Angelo Aleksic: “Sul mercato c’è spazio per un nuovo familiare”. E pensa a ulteriori acquisizioni

18 dicembre 2015

Il presidente della European Network Editore illustra i progetti futuri, tra cui la costituzione di una nuova società, e traccia un bilancio del 2015

di Laura Buraschi

A poco più di un anno dall”acquisizione di Eva Tremila e Vip: come stanno andando le due testate in termini sia di vendite sia di  raccolta pubblicitaria?

Bene entrambe. Il 2015 è stato un altro anno zero per la European Network Editore, perché abbiamo acquistato queste due testate da Prs, dopo che nel 2012 avevamo già acquisito le riviste di astrologia dal Gruppo Piscopo. Sulle vendite di Vip e Eva Tremila abbiamo migliorato l’andamento dell’editore precedente. Abbiamo inoltre aggiustato il conto economico, che ora è in positivo. Due novità riguardano poi la raccolta pubblicitaria e la distribuzione. Finora, la pubblicità era stata gestita internamente, con una subconcessione con Publistampa che però si interromperà a fine anno. Da gennaio ci affideremo alla nostra nuova concessionaria ABU. Abbiamo anche cambiato, dall’1 dicembre, la società di distribuzione: siamo passati a PressDi, una scelta strategica perché ci stiamo ingrandendo e perché vogliamo puntare molto sulle edicole ma anche sulla gdo, con investimenti sulla massificazione e il posizionamento del prodotto. Oltre a Vip e Eva Tremila, editiamo anche altre testate di gossip: EvaMese, VipMese, VipParty e TuttoGossip. Questo settore è per noi molto importante e siamo sempre attenti ad eventuali nuove acquisizioni.

Nel frattempo è stato lanciato Eva Cucina: come è stato accolto dal mercato? Sono previste ulteriori brand extension?

Il mensile Eva Cucina è stato accolto molto bene, tanto che, quando è arrivato il primo dato di diffusione del numero 1, siamo rimasti tutti piacevolmente stupiti. Abbiamo avuto conferma che il segmento cucina funziona molto bene. La testata è stata apprezzata tantissimo, sia dai centri media che dalle agenzie pubblicitarie. Quindi siamo convinti che sia una testata sulla quale possiamo investire e che può dare tante soddisfazioni. Al momento, è in edicola il numero 3, per il quale abbiamo fatto una tiratura molto importante, oltre 100.000 copie, e un primo investimento sulla gdo. Stiamo aspettando i dati di vendita. Inoltre, stiamo valutando varie altre brand extension per casino online il futuro.

Per quanto riguarda invece le testate astrologiche, come è stato il 2015? 

Per Astrella, AstroMese e Sirio è stato un anno positivo, sempre con il segno più, stando però molto attenti ai costi. La raccolta pubblicitaria ha fatto registrare dei risultati importanti su tutte e tre le riviste. Ora è in edicola un super-numero di fine anno per Astrella, con una foliazione di ben 240 pagine, sempre nel tradizionale formato tascabile ma brossurato, e con una copertina molto importante realizzata in collaborazione con Lo Scarabeo. Si è trattato di un investimento importante, che ha riguardato anche un supporto alla distribuzione nella gdo, pur restando positivo il dato edicola.

Nel complesso com’è andata la raccolta pubblicitaria della casa editrice nel 2015?

Per il settore astrologico, abbiamo registrato un 5% rispetto all’anno scorso. Per quanto invece riguarda il gossip, considerando che nel 2014 ancora non pubblicavamo Vip e Eva Tremila, le aspettative sono positive, nonostante la sofferenza del mercato.

State valutando nuove acquisizioni o nuovi lanci?

C’è una grande novità in arrivo: a breve ci sarà un nuovo lancio, molto importante per noi. Si tratta di un settimanale familiare a grande tiratura, di cui però per ora preferisco non fornire dettagli. Per pubblicarlo, abbiamo costituito la società Angelo Aleksic Editore. Sono convinto che lo spazio in edicola per un nuovo familiare ci sia.

Altri obiettivi per il 2016?

Nel settore dell’astrologia, siamo molto attenti alla testata concorrente Astra e non vediamo l’ora di riuscire a portarla dentro la nostra casa editrice. Per quanto riguarda il gossip, invece, avevamo guardato con interesse a Novella2000 e a Visto, ma la recente acquisizione da parte del gruppo Visibilia ci ha chiuso le porte. Attualmente, con la Angelo Aleksic Editore stiamo tenendo sotto controllo le testate dell’ex gruppo Veneziani, che in questo momento sono in mano al curatore fallimentare, e non è escluso che ci presenteremo per un eventuale acquisto. Infine, nel 2016 potenzieremo notevolmente il settore della comunicazione: abbiamo infatti affidato a Mediarkè la gestione dell’ufficio stampa, delle media partnership e degli eventi.