Nivea vince contro Neve

17 settembre 2015

Un’importante sentenza del Tribunale di Milano (N. 9103 del 2015) riconosce la celebrità internazionale del brand Nivea della società tedesca Beiersdorf assistita dallo studio Trevisan & Cuonzo e stabilisce che la parola ‘Neve’ non può essere utilizzata da altri concorrenti come marchio nel settore cosmetico in quanto confondibile con Nivea. La sentenza afferma il principio della confondibilità concettuale o etimologica tra marchi. Secondo il Tribunale, Neve è confondibile con Nivea in quanto quest’ultima deriva etimologicamente dal latino niveus/nivea/niveum ossia “bianco come la neve”. Proprio il richiamo alla neve di Nivea rende illecito l’uso di ‘Neve’ da parte dei concorrenti nel settore dei prodotti di bellezza. Pertanto il Tribunale ha dichiarato la nullità del marchio Neve della concorrente e ne ha vietato l’utilizzazione.