Consorzio del Prosciutto di Parma verso una revisione creativa e media nel 2016

15 dicembre 2015

di Valeria Zonca


È con l’intento di comunicare le qualità e le peculiarità di un prodotto tra i più rappresentativi del made in Italy, ormai conosciuto e apprezzato in tutto il mondo, che è nata la campagna ‘natalizia’ del Consorzio del Prosciutto di Parma, on air su stampa dal 4 al 24 dicembre sui principali quotidiani nazionali e locali.

La creatività è dell’agenzia Cayenne, partner dal 2013, che cura anche la pianificazione con la divisione Cayenne Media. ‘Solo carne italiana, una lenta stagionatura, niente conservanti, né nitrati né nitriti. Nasce così il gusto inconfondibile del Prosciutto di Parma’, recita il body copy. Un comparto che vale un miliardo e 700 milioni di consumo, con 4.200 allevamenti, 140 macelli e tremila addetti nella provincia e oltre 50mila impegnati nel circuito e 150 aziende associate. Lo scorso aprile l’assemblea dei soci ha nominato il nuovo cda, in carica per i prossimi 3 anni, e ha eletto presidente Vittorio Capanna.

Di fronte a calo dei consumi alimentari che ha avuto un impatto negativo anche sulle vendite del prosciutto (-6,1% nel 2014 sul 2013) ed episodi continui di contraffazione nel mondo, regge invece l’export casino online grazie al traino degli Usa. In incremento anche il Parma preaffettato ( 2% nel 2014 sul 2013). Sostegno alla filiera, qualità, export: questi i focus del nuovo mandato.

“Il nostro obiettivo è quello di continuare a essere competitivi e garantire uno standard di qualità sul mercato. Punteremo sui Paesi extra europei, ma vogliamo tornare a numeri pre crisi anche su quello nazionale”, ha spiegato il neo presidente.

Il marchio DOP ha recentemente svolto una ricerca sulle caratteristiche del prodotto, sul vissuto di marca e sui nuovi stili di consumo. I risultati potranno costituire la base per sviluppare la creatività per il prossimo triennio.

A quanto risulta a Today Pubblicità Italia, infatti, il Consorzio starebbe avviando una revisione della creatività e del media con ragionamenti concreti sulle sigle da coinvolgere nei pitch. La fase preselettiva, che dovrebbe concludersi entro la fine dell’anno, dovrebbe poi sfociare nella gara vera e propria che dovrebbe prendere il via a inizio 2016.