COMONExT programma il suo futuro

24 dicembre 2015

Lomazzo ( Como ) inaugurazione del Polo Scientifico Tecnologico COMO NEXT

L’assemblea dei soci di COMONExT ha deliberato alcune modifiche allo statuto e approvato le proposte di riorganizzazione e rilancio per il triennio 2016-2018. Per adempiere alle prescrizioni normative recentemente introdotte, il numero dei membri del Consiglio di Amministrazione di COMONExT è stato ridotto, e passa dunque da 7 a 5; è stato inoltre recepito il vincolo delle quote di genere. I soci di COMONExT, Sviluppo Como, che possiede la maggioranza delle quote, Comune di Lomazzo, Fondazione Politecnico e Unindustria Como hanno nominato il nuovo Consiglio di Amministrazione così composto: Presidente: Annarita Polacchini (Amministratore Delegato di ASF Autolinee, su nomina di Sviluppo Como) Vice Presidente: Giovanni Brenna (Consigliere del Comune di Lomazzo, su nomina di Comune di Lomazzo) Consiglieri: Lorenzo Frigerio (Presidente settore Moda di Confartigianato Como, su nomina di Sviluppo Como); Manuela Pizzagalli (Responsabile progetti di innovazione della Fondazione Politecnico, su nomina di Fondazione Politecnico); Angelo Porro (Presidente BCC Cantù, su nomina di Sviluppo Como).

Con il nuovo piano strategico si chiude con soddisfazione la prima fase di COMONExT iniziata nel 2010 con la missione di favorire il rilancio e l’attrattività del territorio tramite la promozione della cultura dell’innovazione ed il trasferimento tecnologico, facendosi tramite ed acceleratore fra il mondo della ricerca, le imprese e gli investitori, dando loro nuova linfa e favorendo nuove creazioni. Questa realtà rappresenta uno degli 8 incubatori certificati presenti in Lombardia, ha oltre 100 aziende insediate (di cui 5 sono estere: provenienti da Israele, Usa, Svizzera e Germania) con circa 470 addetti; nei prossimi anni l’obiettivo è di destinare energie per la diffusione della cultura dell’innovazione, dei servizi prestati alle imprese insediate e del territorio e migliorare la competitività del Parco oltre che al completamento degli investimenti. I principali obiettivi del nuovo piano strategico sono: sviluppo della Rete per l’attrattività del parco, pareggio economico, miglioramento della conoscenza e e dellareputazione del parco, completamento dell’investimento immobiliare e individuazione del cluster che dovrebbe portare all’individuazione di una specializzazione e di un laboratorio di ricerca all’interno del Parco che possa fare da attrattore forte per le imprese del settore.

E’ prevista anche una riorganizzazione con l’obiettivo di rafforzare lo staff con l’arrivo di un nuovo direttore generale dotato di ruolo e funzioni differenti rispetto al suo predecessore, che dovrà gestire il processo secondo il Piano Strategico messo a punto da COMONExT con il sostegno e la collaborazione di Sviluppo Como. Inoltre, aderendo alla richiesta della CCIAA di semplificazione delle società partecipate, nelle scorse settimane, i Consigli di Amministrazione di Sviluppo Como e COMONExT hanno condiviso di iniziare il percorso per la procedura di fusione delle relative società da attuarsi entro la fine del 2016.