Casta Diva Group: chiusura d’anno a 25 milioni. Acquisizioni in vista per il 2016

21 dicembre 2015

Luca Oddo e Andrea De Micheli

Chiusura d’anno con 25 milioni di euro di fatturato, 2 nuove sedi nel mondo e 32 premi internazionali vinti. Sono i numeri di Casta Diva Group, la ‘multinazionale tascabile’ della comunicazione fondata da Andrea De Micheli e Luca Oddo ormai 10 anni fa, che si prepara al 2016 con importanti novità.

“Quando siamo partiti nel 2005 – raccontano  De Micheli e Oddo, rispettivamente amministratore delegato e presidente del Gruppo -, avevamo chiara la strategia di internazionalizzazione e diversificazione che abbiamo intrapreso e che ci ha permesso negli anni di raggiungere importanti traguardi. A oggi il nostro Gruppo conta 13 sedi nel mondo, due delle quali – Beirut e Montevideo – aperte nel 2015, tre società controllate direttamente Casta Diva Pictures, Egg Events e Bin Jip e una legata a noi da un accordo commerciale, Adacto”.

Per il Gruppo quello che si sta per chiudere è stato un anno importante che ha consolidato il fatturato con un Ebitda (MOL) intorno all’8% confermandosi una delle realtà leader nel settore. In particoalre sono andate molto bene le sedi di Milano, Istanbul, Praga, Londra e Buenos Aires seguite da Los Angeles e Cape Town.

“Una ventina di nuovi clienti ci hanno dato fiducia e la community internazionale della comunicazione ci ha consacrato tra le migliori case di produzione al mondo assegnandoci ben 32 premi tra i quali: un oro a EPICA Awards (categoria Viral Films), due bronzi a Cannes Lions International Festival Of Creativity (categorie PR e Promo&Activation), due bronzi e una menzione come ‘Finalist’ a LIA – London International Awards 2015 (categoria Web Services e Live Events)”, continuano De Micheli e Oddo.

“Chiudiamo quindi un anno di grandi soddisfazioni – spiegano -, ma che ci conduce a un 2016 che si prospetta ancora più interessante. Abbiamo tanti progetti in cantiere: dal punto di vista della produzione il nuovo film di Marco Bechis e uno show televisivo, sui quali il nostro reparto cine e tv stanno già lavorando; dal punto di vista societario stiamo valutando alcune opportunità di acquisizione. Abbiamo i mezzi e la volontà per crescere sia per linee interne sia attraverso acquisizioni, in Italia e all’estero. Sul nostro tavolo ci sono alcuni dossier e pensiamo di chiudere una o più operazioni”, concludono i due.