradio -. A febbraio torna infatti il segno più dopo la flessione fisiologica di gennaio, preceduta da tredici mesi di ininterrotto progresso. Il fatturato monitorato dall’Osservatorio FCP-Assoradio registra un aumento del +5,9% sull’anno scorso e del +16,8% sul 2014. Il bilancio complessivo del primo bimestre un incremento del +1,8% sul 2015. Ulteriore testimonianza del dinamismo del mezzo le novità annunciate in questi giorni relative alla rilevazione degli ascolti”.

Assorel contesta 4 gare per l’appalto di attività di relazioni pubbliche

Continua l’impegno di Assorel per migliorare e regolamentare i bandi di gara pubblici e privati. Secondo quanto comunicato ieri da una nota dall’Associazione, solo nell’ultimo mese Assorel ha presentato un esposto per l’appalto emesso da EUR SpA per i servizi di media relations, per il quale ha contestato la richiesta di obbligo di iscrizione all’Albo Nazionale dei Giornalisti da almeno 10 anni per il Referente del Contratto, segnalando altresì il caso alla Autorità Garante del Mercato e della Concorrenza.

A Unioncamere-Regione Puglia è stato fatto rilevare che la procedura indicata per l’appalto delle attività di ufficio stampa e servizi di comunicazione della Regione Puglia, con l’indicazione di una settimana di tempo per la consegna degli elaborati, non favorisce la predisposizione di offerte tecniche di valore e la massima partecipazione da parte degli operatori del settore.

Al Comune di Cervia il cui Bando era finalizzato alla promozione dell’immagine del Comune mediante attività PR e ufficio stampa, è stata contestata la non congruità del budget e la modalità di valutazione dell’onorario di agenzia, rapportata al totale del budget allocato e non al valore delle competenze.

Al Comune di Salsomaggiore è stata fatta rimarcare la ristrettezza dei tempi di presentazione delle offerte, poco più di una settimana per partecipare, e la riproposizione della stessa gara già bandita, a fine gennaio 2016, poi “annullata in autotutela”.

L’Associazione ha in tutti questi casi rilevato condizioni fortemente limitanti alla partecipazione di agenzie che operano nel mercato e, conseguentemente, vincoli alla normativa sulla libera concorrenza.Come si legge ancora nella nota, Assorel intensificherà il proprio lavoro di vigilanza e monitoraggio dei Bandi di Gara per salvaguardare la professionalità e gli interessi del comparto, operando per raggiungere obiettivi di trasparenza tra domanda e offerta di servizi di consulenza per la Comunicazione d’Impresa.

Assorel è l’Associazione Italiana delle Agenzie di Relazioni Pubbliche, fondata nel 1982 che raggruppa i maggiori operatori del settore in Italia e aderisce a Confindustria Intellect e ICCO – International Communications Consultancy Organisation – l’organizzazione globale che riunisce le Associazioni di Categoria di 31 Paesi.

Eicma su stampa e web con LeftLoft

È on air la nuova campagna pubblicitaria che accompagnerà la 74ma edizione di Eicma, l’Esposizione mondiale del Motociclismo. Il claim recita ‘Moto mai viste’, giocando sul doppio senso e strizzando l’occhio alle novità del settore che tradizionalmente ogni anno vengono presentate proprio al salone in anteprima mondiale.

Eicma, dunque, prosegue il percorso intrapreso nell’individuare le due ruote come mezzo di trasporto alla portata di tutti. Per enfatizzare il messaggio, invita uomini e donne a immaginarsi a bordo di una moto o di uno scooter, senza definirne tipologia o caratteristiche, perché ciascuno può trovare dentro di sé lo stile che meglio lo rappresenta.

“La  campagna non si rivolge solo a chi motociclista lo è già  spiega Antonello Montante, presidente di Eicma – ma anche a coloro che non si sono mai immaginati in questa veste. Perché, in continuità con i messaggi delle campagne degli scorsi anni, i motociclisti sono cambiati, ma la passione è rimasta la stessa”.

La campagna, realizzata da LeftLoft, che si è aggiudicata l’incarico a seguito di una gara, verrà veicolata attraverso i più importanti magazine di settore italiani ed esteri, stampa generalista, web e tv. Grande peso avranno inoltre i principali social network, come Facebook, Instagram e YouTube.

