Adci in campo per i Diversity Media Awards

16 ottobre 2015

Massimo Guastini

di Andrea Crocioni


“Se non ti mobiliti per i diritti di qualcuno nel momento in cui ne è privato quando poi intaccheranno i tuoi nessuno si muoverà per te. E ti ritroverai solo”. Massimo Guastini cita Harvey Milk per annunciare il sostegno dell’Art Directors Club Italiano al  Diversity Media Awards.  Pensato sul modello dei Glaad Awards, questo riconoscimento si propone di identificare e premiare i prodotti mediali che, nel corso dell’anno, si sono distinti nel rappresentare in modo attento e rispettoso le persone gay, lesbiche, bisessuali e transessuali.

Il progetto, alla sua prima edizione, è stato ideato dall’associazione Diversity, realtà presieduta da Francesca Vecchioni e impegnata nell’abbattimento del pregiudizio e della discriminazione legati al concetto di diversità, affiancata in questo percorso da Università, centri di ricerca e istituzioni.

“La nostra scelta di promuovere questa iniziativa – racconta il presidente Adci –  si inserisce a pieno nel solco delle precedenti azioni portate avanti dalla nostra associazione per promuovere la cultura della comunicazione in Italia. Noi professionisti del settore abbiamo una responsabilità nei confronti delle persone. Dimostrando sensibilità nel nostro lavoro, promuovendo le best practice, possiamo modificare la percezione e dare il nostro contributo, soprattutto là dove ci sono dei diritti calpestati. In un Paese come il nostro, che ha un oggettivo problema di omofobia, occorre agire sull’immaginario collettivo, favorire la diffusione di una narrazione accurata delle persone LGBT per  cercare di sollevare le paure e i pregiudizi. Anche questo significa nutrire il cervello”.

L’iscrizione al premio è gratuita ed è possibile autocandidarsi e mandare le proprie campagne pubblicitarie  uscite tra il primo luglio 2014 e il 30 giugno 2015.  La commissione scientifica è composta da 15 accademici provenienti da 10 atenei differenti. A loro fanno riferimento i 35 ricercatori che stanno selezionando i contenuti mediali: Tv, Radio, Stampa e anche la Pubblicità. Le campagne vanno inviate a ricerca@diversitylab.it.