Media Consultants porta in Italia il monitoraggio web di AdReport

29 ottobre 2015

Antonio Margoni

di Andrea Crocioni


Media Consultants, società che  in Italia opera nel settore della produzione di strumenti e servizi per advertising management, media planning, analisi di media research e monitoraggio delle attività pubblicitarie, ha annunciato ieri una partnership strategica con AdReport, società internazionale specializzata nella rilevazione delle campagne pubblicitarie su internet, per la commercializzazione nel nostro Paese dell’omonimo servizio di rilevazione delle campagne web.

Il monitoraggio  avviene grazie a un avanzato sistema simile a quello dei motori di ricerca, che esamina migliaia di indirizzi web durante l’intero giorno, anche ripetendo l’accesso in momenti diversi della giornata, e registra ogni annuncio pubblicitario trovato.

Disponibile da ieri in Italia grazie alla società presieduta da Antonio Margoni, AdReport è già distribuito in Grecia, Turchia, Olanda e si sta espandendo in altri Paesi europei che verranno man mano attivati a partire dal 2016. Nella Penisola, dove l’attività di monitoraggio è partita a febbraio, AdReport controlla già, 24 ore su 24, circa 600 siti e oltre 8.000 URL, e solo negli ultimi mesi ha rilevato circa 1.500 inserzionisti, 6.000 campagne e oltre 40.000 creatività pubblicitarie. E i numeri sono in costante aggiornamento, visto che la forza di questo servizio sta proprio nella sua capacità di offrire informazioni praticamente in tempo reale.

“In pochi click ho la possibilità di fare la radiografia del modo di lavorare di un’azienda”, ha spiegato Rodolfo Rotta, direttore marketing di Media Consultants.

AdReport, infatti, fotografa tutte le attività di comunicazione online degli investitori in Italia. Durante il giorno, nel giro di poche ore le nuove creatività vengono esaminate e catalogate per: campagna, prodotto, advertiser, settore e categoria e rese disponibili ai clienti per la visualizzazione e le analisi. Il tool consente di costruire report personalizzati e, soprattutto, l’immediata identificazione delle nuove campagne e di tutte quelle attive oggi, ieri, l’altro ieri, l’ultima settimana, l’ultimo mese o per un periodo scelto.

“Si tratta di uno strumento molto tattico – ha precisato Rodolfo Rotta -. Investitori e agenzie, ad esempio, hanno la possibilità di individuare agevolmente la partenza di campagne dei propri competitor e i siti su cui sono state individuate”.

Ma il servizio può essere utile anche per publisher e concessionarie che potranno scoprire campagne che gli inserzionisti hanno pianificato solo su siti concorrenti ed eventualmente contattarli per proporsi. L’interfaccia, di facile lettura, per ogni campagna identificata mostra azienda, prodotto, campagna, categoria, siti web, tipi banner e creatività. Il dettaglio della singola campagna affianca le creatività ai siti web e sottosezioni su cui sono state reperite. Il servizio, che verrà commercializzato tendenzialmente su base annuale e con abbonamenti legati al numero di user attivi, è in continua fase di aggiornamento.

“Abbiamo già avviato delle sperimentazioni per implementare il tool e migliorarlo – ha spiegato Rotta -. L’idea è quella di aumentare i dettagli e la ricchezza delle informazioni a disposizione. In questo senso stiamo lavorando sul fronte delle campagne mobile, ma stiamo anche pensando a come estendere il servizio ai social. Un altro fronte aperto è quello del programmatic. Ad oggi in Italia non siamo in grado di indicare se le campagne sono state pianificate nello specifico con questo sistema. Siamo in piena fase di valutazione, ma pensiamo di arrivarci attraverso accordi con le principali piattaforme del settore”.

Non va dimenticato, inoltre, che Media Consultants con la consociata Metro Media System rileva e certifica l’emesso pubblicitario sulle tv italiane; ne consegue la naturale estensione dei controlli anche al web. La società ha l’obiettivo di creare sinergia, integrazione e omogeneizzazione tra le informazioni provenienti dalle fonti più disparate e  a tale scopo sono già attive più linee di sperimentazione e progettazione delle integrazioni tecnologiche.