Twitter, la semplicità è una guida per gli interlocutori

11 settembre 2015

Salvatore Ippolito

di Serena Poerio


“Vogliamo rendere la vita semplice agli utenti, ai pubblicitari, a tutti i nostri interlocutori”, ha dichiarato Salvatore Ippolito, country manager di Twitter Italia. L’obiettivo, per quanto ambizioso, è insito nella natura del mezzo: “Siamo nativamente semplici, i 140 caratteri facilitano il compito – ha proseguito Ippolito – e a supporto del ‘make it easy’ abbiamo diversi strumenti”.

Trend, tweet e promoted account agevolano la relazione dal punto di vista pubblicitario, ma le opportunità messe a disposizione delle aziende non si esauriscono qui.  Costruire un progetto che porti all’installazione dell’app, all’integrazione con le attività di crm o alla comprensione del proprio target di riferimento  è solo una delle possibilità messe a disposizione dei clienti. Tramite il social network dell’uccellino blu è possibile realizzare un vero e proprio percorso di comunicazione, fornendo agli utenti un’esperienza di engagement ricca e unica. “Siamo una piattaforma media, con metriche e semantiche che ci avvicinano al media classico, al contempo possiamo distribuire video e altri contenuti sia su pc che su mobile – ha affermato il manager – riusciamo a raccontare la pubblicità tramite uno storytelling della branding”.  La semplicità è nell’acquisto, nella pianificazione e nell’estensione delle audience.

Twitter, la cui base utenza supera i 300 milioni di persone mira a raggiungere con Twitter Audience Platform una base utenti congiunta più che raddoppiata, arrivando ai 700 milioni di users tramite pianificazioni pubblicitarie del network. Anche nei confronti dei ‘logged out user’ “stiamo lavorando per fornire una ricca esperienza”, ha affermato Ippolito. Sul targeting il manager ha aggiunto: “I nostri modelli sono completamente nuovi: le caratteristiche di targeting sono basate sul comportamento, tutte behavioral e misurabili. Possiamo analizzare le conversazioni relative al singolo evento o lavorare sul rumore costante”.

A disposizione, dei clienti Twitter offre un calendario di quegli eventi che generano maggiore traffico conversazionale. “E’ possibile – ha aggiunto Ippolito – individuare gli interessi o aggregare conversazioni in cui si parla di un determinato contenuto”.  Twitter è anche luogo di scoperta del video. Da marzo 2012 a dicembre 2014 le video views su mobile sono passate dal 4 al 38%, su Twitter si raggiunge il picco del 90% di viewership. In relazione all’impatto che ha la visione del video, il 63% degli utenti esposti al video del brand su Twitter ha una predisposizione favorevole nei confronti di un brand, il 28% dimostra un’intenzione d’acquisto. La modalità di pagamento: l’inserzionista paga dopo i 3’’ del video in autoplay.

“Abbiamo abbassato il cost per view alzando la soglia beneficio per utenza pubblicitaria – ha dichiarato Ippolito -. Cambia la modalità in cui le aziende devono pensare ai propri video promozionali, che devono essere sin da subito interessanti e accattivanti”. Tra le novità che l’azienda lancia nel mese di ottobre, Twitter Flight School, il programma già attivo negli Stati Uniti per offrire alle agenzie un percorso formativo gratuito e online.

“Vogliamo dare alle agenzie informazioni su come utilizzare la nostra piattaforma nelle proprie campagne – ha spiegato Elena Grazi, marketing coordinator di Twitter Italia -. Si potrà scegliere tra 4 rotte (acquisto ed esecuzione, pianificazione e strategia, account leadership ed executive leadership). Ogni corso durerà non più di 60 minuti, si potranno fare simulazioni interattive e alla fine del percorso si potrà ottenere il certificato e il badge digitale da apporre nel proprio profilo Linkedin e nella firma digitale”.

Il programma sarà presto disponibile per le pmi. A ottobre nuovi formati saranno disponibili anche in Italia. Tra questi Snapreels tramite cui gli utenti potranno giocare con gif animate e muoverle con il touch. Con #Twitterstudio è possibile connettersi live ad alcuni eventi, mentre #Tweetcam dà la possibilità di ottenere scatti fotografici di alcune manifestazioni in real time (l’operazione di Calzedonia – vedi notizia). Niche consentirà di produrre contenuti grazie alle celebrity del web consentendo agli inserzionisti italiani di mettersi in contatto con le star di Vine. Entro il 15 ottobre sarà infine possibile per agenzie e centri media iscriversi al #PoweredbyTweets (vedi notizia). A novembre durante una serata di gala saranno annunciati e premiati i vincitori.