Gara media globale Unilever, Mindshare confermata in Italia

23 novembre 2015

Roberto Binaghi

La multinazionale ha speso nel nostro Paese oltre 70 milioni in adv nei primi 9 mesi 2015

Secondo quanto pubblicato sulla stampa estera, si è conclusa la gara media Unilever avviata a inizio 2015 e che aveva coinvolto sigle del roster, tra cui Mindshare (GroupM) e Phd (Omnicom Media Group).

La sigla di GroupM è stata confermata per le attività di media planning e buying nel mercato del Nord America, e in Europa, tra cui in Italia, ma ha allargato la sua gestione in altre aree del vecchio continente, precedentemente in mano a Phd, tra cui l’Europa Centrale e dell’Est. In Australia, la multinazionale anglo-olandese ha spostato il budget da Mindshare a Phd, che si era precedentemente aggiudicata il search globale, e che è stata confermata anche per la gestione del budget in Cina.

L’America Latina, in carico a Initiative, non è stata coinvolta dal pitch globale che ha interessato 60 nazioni. Unilever è presente nel nostro casino paese con i brand alimentari Algida, Magnum, Café Zero, Ben & Jenny’s, Calvè, Lipton, Knorr, quelli per la cura della persona Axe, Badedas, Clear, Dove, Fissan, Glysolid, Mentadent, Sunsilk e Tony & Guy, e con prodotti per la cura della casa Cif, Coccolino, Domestos, Lysoform e Svelto.

In Italia la multinazionale ha speso oltre 70 milioni (periodo gennaio-settembre 2015, fonte: Milano Finanza su dati Nielsen) con un incremento del 9,6% sul pari periodo dello scorso anno: la maggior parte dell’investimento è declinato in Tv, con oltre 65 milioni. La spesa globale totale di Unilever è stata nel 2013 di 7,7 miliardi di dollari in advertising e promozioni, quella negli Usa di 844 milioni di dollari nel 2014.