Osservatorio Cera di Cupra premia il talento femminile e indaga gli stereotipi di genere

27 novembre 2015

Monica Pasetti

di Monica Bozzellini


‘Pari Opportunità: un’educazione libera da stereotipi’. Su questo tema si è focalizzata la sesta edizione del progetto Osservatorio Cera di Cupra, nato dalla volontà di Farmaceutici Dottor Ciccarelli e di Monica Pasetti, direttore generale,  di monitorare l’evoluzione del ruolo femminile per rilevare il vissuto delle donne rispetto a posizione sociale, familiare e professionale. Per cogliere, dunque, il punto di vista degli italiani sul tema dell’identità di genere, il progetto, le cui conclusioni sono state presentate ieri a Milano, ha utilizzato lo strumento della ricerca, con un’indagine socio antropologica condotta da Eikon Strategic Consulting.

Due i dati principali elementi emersi: una sostanziale vicinanza nelle percezioni di uomini e donne, a dimostrazione del fatto che i percorsi del femminile e del maschile passano da visioni degli obiettivi condivise; la constatazione di come alcune delle rappresentazioni sui tradizionali ruoli di genere sembrino ancora profondamente radicate e difficili da modificare, anche e soprattutto nella popolazione femminile. Il progetto ha voluto anche coinvolgere le studentesse universitarie, con un bando che chiedeva loro di scrivere un breve testo sul tema del 2015: 12 le vincitrici e le borse di studio assegnate in collaborazione con Almed-Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, Università Luiss Guido Carli di Roma, Università degli Studi di Bari Aldo Moro e Università per stranieri di Perugia.

“Un importante progetto di collegamento tra azienda e Università”, ha sottolineato Marco Pasetti presidente e ad del Gruppo, un modo per sposare il dna ‘responsabile’ del marchio con le esigenze di business, uscendo dalle tradizionali strategie di marketing. Come nel caso del sostegno alla produzione del film di Massimiliano Bruno Gli ultimi saranno ultimi, storia che s’interroga sulla condizione femminile, o in quello della sponsorizzazione de Il ragazzo invisibile di Tornatore, “film coerente con il percorso che da circa 4 anni ci vede impegnati nelle scuole contro il bullismo”, sottolinea Pasetti.

Su questa linea va anche il piano di comunicazione 2016, come spiega Maurizio Caimi, marketing strategico Farmaceutici  Dottor Ciccarelli. In particolare per il lancio di due prodotti premium, già in vendita all’estero e online su ciccarelli.it, che entro la primavera del prossimo anno saranno distribuiti in Italia.

“Si tratta di Pasta del Capitano 1905, per cui sono stati scelti i Bullfrog Barber Shop, e Cera di Cupra Milano (vedi notizia) per la cui distribuzione stiamo ancora trattando, pensando a mall come La Rinascente. Faremo un po’ di televisione, ma soprattutto radio su cui puntiamo molto, new media e ‘guerrilla’ con un evento coerente con il top di gamma”.

Il Gruppo è anche al lavoro su un progetto di branded content con Discovery. L’investimento in comunicazione crescerà di necessità nel 2016 rispetto al 2015, anno in cui il Gruppo ha speso in comunicazione tra i 4 e i 5 milioni di euro, circa il 15% del fatturato (pari a 30 milioni di euro). “Risultato ottenuto con un rapporto tra Italia ed estero di 90 a 10, ma che nel prossimo triennio vogliamo ribaltare – sottolinea Caimi -, portando il fatturato da Paesi stranieri al 60% del totale”.