M&C Saatchi nel 2015 cresce del 20% e lancia M&C Saatchi PR

10 settembre 2015

Il team di M&C Saatchi PR

di Valeria Zonca


Un approccio alla comunicazione senza limiti e barriere per offrire progetti con la massima integrazione tra strategia, creatività, contenuti e media. E’ questo lo spirito con il quale nasce M&C Saatchi PR (presentata ieri a Milano), secondo il modello distintivo che dal 2010 caratterizza la sigla creativa M&C Saatchi Italia, creata nel 2010 dal managing partner Carlo Noseda, dai creative partner Vincenzo Gasbarro e Luca Scotto di Carlo, dall’interactive partner Silvio Meazza e dal senior partner Jonathan Grundy, all’insegna del claim ‘Brutal Simplicity of Thought’. M&C Saatchi PR Italia esprimerà energie che garantiranno, accanto alle best practice di relazioni pubbliche, un approccio integrato che va da nuovi modelli di media relation, web strategy, eventi, fino al sostegno al management delle imprese in termini di piani e posizionamento strategico, analisi e riorganizzazione delle strutture di relazioni esterne, coaching strategico per imprenditori e management, sistemi di comunicazione interna, corporate social responsibility.

“Questo lancio è un’occasione per celebrare un quinquennio che ha permesso di creare una realtà di 85 persone, riconosciuta e apprezzata dal mercato – ha introdotto Noseda -. Il 2015 è stato un anno di conferma, con una crescita del 20% sullo scorso anno, grazie all’acquisizione dei budget BMW, IngDirect e UniCredit per l’Italia e l’estero con la sponsorship della Champions League. Il nostro format orizzontale con 5 soci in prima linea funziona: oltre ad aver arricchito il parterre di clienti con le gare, a cui partecipiamo anche per sperimentare e per testare il polso del mercato, seguiamo aziende dal giorno in cui abbiamo aperto. Questo ci ha consentito di raggiungere i risultati prefissati con tre anni di anticipo. Molte azioni di pr le abbiamo già fatte in maniera intuitiva, ora vogliamo avvalerci di una totale fusione delle competenze. La comunicazione è diventata un grande globo che si gestisce con la capacità poliedrica di affrontare ogni aspetto. La casa madre a Londra, che ha sempre caldeggiato l’attività di pr, è molto soddisfatta di questa apertura in Italia, anche perché sarà funzionale per alcuni clienti internazionali che vogliono entrare nel mercato italiano”.

M&C Saatchi PR, la cui proprietà sarà detenuta al 100% da M&C Saatchi, avrà un conto economico separato e un team di 9 persone guidato da Mauro Giusto, executive chairman, con esperienze al vertice della comunicazione corporate di alcune multinazionali e società quotate italiane, e da Francesca Noseda, managing director, advisor di alcuni brand leader nel mondo fashion, luxury e lifestyle. I clienti già in cantiere provengono da settori differentit: Damiani, Pwc, Cappellini, Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Maxxi, QVC, Spencer Stuart, Giorgetti, Salvini. “L’obiettivo è quello di avere un tavolo unico di confronto diretto e discussione per pensare campagne chiare e incisive. Le pr rientrano ‘naturalmente’ nel progetto creativo di un’azione di comunicazione, basti pensare che sono diventate una categoria ad hoc al Festival di Cannes”, ha spiegato Scotto di Carlo, che con Gasbarro guiderà la direzione creativa della neonata società.

“Questo approccio darà concretezza e una nuova visione anche alla creatività”, ha aggiunto Gasbarro. “La nostra è l’agenzia italiana con il più grande amministrato digital in Italia. La nuova frontiera che presidieremo sarà quella dei creative data e del native adv”, ha concluso Meazza.