BASE Milano apre stasera. Al via un fitto programma

Questa sera alle 19 apre BASE Milano. A place for cultural progress, il nuovo progetto per la cultura e la creatività a Milano, luogo di produzione culturale, sperimentazione e di condivisione, che vedrà rinascere e restituire alla città gli storici spazi dell’ex Ansaldo, riqualificati in tempo record da Comune di Milano e Arci Milano, Avanzi, esterni, h+, Make a Cube³, vincitori del bando pubblico, e con il sostegno di Fondazione Cariplo. Il progetto architettonico è di Onsitestudio.

BASE Milano è un esperimento di innovazione e contaminazione culturale tra Arte, Creatività, Impresa, Tecnologia e Welfare, che si insedia nel cuore del distretto Tortona, in una delle aree più vivaci e dinamiche della città, in continua evoluzione. Un humus creativo particolarmente fertile al quale BASE Milano contribuirà come nuovo punto di riferimento, attivo tutto l’anno, ridando vita a circa 6.000 mq delle ex acciaierie Ansaldo tra via Bergognone e via Tortona, corpo centrale dello storico stabilimento risalente al 1904.

Un progetto ambizioso che si traduce oggi in uno spazio co-working (prima fase di attivazione a maggio con l’ingresso, tra gli altri, di Wikimedia Italia), una caffetteria e una lounge sempre aperte, la nuova foresteria-residenza d’artista casabase (attiva da giugno), aree per mostre, workshop ed eventi temporanei, laboratori, un fitto calendario di eventi, incontri, proposte di intrattenimento. Inoltre, per facilitare questo percorso di scambio e di attivazione, BASE Milano ha voluto sviluppare un inedito sistema digitale d’interazione fra gli utenti e gli spazi coinvolgendo vari progettisti di rilievo: da dotdotdot, che realizza la principale infrastruttura web, a TODO e AOS fornitori di tecnologie integrate.

A partire da oggi prenderà quindi il via una serie di eventi per accompagnare l’apertura di BASE Milano con una grande festa e con l’inaugurazione della mostra-laboratorio Visual Making, proseguendo poi attraverso la programmazione del primo trimestre. Partner tecnici sono: Artek, Vitra, D’Arrigo, Dyson, Farrow&Ball, Geberit, Leftover, Pixartprinting, Pozzi Ginori, Rivo interior; media partner: Abitare, Zero, Instagramers Milano; brand identity: OutThere; produzione video: Hfilms.

 

Valica punta a 2 milioni di fatturato nel 2016

La società da quest’anno gestisce in esclusiva il database utenti de ilMeteo.it. Rafforzata anche la struttura commerciale con l’inserimento di nuovi professionisti

È iniziato con il piede giusto il 2016 di Valica, concessionaria di web advertising, che si è ormai affermata come punto di riferimento per il segmento travel italiano. Il network ha registrato una crescita costante e secondo ComScore (società di ricerca per il marketing in diversi settori commerciali del web) si attesta tra i primi 5 player del travel online per numero di turisti intercettati ogni mese, con oltre 2 milioni di utenti nel mese di gennaio 2016, e circa 6 milioni di iscritti alla newsletter, oltre a una crescita costante in termini di fatturato, che nel 2015 ha sfiorato 1,7 milioni di euro con un incremento del 35% rispetto all’anno precedente.

Determinante per il rafforzamento della struttura è stata la presenza sugli ambienti social, grazie soprattutto alle pagine di PaesiOnLine, tra i top brand Facebook per engagement e per numero di utenti che quotidianamente visitano la pagina, che conta circa 400.000 fan. Oltre ad arricchire il proprio network con l’entrata di nuovi portali, l’agenzia conferma anche per quest’anno tutti i partner, tra i quali PaesiOnLine.it, ilTurista.info, ARTE.it, Camperonline e BBplanet, e ottiene la gestione in esclusiva del database utenti de IlMeteo.it.

