30° ADCI, Guastini: “Un’iniziativa per ispirare i giovani: la ‘golden age’ è ora!”

22 settembre 2015

Massimo Gustini

Intanto ieri sono stati annunciati i dieci presidenti di giuria degli Adci Awards 

di Andrea Crocioni

Quasi trent’anni fa nasceva ufficialmente l’Art Directors Club Italiano. Il 19 dicembre 1985 furono in sette a presentarsi dal notaio: Sandro Baldoni, Roberto Fiamenghi, Roberto Gariboldi, Marco Mignani, Gabrio Maurizio Panzeri, Fritz Tschirren e Giampietro Vinti. Mancano poco meno di tre  mesi all’importante anniversario e per ricordarlo il Consiglio Direttivo Adci ha deciso di lanciare un’iniziativa speciale: ‘ADCI. Storia della pubblicità italiana’. “Abbiamo voluto evitare sterili autocelebrazioni – racconta a Today Pubblicità Italia il presidente Massimo Guastini -. Abbiamo preferito tornare alle nostre radici con questo progetto online che al momento vive solo su Facebook, il posto ideale per fare circolare idee e dare il massimo della diffusione a questa operazione di recupero”.

L’idea è quella di concentrarsi sugli anni che vanno dal 1970 al 1984 e in particolare sulle campagne stampa e in affissione. “A ispirarmi Pasquale Barbella che ha pubblicato una di queste campagne sul suo profilo e che poi è stato fondamentale nella fase di ricostruzione dello scenario professionale dell’epoca. Un periodo – precisa Guastini – segnato da una produzione di altissima qualità. Vogliamo salvare dall’oblio un lavoro eccellente: campagne che avevano una logica di ingaggio moderna e internazionale, ma un linguaggio molto italiano. Le campagne selezionate non hanno vinto award, ma erano campagne vere. Commissionate. Remunerate. Celebriamo i 15 anni che hanno preceduto l’Adci e che di fatto hanno contribuito a costituire il background di quei professionisti che negli anni successivi hanno fondato e guidato le più importanti agenzie italiane”.

Un percorso di recupero che però non è vocato alla nostalgia: “E’ essenzialmente un modo per parlare ai giovani, per ispirare quelli che oggi fanno questo lavoro e che spesso non vedono ripagato il proprio impegno. Questa pagina, infatti, non si propone di gratificare l’ego di chi ha scritto la storia della pubblicità italiana. Hanno dato e avuto molto. Il messaggio che vogliamo dare ai ragazzi è: la ‘golden age’ è sempre ora, non è nel passato. L’età media dei fondatori dell’Art Directors Club Italiano, in quel lontano 1985, era di 35 anni…ricordiamoci che l’Adci nacque dai giovani”.

Intanto, nella giornata di ieri, l’Art Directors Club Italiano ha reso noti i nomi dei presidenti di giuria scelti dal presidente dell’ Adci Award, Luca Scotto di Carlo. Integrated: Michele Picci. Stampa/Design: Federico Pepe. Outdoor/Fotografia: Vincenzo Gasbarro. Film/Craft/branded content: Giuseppe Mastromatteo. Radio/Copywriting: Marco Geranzani. Promo & Activation: Marco Venturelli. Cyber01: Manuel Musilli. Cyber02: Selmi Bali Barissever. Studenti: Michelangelo Cianciosi. Direct/Pr: Davide Boscacci.

Ogni giuria sarà composta, oltre che dal presidente, da non più di dieci professionisti scelti tra i soci Adci iscritti nel 2015. Ogni presidente di giuria è però libero di invitare anche due non soci Adci. I lavori vincitori saranno premiati nel corso della serata finale di IF! Italians Festival il prossimo sette novembre, al Teatro Franco Parenti.