Balich Worldwide Shows presenta al mondo la sede di Expo Astana 2017

14 settembre 2015

Da Expo Milano 2015 ad Astana 2017. Grazie al successo ottenuto dall’esposizione sull’Identità Italiana all’interno del Padiglione Italia e dall’Albero della Vita, Balich Worldwide Shows è stata chiamata ad Astana per celebrare con una grande cerimonia i 550 anni del popolo Kazako e presentare al mondo la sede della prossima esposizione universale. Infatti in seguito alla visita del presidente Nazarbayev, insieme al ministro della cultura Kazako all’Expo di Milano, BWS ha ricevuto l’incarico di celebrare la tradizione e il futuro del ‘Paese Eterno’.

La spettacolare cerimonia, che si è svolta venerdì 11 settembre, alle 15 ora italiana, nella Barys Ice Arena di Astana, ha avuto il suo culmine nella celebrazione di Expo Astana 2017, la prima esposizione internazionale ospitata da un Paese centro-asiatico, come promessa di un futuro di pace e tolleranza del popolo kazako. In poco più di un mese il gruppo di BWS ha realizzato uno spettacolo a cui hanno assistito i presidenti dei paesi limitrofi Uzbekistan, Turkmenistan, Tajikistan, Kyrgyzstan e Turchia.

Lo spettacolo ha fatto rivivere la storia del ‘Eternal Country’, a partire dal libro del suo Presidente Nursultan Abishevich Nazarbayev, unendo tradizione e contemporaneità con danze popolari e tecnologie futuristiche. Una grande architettura scenica, realizzata dallo Studio Giò Forma, riproduce cielo e terra ed evoca un’immensa Yurta, abitazione tradizionale in cui i nomadi si riuniscono per tramandare la loro identità e simbologia. Il corpo artistico è composto da oltre 3000 perfomer, tra cui i migliori attori e ballerini del Paese, che insieme a cammelli e cavalli si è esibito su una colonna sonora composta appositamente, fatta di poesia, musica pop e melodie popolari.

“L’esperienza olimpica ci ha insegnato l’importanza di parlare al cuore della gente per creare emozioni indimenticabili. Celebrare oggi i 550 anni di storia del popolo kazako è per noi un grande onore e spero che la nostra partecipazione aggiunga un piccolo contributo ad un futuro promettente, pacifico e sostenibile del Kazakhstan”, ha commentato Gianmaria Serra, ceo di Balich Worldwide Shows.