Per una migliore gestione del lavoro, l’agenzia, presente sul territorio con le due sedi di Roma e Milano, ha deciso di rafforzare il team commerciale coordinato da Carmine Massimo con l’inserimento di nuovi professionisti: Romina Facchi, Responsabile Centrali Media del Nord Italia, Tiziana Italia, Responsabile Centrali Media di Roma e della Pubblica Amministrazione, e Felice Fossati, Sales Manager clienti diretti Nord Italia.

“In termini di prodotto, Valica si sta organizzando per poter rispondere a tutte le esigenze del mercato, attraverso collaborazioni con partner del settore turistico, ma anche di altri – ha dichiarato Emiliano D’Andrea, ceo di Valica -. Realizziamo e gestiamo progetti legati al video advertising, con una piattaforma dedicata, progetti di native advertising, anche grazie alla collaborazione con Quantum. Forte è la competenza in ottica di lead generation e profilazione degli utenti, grazie anche al motore di semantica TAPOI, che ci consente di clusterizzare gli utenti seguendo le passioni che li motivano ad organizzare un viaggio, analizzandone anche il profilo negli ambienti social. Per quanto riguarda l’area programmatic, è presente il private market place nelle maggiori SSP del mercato. Credo il principale pregio di Valica sia stato quello di aver anticipato la tendenza di aggregazione in un settore così importante del mercato dell’advertising italiano, e il nostro obiettivo per il 2016 è di affermarci come punto di riferimento per tutti gli stakeholder del settore e di superare il traguardo dei 2 milioni di fatturato”.

“Sono molto soddisfatto della scelta fatta per rafforzare il nostro team commerciale, che si arricchisce con tre professionisti molto preparati – ha commentato Carmine Massimo, Sales Director di Valica. – Abbiamo davanti mesi di intenso lavoro e puntiamo a incrementare il numero di iniziative e progetti speciali, che abbiamo visto essere accolti in modo estremamente positivo dalle audience di riferimento. Anche quest’anno riproporremo ‘Sognando la Thailandia’, il fortunato progetto di social media placement turistico che festeggerà la sua quarta edizione, e molte altre iniziative attualmente in fase di definizione”.

 

Nasce Rekall VR, la prima virtual reality company italiana

Rekall VR, in cui VR sta per ‘Virtual Reality’, è un brand nato dall’idea di Orangemedialab, la digital agency milanese fondata nel 2010 da Alessandro Fabozzi, Diego Jirillo e Luca Martinotti, una realtà tutta italiana che annovera fra i propri clienti aziende e gruppi internazionali quali Edison, Snai, Adidas, Dyson, Belstaff.

Orange, con il lancio della divisione Rekall VR, è fra le prime agenzie di comunicazione europee ad aver deciso di investire, tramite l’apertura di un intero department, in sviluppo, innovazione e commercializzazione di contenuti e soprattutto di ‘esperienze’ totalmente immersive a 360° in stereoscopia e con le più innovative tecniche di ripresa. Ciò ha portato a oggi la Rekall VR a essere una realtà italiana all’avanguardia nell’ ideazione e produzione di quello che è e sarà sempre di più il futuro del contenuto dei prossimi anni.

L’anima creativa di Orange, unita all’esperienza in termini di proposizione e realizzazione di contenuti efficaci in ambito digital, fa si che Rekall VR non sia solo un laboratorio di produzione di video in stereoscopia, ma che il concetto di ‘realtà virtuale’ venga trattato in tutto e per tutto come ‘esperienza’ in grado di trasportare l’utente attraverso un percorso comunicativo, con lo stesso obiettivo dell’ adv tradizionale, ma con un’efficacia in termini di fruizione dell’esperienza stessa totalmente all’avanguardia.

A oggi Rekall VR collabora già con le realtà più grandi a livello internazionale presenti in questo mercato, supportando Samsung per il lancio del nuovo Galaxy S7, che, grazie all’accessorio Gear VR, rappresenta il cellulare attualmente di riferimento per l’esperienza di video 360, questo tramite la realizzazione di un’esperienza totalmente immersiva in stereoscopia realizzata durante il Lasershow del 10 marzo a Milano in piazza Gae Aulenti con guest come Andro dei Negramaro e FatBoySlim. Rekall VR è già attiva con una proposizione di esperienze in tutti i settori mercelogici, dall’ambito musicale, all’automotive, dal turismo al reale estate.