Comunico: 2015 col segno più. Pronti a sbarcare in Uk

15 settembre 2015

Antonino Zito

di Andrea Crocioni


Un’agenzia giovane per l’età media dei componenti del suo staff, ma consolidata – è prossima a festeggiare i 13 anni di vita – e pronta a scommettere su uno sviluppo internazionale. Parliamo di  Comunico: una sede centrale a Torino, una sede operativa a Milano e ora pronta a sbarcare a Londra. “Abbiamo una dimensione operativa internazionale – racconta a Today Pubblicità Italia il Managing Director Antonino Zito -. Grazie alla collaborazione con partner istituzionali come le camere di commercio già abbiamo fra i nostri clienti una percentuale crescente di aziende estere che hanno la necessità di fare comunicazione in Italia. Non è un caso che il nostro team parli correttamente cinque lingue. E adesso andiamo a consolidare questo posizionamento con l’apertura nel Regno Unito. Abbiamo già costituito una società di diritto britannico e con l’anno nuovo apriremo un nostro ufficio a Londra”.

Praticamente nato nel 2002 sui banchi dell’Università, da un’idea dello stesso Zito e del suo socio Massimo Gioscia, il Gruppo Comunico oggi ha una doppia anima. Da un lato c’è l’omonima agenzia, più legata alla comunicazione tradizionale, dall’altro Reload, realtà specializzata in digital e content marketing. “Le due strutture possono lavorare in modo assolutamente indipendente l’una dall’altra, o fornire un servizio integrato, a seconda delle esigenze dei clienti”, sottolinea il managing director. Branding, identity, social, app, web, marketing, packaging, fiere, advertising: la gamma dei servizi è praticamente a 360°.

“Anche se la nostra peculiarità – aggiunge Zito – è una forte specializzazione sull’identity aziendale”. L’organico nel complesso conta 12 persone, ma è in espansione. “Stiamo cercando quattro nuovi profili da inserire in staff – continua -. Da imprenditori siamo convinti che sia fondamentale investire i ricavi in nuove opportunità di business. Per questo motivo cerchiamo talento da far evolvere in maturità professionale. In particolare oggi la nostra idea è di potenziare ulteriormente l’offerta sul digitale, a partire da ottobre saremo fra i primi in Italia a sviluppare App per la nuova Apple Tv”. Intanto il 2015 si avvia a chiudere in positivo (fra le acquisizioni più recenti  Dassault Systèmes, azienda del settore aerospaziale). “Per quest’anno abbiamo già raggiunto il budget – chiarisce il manager -. La sensazione è che il mercato si stia riprendendo, soprattutto nel morale: colgo una maggiore propensione a investire in comunicazione, soprattutto quando è innovativa. Oggi, del resto, il valore aggiunto è dato dalla qualità del contenuto e dalla capacità di declinarlo”.